Non farti mettere i piedi in testa, dice Nettie. Gli devi far capire chi è che comanda.
Loro, faccio io.
Ma lei insiste. Devi lottare. Devi lottare.
Ma io non lo so come si fa a lottare. L'unica cosa che so fare è restare viva.
Celie ha quattordici anni quando, dopo lo stupro del padre, rimane incinta. 
Le sue parole soffocano e incalzano tutte le pagine di questo famoso romanzo, vincitore nel 1983 del Premio Pulitzer, raccontando un dramma quotidiano fatto di insulti costanti, cattiverie gratuite e violenze infinite. 
Celie è una ragazza ed è nera. Celie non va a scuola, viene data giovanissima in sposa a Mr_____ di cui mai viene rivelato il nome. Celie cresce e diventa donna senza mai amare nessuno, neanche se stessa, fino a quando un'altra donna le fa vedere come può essere diversa la vita. Shug Avery ha classe, carisma, fascino e bellezza, doti che non appartengono a Celie, ma questo non importa perché Shug le dimostra che prima di amare gli altri bisogna imparare ad amare se stessi e forse, solo allora, si impara a lottare.
Questo è un romanzo duro, violento e spietato dove il razzismo, la violenza di genere e la sessualità femminile vengono narrati con un candore inusuale attraverso un freschezza narrativa ancora oggi inattuale.

Da questo romanzo Steven Spielberg ha tratto l'omonimo film.

Commenti

Avatar Lorenz81
20/01/2022 20:10
1E - Liceo Laura Bassi, Bologna
Il colore viola è un romanzo molto triste; il linguaggio spesso è molto duro e diretto e dal mio punto di vista rappresenta perfettamente le condizioni di disagio e di emarginazione di alcune persone. Il romanzo è ambientato in America nei primi anni del ‘900, narra della storia della giovane Celie, una ragazza nera, prima stuprata dal padre e poi costretta a sposare un perfetto sconosciuto, avido e crudele. La ragazza viene continuamente umiliata e maltrattata. Mi ha rattristato molto leggere le pagine del libro, speravo sempre che accadesse qualcosa di positivo alla protagonista, che potesse liberarsi dall'ingiustizia, lei comunque riesce sempre a cavarsela grazie alla sua forza ed al suo carattere. La vita le ha insegnato ad affrontare le cose e a reagire. Nonostante la tanta sofferenza alla fine riesce comunque a ricongiungersi con sua sorella che lei pensava fosse morta, quindi nonostante tutto riesce a trovare un po'di serenità.
Avatar taccinimartina
18/01/2022 09:40
1G - IIS A. Venturi, Modena
non è stato il mio libro preferito perchè solitamente leggo altri generi ma nonostante questo l`` ho letto molto volentieri in maniera appassionata perchè sono temi che mi interessano molto. Mi è piaciuto il metodo di scrittura ma soprattutto il femminismo che emerge nel corso della narrazione. Mi ha molto colpito anche il riferimento a Dio, come se stesse ascoltando le vicende di Celie.

Questa storia ti ha fatto venire in mente un luogo?

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →