Ti è piaciuto?

Eravamo tre studenti di quinta e venivamo da orizzonti talmente diversi che mai avremmo pensato di essere destinati a dirci un giorno ti amo.
Le vite di tre ragazzi dalla personalità molto diversa stanno per intrecciarsi indissolubilmente, ma loro non lo sanno ancora. Chloè è una ragazza timida e “ritratta” – come la definisce la sua professoressa -, controllata da genitori concentrati totalmente sulla sua formazione scolastica; Bastien, figlio di commercianti, usa la simpatia e gli scherzi per comunicare con il mondo esterno; Neville, il bello e dannato, un incrocio tra George Clooney e Colin Firth ma piccolo, scostante e tendente alla cleptomania, è alle prese con una madre sola, preda di insopportabili crisi d'asma. I loro destini avrebbero potuto non incrociarsi mai, se non avessero scoperto… il teatro. Si conosceranno durante un corso di recitazione, l'ultimo anno del college, per poi ritrovarsi, di nuovo, alla scuola di arte drammatica. Insieme alla loro speciale amicizia, crescerà la passione per la scena, guidati da un insegnante burbero e appassionato.

Commenti

Avatar sonwpzq
21/01/2022 22:11
1E - Liceo Laura Bassi, Bologna
Questo libro mi è molto piaciuto. È l'avventura di 3 ragazzi di 17 anni che si sostengono, crescono e capiscono cosa hanno dentro (dubbi, paure, immaturità) e che sperimentano la vita da adolescenti.
Avatar hajarbouchrou8
20/01/2022 18:22
1E - Liceo Laura Bassi, Bologna
Mi piace molto il modo in cui parla dell'amore, delle nostre passioni e dell'amore fra noi umani. Il libro ci insegna come questi ragazzi che sono diversi nei loro caratteri e anche economicamente, grazie ad un spettacolo di teatro arrivano a conoscere se stessi.
Avatar ringoxzayn
20/01/2022 15:56
1D - Liceo Laura Bassi, Bologna
libro carino, lo consiglio. se si ama il teatro sicuramente sarà ancor più interessante. tre ragazzi così diversi, ma che riescono comunque a stringere un amicizia molto forte. oltre ciò scoprono anche la passione per il teatro e ovviamente i 3000 modi per dire ti amo. :)
Avatar Slaifer06
19/01/2022 17:27
2D - Liceo Ulivi, Parma
La scrittrice, Marie-Aude Murail, in questo libro parla di amore, sogni, passione e speranza. Il teatro, scintilla che lega i tre protagonisti, li aiuta a cambiare rotta: Chloè vince la sua timidezza, Bastien impara ad impegnarsi, mentre Neville trova il sogno della sua vita. Attraverso la recitazione, inoltre, i ragazzi riescono a coltivare un'amicizia speciale, che durerà per tutta la vita e permetterà loro di comprendersi, di capirsi e di accettare i propri limiti. Mi sono immedesimata nella protagonista, che, come me, è molto sensibile e riservata. Ciò che ho apprezzato maggiormente è stato come l'autrice sia riuscita a creare una storia intorno ai versetti recitati, che trasformano la vita, le ambizioni e l'identità dei tre ragazzi. Della stessa autrice avevo letto già "Miss Charity", nella cui trama emerge la stessa passione per il teatro, anche se meno marcata. In questo libro, il teatro è in grado di plasmare i personaggi, di farli crescere e affrontare il passaggio dall'infanzia all'adolescenza. Un ruolo importante, a mio parere, è quello assolto dal maestro Jeanson, la figura adulta di riferimento per i protagonisti, soprattutto per Neville, che proviene da un contesto familiare disagiato.

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar federicogalletti
10/01/2022 12:58
2L - Liceo Scientifico “A.Pacinotti” di Cagliari
Questo libro mi ha fatto capire un secondo significato della parola ''amore'', ovvero che non esiste soltanto amore fra uomo e donna, ma anche fra amici. E il teatro è stato un modo per unificare l'amore tra Chloè, Bastien e Neville
Avatar Luigi-sarritzu
07/01/2022 18:26
2L - Liceo Scientifico “A.Pacinotti” di Cagliari
COMMENTO 3000 MODI PER DIRE TI AMO I protagonisti del racconto sono tre ragazzi di seconda media: Chloé, Bastien e Neville. Sebbene abbiano diverso carattere, diverse abitudini e vivano diverse situazioni economiche, hanno una punto in comune: non hanno mai partecipato a uno recita teatrale, ma grazie alla loro insegnante di francese che accompagna la classe a teatro, per poi coinvolgerla in un corso di recitazione, si appassionano e si rivelano ben presto bravi e, colpiscono fortemente il preside della scuola. I tre ragazzi, tra bisticci con i genitori, copioni faticosi e frequenti prove, diventano amici. Chloé è riservata, elegante e agiata economicamente; Bastien è coraggioso e scansafatiche, il suo unico obiettivo nella vita è riuscire a non lavorare, dovuto al fatto che i genitori lavorando duro non sono riusciti a mantenere in piedi la loro attività; Neville è un bel ragazzo affetto da cleptomania, un disturbo del controllo degli impulsi, che genera in lui l'incapacità di resistere a rubare oggetti. L'obbiettivo dell'autrice è che i tre ragazzi esprimano i loro sentimenti come amicizia e amore attraverso le narrazioni dei personaggi che dovrebbero cercare ogni volta di interpretare sul palco. Emozioni che, senza il teatro, avrebbero faticato ad esprimere o che non avrebbero mai esternato. E questa è la caratteristica principale del libro che tende a evidenziare che i sentimenti spesso vengono nascosti e che essere troppo introversi porta chiudersi in una bolla, dove l'ago per farla esplodere in questo caso è il teatro.