Ti è piaciuto?
L'orso gli fu subito sopra. Una femmina colossale. E furibonda. Il bosco, alle sue spalle, fiammeggiava.
Se quella era la fine, Janis si augurò soltanto di morire in fretta.
Bel posto la Siberia. Soprattutto se sei stato arrestato per aver protestato contro lo zar, e sei lì non proprio in villeggiatura in una katorga, costretto ai lavori forzati in un clima al limite della sopravvivenza umana. Come se non bastasse, i genitori di Janis hanno pagato con la vita il tentativo di difenderlo. All'improvviso, come un regalo impossibile del destino, un misterioso evento devasta la zona, e, pur ferito e solo, Janis riesce a scappare. Peccato che lì intorno non ci sia nulla, migliaia di chilometri di taiga.
Sa solo che non deve mai voltarsi, e che deve procedere a qualsiasi costo per allontanarsi il più possibile da una nuova cattura. Lo attendono animali selvatici e uomini ancor più mostruosi, in un viaggio al limite delle forze che diventerà anche un cammino interiore, un confronto con i fantasmi del passato e con la parte più profonda e  nascosta di sè. 

Commenti

Avatar Gurio
27/01/2024 17:21
2BS - Liceo Torricelli Ballardini, Faenza
Ho trovato questo libro molto appassionante, soprattutto quando la storia da leggermente monotona nei primi capitoli passa a contorta e molto introspettiva. L'autore riesce a farti mettere nei panni del protagonista, Janis, che nel corso del libro matura e prende consapevolezza del suo passato. Alcune scene sono descritte in maniera abbastanza cruda, ma secondo me questo aiuta ad immaginarci ancora di più le condizioni di vita pietose del protagonista durante il viaggio. Ho apprezzato un po' di meno l'ultima parte, che secondo me fa perdere un po' del realismo che si era creato fino a quel punto,. Nel complesso penso sia un'ottimo libro e lo consiglio a chi piacciono lo storie di avventura e introspettive
Wow!
Avatar albycolooo
21/01/2024 18:26
1A - IIS "Vittorio Bachelet", Oggiono
molto bello
Pensierone
Avatar Fab
Fab
01/03/2024 18:24
3BSA - Liceo Rosmini, Rovereto
Ho apprezzato molto questo libro, io non sono un grande appassionato di lettura, ma "Syberia" è riuscito a tenermi incollato alle pagine, con momenti di riflessione in cui la trama rallentava e altri invece dove rapidamente le emozioni salivano. I primi capitoli del romanzo sono abbastanza monotoni, con Janis (il protagonista) che deve sopravvivere alla taiga dopo essere fuggito dalla "Katorga", ma con l'avanzamento della lettura i colpi di scena non tardano ad arrivare, e l'atmosfera che regna nella storia raggiunge livelli ultraterreni e metafisici! Inoltre ho apprezzato molto lo studio e la spiegazione dello sciamanesimo siberiano. Consiglio questo libro a un pubblico di tutte le età, e agli amanti dell'avventura!
Avatar sereeeeeeeeeeeeeeee
01/03/2024 18:52
2ASC - Liceo Rosmini, Rovereto
Ho trovato la storia di Janis, il protagonista, molto interessante, soprattutto per i riferimenti reali riguardo la prigionia nella katorga, riguardo il periodo storico in cui è ambientata (1908) e la caduta dell'asteroide. Ho apprezzato il viaggio di fuga del ragazzo nella taiga, che rappresenta, come riportato dall'autrice, un percorso iniziatico secondo il sciamanesimo siberiano . Avrei preferito che le emozioni del protagonista venissero scavate con maggiore accuratezza, così da poter immedesimarsi meglio nel personaggio e rendere il suo profilo più verosimile. Ho trovato ingenioso da parte dell'autrice inserire termini in lingua russa, riferimenti a poesie e piccoli componimenti dello stesso protagonista.
Avatar Pietro_muratori
24/02/2024 18:20
1E - Liceo Tassoni, Modena
Personalmente mi é piaciuto molto questo libro, libro che narra la storia di questo prigioniero che riesce a scappare dal campo di prigionia in cui era rinchiuso e a sopravvivere per lungo tempo nella taiga, nel bel mezzo della foresta e gli animali feroci. Proprio qui il protagonista scoprirà il termine di sopravvivenza e la parola pazienza, che lo accompagneranno lungo il cammino. É un libro adatto a tutte le età, soprattutto per i ragazzi e per le persone a cui piacciano molto le avventure.
Avatar victy
06/02/2024 19:29
2U - I.I.S. Cesare Battisti, Bolzano
Questo libro mi è piaciuto molto all' inizio dove il protagonista (Janis) scappa dalla katorga e deve sopravvivere in un bosco della siberia. Lo scrittore riesce a farti immedesimare come il protagonista perchè molte scene vengono raccontate con molti dettagli, in alcune scene si ha anche impressione e ci fa capire come il protagonista soffre nella vicenda. L' ultima parte non mi è piaciuta molto anche perchè diventa surreale rispetto all'inizio. ho scelto il dipinto "Le ruisseau noir" di Gustav Coubret perchè secondo me rappresenta molto a vicenda dato che nel dipinto viene raffigurato un ruscello e nel libro l' avventuriero Janis segue un ruscello a cui da un nome Swiezy che da piccolo mentre la storia va avanti il ruscello cresce sempre di più e con lui anche il protagonista. Mentre ho scelto come colonna sonora L' estate di Vivaldi, perchè nella vicenda ci sono delle parti calme come quando Janis seguiva Swiezy delle parti ansiose e inquiete come quando è caduto dal pino o come quando incontrò Kemec.

Questa storia ti ha fatto venire in mente un luogo?

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar Gabr13l3
22/01/2024 17:52
2B - Liceo Morandi, Finale Emilia (MO)
Questo libro narra la storia di una giovane intellettuale sperduto nell'immensa taiga siberiana (d'estate, quindi niente tundra, neve o renne ma alberi, orsi e tante zanzare), che si trova a dover sopravvivere in mezzo alla natura ferito e male equipaggiato e incontra uomini e animali di ogni sorta (e certi uomini si riveleranno più bestiali degli animali), rischiando di morire in ogni momento. La storia è avvincente e si legge tutta d'un fiato per sapere come andrà a finire lo sventurato protagonista. Il racconto è articolato in due parti, la prima più concreta, la seconda più criptica. Lo stile è semplice e scorrevole, le descrizioni sintetiche ed efficaci e la trama sensata fino a un certo punto, ma accattivante, con un buon numero di colpi di scena, e il finale è sorprendente. Il fatto che quando il protagonista è in difficoltà troppo grosse arrivi un deus ex machina a salvarlo non intacca comunque la bellezza del romanzo. Il racconto si rifà ad eventi storici ed elementi della cultura siberiana, e cita spesso la letteratura russa. Lo consiglio molto
Avatar Fra1756
21/01/2024 07:43
1M - Liceo Attilio Bertolucci, Parma
Questo libro mi è piaciuto molto, mi sono divertito a leggerlo essendo che sono un appassionato di lettura, sicuramente uno dei libri più belli che ho letto.
Avatar Tho
Tho
21/01/2024 10:31
1A - IIS "Vittorio Bachelet", Oggiono
Questo libro è stata una vera gioia da leggere! La trama coinvolgente ha catturato la mia attenzione fin dalle prime pagine, portandomi in un viaggio emozionante attraverso personaggi ben sviluppati. L'autore ha un modo perfetto di dipingere immagini con le parole. La profondità dei temi trattati mi ha fatto riflettere, regalandomi un'esperienza di lettura che va ben oltre la semplice intrattenimento.
Avatar Beppe
20/01/2024 14:42
1G - Liceo Attilio Bertolucci, Parma
Syberia, libro di Guido Sgardoli e pubblicato da San Paolo, racconta, attraverso frasi brevi e concise, la storia di Janis, fuggiasco dalla katorga (prigione russa) dopo aver protestato contro lo zar. Il libro si può dividere in due parti: nella prima Janis è più razionale, impara a sopravvivere, alternando momenti belli e brutti; i momenti brutti arrivano sempre appena Janis ha raggiunto un equilibrio; nella seconda Janis inizia il suo percorso spirituale con lo sciamano, che lo aiuterà a tornare a casa. Lo Świeży, il torrente che Janis segue, secondo me può essere visto come una metafora del percorso di Janis: all'inizio è piccolo e spaventato, ma mano a mano lo Świeży cresce, come Janis: si sono incontrati da piccoli e sono cresciuti assieme, fino ad arrivare allo sciamano.
Avatar audio_guide
18/01/2024 18:16
2B - Liceo Morandi, Finale Emilia (MO)
Devo ammetttere di non avere mai avuto alte aspettative su "Syberia", credevo infatti fosse una classica lettura leggera per ragazzi in cui il protagonista affronta delle difficoltà e ne esce vittorioso. Dopo averlo letto posso dire con soddisfazione che questo romanzo di Guido Sgardoli riesce nel tanto arduo quanto delicato fine di fare riflettere il lettore. "Syberia" è la storia di Janis, un giovane prigioniero in un campo di reclusione isolato dalla civiltà nella taiga siberiana. Janis approfittando di una violenta esplosione nel cielo riesce a fuggire e si fa strada lungo chilometri e chilometri di foreste selvaggie e desolate. Il romanzo si articola nelle profonde riflessioni di Janis, perciò è facile immedisimarsi nel protagonista e seguire le vicende con fervore. In conclusione consiglio questo romanzo a tutti voi giovani filosofi e poeti stanchi delle solite letture monotone e inconsistenti ;)
Avatar Neviobetterelli09
16/01/2024 21:52
4B - Liceo Minghetti, Bologna
Considero questo libro come uno dei migliori libri che abbia letto quest'anno. Il libro racconta le vicende del giovane Janis Potocki, imprigionato in un campo di lavoro in Siberia. L'autore decide di iniziare il libro nel pieno dell'azione, con la fuga di Janis dal campo. Grazie a questa scelta e al ritmo veloce e incalzante il lettore viene subito catapultato nel vivo della scena e resta incollato alle pagine. Per merito della descrizione dei luoghi visitati dal protagonista, colui che legge si immerge in ciò che è raccontato nel libro e prova le emozioni di Janis. Il racconto continua con un ritmo veloce, sebbene interpuntato da scene e pause. Arrivando al finale della storia, devo ammettere di essere rimasto colpito e pieno di curiosità. Oltretutto, il fatto che gli ultimi eventi siano incorniciati in un contesto quasi onirico mi fa dubitare di ciò che ho letto e,forse,compreso. È indubbiamente un buon libro. Una buona colonna sonora per la lettura è sicuramente il notturno n.9 di Chopin.
Avatar andreafusco09
07/01/2024 10:35
4B - Liceo Minghetti, Bologna
A me personalmente io libro è piaciuto tantissimo, perchè è un misto tra racconto fantastico, verso la fine quanto Janis incontra lo sciamano [...], e storico, perchè rappresenta le sommosse e i moti all'inizio 900' , quando c'erano molte rivolte e manifestazioni nei confronti dello zar. La storia è anche molto avvincente, dato che l'autore ti fa immedesimare nel protagonista, Janis, che dopo la fuga dalla katorga deve stare molto attento a non morire sella taiga siberiana. In conclusione riguardo il brano, ho messo la marcia turca di Wolfgang Amadeus Mozart, perchè in certi punti la musica è movimentata e ci sono numerosi contrappunti, come quando nel romanzo Janis è appena evaso e deve fare i conti con la febbre e la ferita. Mentre in certi punti il brano emette una melodia rilassante, come quando Janis risale il fiume con calma e tranquillità.

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar pablo
29/12/2023 21:00
2AC - Liceo Rosmini, Rovereto
Storia avvincente e appassionante, mi è molto piaciuto il modo in cui l'autore permette di immedesimarsi completamente nel personaggio e anche come ha descritto gli avvenimenti in ogni minimo dettaglio: dal gulag, all'esplosione, alla fuga, fino ad arrivare all'immenso cratere, che segna secondo me la fine di una storia e l'inizio di un'altra, come se il vero viaggio iniziasse lì, nel cratere, l'origine di tutto. Penso che durante il suo lungo percorso Janis non solo sia cresciuto mentalmente, conoscendosi meglio, ma penso che il viaggio del protagonista, potrebbe rappresentare in modo metaforico la vita, un lungo percorso nel quale maturiamo. Consiglio caldamente il libro a tutti i lettori appassionati di avventura e amanti della libertà.

Questa storia ti ha fatto venire in mente un luogo?

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar HAKIMIMBAPPEjr
05/12/2023 19:51
1CL - Liceo Luigi Stefanini, Venezia Mestre
Il libro mi piaciuto. Sopratutto quando nel momento del caos totale all'interno del gulag durante l'evento metorologico. L'autore ha descritto molto quello che succedeva all'interno del gulag e anche al di fuori. Lo consiglio vivimamente