Ti è piaciuto?

Avatar San
Consigliato da
San
Fonny andava a una scuola professionale dove insegnano ai ragazzi a fare ogni genere di cose schifose e inutili, come tavolini da gioco, poggiapiedi e cassettoni che mai nessuno comprerà perché chi compra mobili fatti a mano? I ricchi no. Dicono che quei ragazzi sono tonti. Ma la gente che gestisce queste scuole vuole assicurarsi che non diventino intelligenti: in realtà insegnano ai ragazzi a essere schiavi.
Harlem, anni Settanta. Clementine, detta Tish, ha una famiglia tutto sommato amorevole che la sostiene e Alonso, detto Fonny, ha dalla sua parte solo il padre, alcolista, mentre sia le sorelle e la madre lo ritengono un poco di buono. 
Nonostante l'umile provenienza sociale e il contesto sfavorevole i due trovano il loro posto nel mondo, sono innamorati, felici e finalmente hanno un posto carino dove stare insieme. Ma in quell'America violenta e razzista la felicità non può durare. 
Un poliziotto, ferito nell'ego, per una futilità mette in atto la sua vendetta, e cattura, ammanetta e imprigiona Fonny accusandolo di violenza sessuale, senza nessuna prova a suo carico. La parola di un poliziotto, in quel contesto, vale molto di più di quella di un ragazzo nero, anche senza la minima prova.
La sorella di Tish trova un buon avvocato, e forse la possibilità di avere un difensore bravo e motivato darà una scelta a Fonny. 
Lo spiraglio di luce permette di vedere, come in un teatrino delle ombre, l'ingiustizia terribile che riguarda chi per una sola diversità sente su di sé lo stigma che lo rende vulnerabile e calpestabile nei diritti.

Commenti

Avatar ilefchhh
23/02/2024 23:40
2BL - Liceo Andrea Maffei, Riva del Garda
"Se la strada potesse parlare" di James Baldwin è un libro che racconta la storia di Tish e Fonny, una giovane coppia afroamericana negli anni '50 e '60 negli Stati Uniti. Affrontano molte sfide a causa del razzismo e delle ingiustizie della società dell'epoca. Baldwin usa un linguaggio emotivo, come possiamo vedere quando descrive i sentimenti travolgenti tra Tish e Fonny: "Non è stato l'amore a fermarmi, non è stato l'amore a spezzarmi. Se solo il mondo fosse stato diverso. Se solo fossimo stati diversi, allora tutto sarebbe stato diverso”. Questa citazione mi ha commossa perché nonostante i due ragazzi vivano una vita piena di difficoltà, ci sono sempre l'uno per l'altro. L'autore ci fa riflettere in modo coinvolgente sulle ingiustizie sociali attraverso i suoi personaggi. Ad esempio, quando Fonny è ingiustamente incarcerato, possiamo sentire il suo dolore e la sua frustrazione: "Fonny si accasciò nella sedia e posò la testa tra le mani. 'Non mi arrenderò, Tish. Non posso. Non ancora.' Il suono della sua voce era rotto, ma c'era ancora una fiamma di determinazione nei suoi occhi". Questo ci fa riflettere sulle prepotenze della società, ma potrebbe anche ispirare a lottare per un mondo migliore, dove l'amore e la giustizia prevalgono. Un momento chiave del romanzo che mi è piaciuto molto, è quando Tish riflette sulla potenza dell'affetto nonostante le avversità: "L'amore è la nostra forza, la nostra speranza, il nostro riscatto in un mondo che troppo spesso ci vuole spezzare. È ciò che ci tiene uniti, nonostante tutto." Questo riferimento centra l'amore nel romanzo, che fa riferimento alla resistenza dei personaggi di fronte alle difficoltà. I significati che l'autore vuole passarci attraverso questo libro sono principalmente tre: La lotta contro il razzismo e l'ingiustizia: Attraverso le esperienze dei personaggi afroamericani, Baldwin mette in luce le discriminazioni, le ingiustizie e il pregiudizio razziale che c'era nella società dell'epoca. Identità e ricerca di sé: Il romanzo esplora anche la complessità dell'uguaglianza nei contesti sociali e familiari. I personaggi affrontano domande cruciali sulla propria identità, sul loro posto nel mondo e sulla loro dignità umana in un ambiente ostile e discriminatorio. E infine, la richiesta di giustizia e speranza per un futuro migliore: Nonostante i problemi, i personaggi non si arrendono di fronte all'ingiustizia, ma lottano attivamente per i loro diritti e per una società più equa e inclusiva. Ho apprezzato molto questa lettura perché il testo era scorrevole e c'erano moltissimi dialoghi. Il messaggio che mi ha mandato questo libro è che ci sono ancora moltissime segregazioni, ma che nonostante ciò si deve sempre lottare per se stessi. Consiglio questo romanzo a chi si incuriosisce rispetto ai temi della famiglia e l'amore, ma anche alla lotta contro le discipline.
Avatar maryyyyna
15/02/2024 11:46
3G - Liceo Laura Bassi, Bologna
“Se la strada potesse parlare”, parla di una storia che va contro ogni ingiustizia e ideale, poetica, che ti porta a riflettere su quanto l' amore non sia sempre facile e non sempre ti faccia sentire bene. Tish è la voce narrante, una dolce ragazza di 19 anni felicemente fidanzata con Fonny, un ragazzo con una grande passione per la scultura. Sono innamorati e sognano una vita insieme fatta di sogni e progetti. Ma non sempre va tutto come dovrebbe e i due ragazzi si troveranno divisi per mano dei pregiudizi razziali che influenzano la società. Una storia talmente umana che riesce a farti empatizzare con i personaggi, lasciandoti una scia di emozioni quando lo leggi. Consiglio a tutt* di prendersi un momento per leggersi questo incredibile romanzo.
Avatar biancacaporali
13/02/2024 16:39
4F - Liceo Minghetti, Bologna
Questo libro mi ha stupito molto. Quando stavo cercando il libro da leggere volevo una normale storia d'amore molto leggera ed emozionante. Così ho trovato questo libro che, oltre a parlare di una passionale storia d'amore, parla di un tema molto importante che, a parer mio, è affrontato in maniera molto pesante nel libro:il razzismo. Ritengo che questo tema viene sensibilizzato e trattato molto bene. L'autore evidenzia in maniera corretta il problema e talvolta anche molto pesantemente raccontando svariati episodi. La storia è ambientata negli anni '70 nel quartiere di Harlem a New York. I due innamorati (Fonny e Tish) volevano sposarsi e comprare casa. I loro progetti vengono distrutti dopo che Fonny viene accusato di aver stuprato una donna portoricana. Dopo questo evento l'autore metterà in evidenza il grande amore e connessione tra i due protagonisti e di come si proteggono a vicenda. I due si conoscono fin da quando erano bambini ed è molto bello vedere come il loro rapporto e i loro caratteri crescono e si rafforzano nel tempo. A parer mio l'amore più bello che traspare nella storia è quello tra Tish e la mamma che farebbe di tutto per lei e per vederla felice. Il finale di questo libro è molto realistico e sicuramente lascerà a bocca aperta.
Avatar Bineta
06/02/2024 10:49
2U - I.I.S. Cesare Battisti, Bolzano
Di questo libro mi ha colpito la storia d'amore tra Fonny e Tish che è così toccante e intensa, e mi ha fatto riflettere molto sulla realtà delle ingiustizie razziali e sociali, sia nel passato che nel presente. È triste pensare che ancora oggi ci siano persone che vengono discriminate e punite solo per il colore della loro pelle. Il libro affronta queste tematiche in modo pesante in ambito di razzismo e ingiustizia sociale e ci fa capire meglio le difficoltà che molte persone affrontano ogni giorno e nella storia si può vedere come Tish che era incinta quando Fonny è stato arrestato ingiustamente, lei ha scelto di sostenerlo e di fare tutto il possibile per aiutarlo a uscire di prigione insieme alla famiglia di Fonny. Sono davvero grata di non aver mai subito queste ingiustizie e di essere vista per quello che sono, indipendentemente dal mio colore di pelle. "Se le strade potessero parlare" è un libro che se secondo me dovrebbe essere letto da tutti, perché ci apre gli occhi su una realtà spesso ignorata e ci fa anche riflettere sulla realtà della vita negli Stati Uniti e su quanto sia importante combattere l'ingiustizia e promuovere l'uguaglianza.

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar Bougrine
02/02/2024 19:31
1AL - IIS "Vittorio Bachelet", Oggiono
Ho inizialmente scelto questo libro poichè la trama mi aveva incuriosito di fatti il libro mi è piaciuto anche se talvolta si dimostrava un pò pesante,questo libro mi ha aperto gli occhi su come nel 900 neanche troppo tempo fa gli uomini neri venivano ingiustamente dichiarati colpevoli di reati da loro non commessi e di quanto questo possa infierire nella vita di una famiglia felice che era in attesa del figlio del protagonista,consiglio il libro a lettori che non danno per scontato le ingiustizie che possono accadere a causa del razzismo
Avatar Giogioxxxxx
30/01/2024 18:08
2B - Liceo Artistico Selvatico, Padova
Questo libro, ambientato nel novecento mi ha quasi sconvolto, è scritto in modo molto diretto e senza filtri. Racconta da una storia d'amore magnifica ma piena di ingiustizie, dove nessuno ha dei veri e propri diritti e i due protagonisti, sopratutto Tish, non riescono a decidere per loro stessi o a imporsi sulle persone che gli stanno attorno e che cercano di aiutarli. Racconta molto bene il duro razzismo verso le altre comunità e come venivano emarginati e condannati anche senza un vero e proprio motivo. E' un libro semplice e diretto che ti appassiona. Questo libro mi è piaciuto molto perché ti permette di "entrare nelle vite" dei due protagonisti e far parte di tutta la loro vita in subbuglio.
Avatar Bineta
30/01/2024 01:12
2U - I.I.S. Cesare Battisti, Bolzano
Di questo libro, ambientato nella seconda metà del '900, mi è piaciuta molto la storia d'amore tra Fonny e Tish e soprattutto mi è piaciuta la trama perché gli episodi di razzismo e di ingiustizia sociale, descritti nel testo, accadevano in passato ma purtroppo accadono anche al giorno d'oggi. Queste descrizioni portano a comprendere meglio tante situazioni dolorose. Molte persone vengono accusate pur essendo innocenti e vengono giustiziate o punite solo per il loro colore della pelle. Quindi in qualche modo questo libro ha lasciato un grande segno per me e penso che affrontare situazioni simili sia molto difficile sopratutto per la Tish che era incinta quando Fonny è stato arrestato. Tish ha scelto di sostenerlo e di fare tutto il possibile per aiutarlo a uscire di prigione insieme alla famiglia di Fonny. Io nella mia vita essendo nera, sono comunque grata di esserlo e mi sento fortunata di esserlo. Soprattutto sono grata di non aver mai subito queste ingiustizie e di essere vista ugualmente dagli altri. Questo libro fa riflettere molto le persone su come sia la vita negli Stati Uniti e su come bisogna stare accorti e su come sia facile essere accusati o uccisi solo per il colore di pelle.
Avatar lavenite
24/01/2024 15:15
1AL - IIS "Vittorio Bachelet", Oggiono
Questo libro presenta una storia d'amore circondata da ingiustizie e dolore che trasmette una sensazione di rabbia e allo stesso tempo fa riflettere ed evidenzia le difficoltà delle famiglie afroamericane nel novecento. Baldwin lo scrive usando un linguaggio semplice e diretto, dicendo le cose come stanno senza censure, e ciò lo rende un libro affascinante da questo punto di vista.
Avatar GianlucaIlCalabrese
24/01/2024 12:57
2C - IS Pietro Gobetti, Scandiano, RE
Se la strada potesse parlare è un romanzo ambientato nel 1974 di James Baldwin, uscito nel 2018 al costo di 17 euro e la casa editrice in questione è Fandango libri. La storia racconta di Tish e Fonny, due giovani innamorati che vivono ad Harlem, negli anni Settanta, e che devono affrontare le ingiustizie e il razzismo della società americana. Fonny è accusato ingiustamente di uno stupro e viene arrestato, mentre Tish scopre di essere incinta e cerca di dimostrare l'innocenza del suo compagno con l'aiuto della sua famiglia. Il libro è narrato in prima persona da Tish, dove racconta il presente in cui lotta per la libertà di Fonny, poi ci sono anche dei flashback, con i ricordi del loro passato insieme, in cui si sono conosciuti e innamorati. La voce di Tish è veramente molto forte, capace di trasmettere i sentimenti e le emozioni dei due personaggi, ma anche di marcare le violenze e le oppressioni subite dalla comunità dei neri in America. Il libro è una riflessione sull'amore, sulla famiglia, sulla fede e sulla speranza, in un contesto molto ingiusto e crudele. Se la strada potesse parlare è un libro che mi ha fatto commuovere molto e che esprime la forza e la bellezza dell'amore,anche di fronte a diversi e difficili ostacoli e lontananza ma anche la rabbia di chi è vittima di un sistema ingiusto. È un libro che parla anche di realtà, perché episodi simili sono accaduti anche qualche anno fa. Io lo consiglio di leggere, per la sua scrittura molto coinvolgente, e per il suo messaggio profondo e umano.
Avatar _elena_
21/01/2024 19:38
1M - Liceo Attilio Bertolucci, Parma
“Se la strada potesse parlare”, romanzo di James Baldwin, ambientato nell'America degli anni ‘70. La copertina del libro, a mio parere, non rispecchia pienamente ciò che ci viene raccontato all'interno di esso. Baldwin attraverso questo libro ci racconta la storia d'amore di Fonny e Tish in un mondo fatto di dolore e ingiustizia per i neri d'America, che ancora oggi è presente, anche se in maniera molto più attenuata. Fonny venne rinchiuso in prigione per un crimine che non aveva commesso e lei fu costretta a vivere con un figlio in grembo senza il padre, l'uomo che amava, che l'appoggiasse da vicino, nonostante si vedessero tutti i giorni ma separati da un vetro. La storia viene narrata da lei stessa, che ci racconta con molta attenzione ad ogni minimo dettaglio, tutto ciò che accade. I due ragazzi seppur molto giovani vogliono già sposarsi ma tutto si complicò quando una donna accusò Fonny di stupro, lui era innocente ma per la polizia la sua parola non valeva niente. Per tutto il libro, Tish e tutta la sua famiglia cercano qualsiasi modo per dimostrare la sua innocenza, o meglio, pagando per dimostrarla; Tutti cercarono di lavorare al meglio che potevano per guadagnare i soldi che sarebbero serviti per pagare la cauzione. L'inizio del libro è un po' dispersivo, infatti non si capisce bene ciò che sta succedendo, ma continuando a leggere tutto diventa più chiaro. Il libro è composto soprattutto da continui flashback, che ci spiegano tutto ciò che è avvenne nella loro infanzia, fino a quando Fonny andò in prigione. I due sono cresciuti insieme, nello stesso quartiere felici e innocenti, conoscevano il mondo che c'era al di fuori ma all'epoca erano ancora troppo piccoli per comprenderlo. L'America, in pochi conoscono la parte “brutta” e “trasandata” di essa e credo che James Baldwin l'abbia descritta in modo perfetto, anche se non esplicitamente. La storia mi ha coinvolta fin dall'inizio, per come sono state descritte le vicende narrate ma soprattutto per la storia e il significato che c'è dietro, mi ha coinvolta talmente tanto che era come se fossi lì a guardare tutto ciò che accadeva. La fine mi ha lasciata quasi senza parole, non mi aspettavo finisse in suspance ma neanche che finisse in modo felice e allegro. Credo che la scelta del non mettere un vero e proprio finale sia l'ideale per il racconto. Ho dato 10 perché è stato un libro che affronta la tematica del razzismo, in maniera molto profonda e significativa. Credo sia un libro che va letto almeno una volta in tutta la vita, infatti, spero venga letto da molti studenti come me, in maniera da poterci riflettere e parlarne.

Questa storia ti ha fatto venire in mente un luogo?

Avatar Dibe
22/01/2024 12:42
2C - IS Pietro Gobetti, Scandiano, RE
Se la strada potesse parlare è un romanzo di James Baldwin, pubblicato nel 1974, che racconta la storia d'amore tra due giovani afroamericani, Tish e Fonny nella Harlem degli anni Settanta. Il loro sogno di una vita insieme viene messo a dura prova quando Fonny viene ingiustamente accusato di uno stupro e finisce in carcere. Tish, incinta deve lottare con la sua famiglia per dimostrare l'innocenza di Fonny e salvare il loro futuro. è stato adattato in un film nel 2018 del regista Barry Jenkins, è un romanzo che esplora i temi dell'amore, della famiglia, della giustizia, del razzismo e della dignità umana. È scritto con uno stile poetico e intenso, che riflette Tish e le sue emozioni. Il libro mi è piaciuto molto e consiglierei di leggerlo a tutti.
Avatar bea1
21/01/2024 19:01
1G - Liceo Attilio Bertolucci, Parma
Se la strada potesse parlare è un libro di James Baldwin che racconta la storia di due ragazzi neri di New York, Tish e Fonny, follemente innamorati ma che si trovano di fronte ad un enorme ostacolo: Fonny, pochi mesi prima delle loro nozze viene incarcerato con l'accusa di stupro. In questo libro ci vengono raccontati tutti gli sforzi di Tish, una ragazza molto coraggiosa ma che senza Fonny si sente persa, e della sua famiglia nel disperato tentativo di tirare fuori il suo amato. Nel raccontarci questa storia é molto bravo l'autore, Baldwin, che riesce a farci vedere molto bene i sentimenti di tutti i personaggi ma, soprattutto, quelli di Tish, che è anche la voce narrante di tutto il romanzo, e di Fonny, un personaggio che non vediamo quasi mai se non attraverso dei flashback. Questi due ragazzi, nonostante siano ben descritti e amabili, non sono i miei preferiti: è, secondo me, molto ben descritto invece Frank, il padre di Fonny, che ama suo figlio più di chiunque altro: egli infatti farà di tutto per aiutare Fonny, arrivando a fare anche scelte drastiche e terribili. La storia è basata su alcuni temi principali: tra cui il desiderio di libertà, che si può notare durante tutto il libro. Molto più forte è, però, il tema della paura, del terrore che circonda i personaggi in continuazione, come dice Tish: “ È strano a cosa ci si aggrappa per superare il terrore quando il terrore ti circonda”. Un altro tema importantissimo è indubbiamente il razzismo, che mi fa pensare a tanti film che ho visto su questo tema, come Race, la storia di un atleta olimpico nero, e Green Book, che racconta la storia di un famoso pianista nero e del suo autista bianco. Insomma, Se la strada potesse parlare è decisamente un libro che consiglierei, molto interessante e accattivante.
Avatar Crevax
21/01/2024 12:26
2A - IS Pietro Gobetti, Scandiano, RE
Il libro ''Se la strada potesse parlare'' è un romanzo ambientato a New York negli anni '70 , la copertina del libro rappresenta veramente poco la storia che leggerai,in molte parti del libro ti verrà da domandarti:''ma l'ho letto bene?'' oppure ''perchè si ritrovano in questa situazione?'' , senza magari nessuna risposta perchè infondo tutto si collegherà e capirai il verso senso di tutta la storia. L'inizio del libro è stato molto strano per me perchè parte da un momento della storia che tu subito non riesci a capire , anche se voltando solo qualche pagina più avanti capirai la spiegazione di tutto ciò. I personaggi del libro ti potranno sembrare incasinati , infatti sono tanti e non descritti tutti all'inizio ma è proprio questo che ti farà incuriosire su ognuno di loro;ti piacerà molto la protagonista''Tish'' che è una ragazza rimasta incinta all'età di 21 anni da un uomo rinchiuso in carcere ingiustamente; il problema principale infatti sarà proprio far uscire di galera il suo futuro marito ''Fonny'' che è andato in prigione a causa di un errore della denuncia .Tish nel corso della storia avrà sempre la fiducia nella sua famiglia che la supporterà sempre e dal suo ragazzo , proprio lei e la sua famiglia cercherannò disperatamente soldi per la cauzione. Da quel che ho scritto si potrà capire che i principali temi della storia sono il razzismo che purtroppo in America esiste ancora, ''Il denaro '' di cui la famiglia necessità e '' l'amore '' che hanno tutti l'uno dell'altro.Come ho già citato è presente il razzismo che è davvero un tema importante tutt'oggi , ed è stato proprio questo tema a farmi andare avanti a leggere con più gusto, ma oltre questo mi ha spinto come tutta la famiglia di Tish abbiamo affrontato tutti i loro problemi nonostante lei debba portare avanti la gravidanza , questo ci fa capire lo scrittore di come non importi di come sono le difficoltà ma quello che veramente conta è come le affrontiamo. I personaggi del libro sono stati descritti davvero bene , insieme anche alla descrizione dei luoghi che ti fa proprio capire ogni singolo dettaglio facendoti cosi immaginare la storia nella tua mente e per finire il libro ricorda davvero tante citazioni sulla vita ; ed il finale del libro è proprio come ti aspetti che sia , anche se succede tutto in un'attimo. Al libro do 9 perchè non lo reputo un libro consigliabile a tutti ma comunque davvero unico nel suo genere ,anche se prima di leggerlo vi consiglio di vedervi il trailer per farvi un'idea della trama e quindi di cosa andrete a leggere. Il libro lo consiglio principalmente a tutti quelli a cui interessano storie sul razzismo, del dramma e a chi interessa capire come si trovano le famiglie americane in difficoltà economiche .Qua sotto allego una foto che rappresenta per me la parte dell'america che non tutti conoscono.

Questa storia ti ha fatto venire in mente un luogo?