2019 - 2020

Xanadu

2019 - 2020

Genesis

Bernard Beckett

BUR, 2019


Io non sono una macchina. Che cosa può sapere una macchina dell’odore dell’erba bagnata la mattina, o della voce di un neonato che piange? Io sono il tocco del sole tiepido sulla mia pelle, io sono la sensazione di un’onda fresca che s’infrange su di me. Io sono i luoghi che non ho mai visto, eppure immagino ad occhi chiusi. Io sono il sapore del respiro di un’altra persona, il colore dei suoi capelli.

Forse è un libro di fantascienza. Forse è una distopia. Forse è solo una sfida dialettica tra una giovane brillante, che non si accontenta e indaga, (rischiando di trovare risposte terribili), e una Commissione che deve valutarla durante l’esame di accesso all’Accademia. Ma più probabilmente è un saggio di filosofia mascherato, in cui si moltiplicano domande sul senso della vita, su cosa significa essere umani, sui rapporti di potere, sull’essere liberi o condizionati.

E a confermarlo, la protagonista si chiama Anaximander, come il misterioso pensatore presocratico, e si presenta in queste cinque ore di esame portando come tesi una sua interpretazione della vita del giovane ribelle che decenni prima ha dato inizio alla nuova Era. Una lettura spiazzante, con un finale davvero sconvolgente.

Ho trovato questo libro molto bello, in particolare il finale, che ho trovato molto inaspettato, mi ha travolto con tante emozioni, per lo più brutte, le quali sono: ansia, paura, rabbia, amarezza e tristezza. Ma provando tutte queste emozioni insieme il finale mi è piaciuto lo stesso. Il libro si legge scorrevolmente soprattutto all'inizio, ma verso metà libro la storia inizia a ingarbugliarsi e qualche volta sono stato costretto a rileggere il libro. La storia che si svolge è ambientata sulla terra in un futuro non molto prossimo in cui, dopo che la civiltà ha rischiato di estinguersi a causa di un virus inventato in laboratorio, si forma una nuova repubblica di un gruppo di abitanti di un arcipelago che preventivamente si erano isolati dal resto del mondo. Il racconto è narrato tutto in una stanza durante l'esame di ammissione di una ragazza che vuole entrare in una scuola prestigiosa . Anax, la ragazza, durante l'esame racconta la storia di un uomo nome Adam Forde che ha cambiato la politica della nuova repubblica.

Inventa un nuovo titolo

"Una nuova intelligenza fatta di idee" è il titolo alternativo che ho scelto per questo libro, poichè rispecchia perfettamente i concetti base del libro.

La frase che ti è piaciuta di più

Art:"Che cosa rende l’essere umano diverso da una macchina? Le emozioni? L’anima? E se fossero solo Idee, che come parassiti ci hanno contagiato, nascondendoci la verità?" Questa è la mia frase preferita dell'intero libro. dopo aver pronunciato questa frase Art, un coprotagonista, pronuncia un discorso che trovo bellissimo in cui spiega come le idee, una volta pensate, rimangano per sempre nell'aria anche dopo che sono state dimenticate.

La musica che metteresti come colonna sonora

la musica che sceglierei per l'idea che mi sono fatto di questo libro è "sono solo parole" di Noemi.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Il senso vero della copertina si riesce a comprendere solo alla fine del libro, e mi è stata molto utile per immaginare dei personaggi del libro. La copertina ha assunto un ruolo fondamentale nella scelta di questo libro, poichè mi è saltata all'occhio e mi ha fatto venire voglia di leggere questo libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Non esiste solo la nostra intelligenza, tutto può pensare.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Trovo questo libro molto bello, la scrittura molto bella, e alcuni particolari descritti talmente bene che ti fanno venire la pelle d'oca. Se mai lei farà una continuazione di questa storia o un libro della stessa pasta di questo sarò molto contento di leggerlo.


Ho trovato il libro veramente molto interessante, capace di catturare pagina dopo pagina l'attenzione del lettore creando un' irrefrenabile curiosità nel finale del libro e nella scoperta della verità riguardo tutti i temi trattati e tutti i dubbi della protagonista presentati, portando ad un finale sinceramente inaspettato capace di spiegare in modo logico e assurdo , nel senso positivo della parola, la trama e le vicende narrate.

Inventa un nuovo titolo

evolutionarily free?

La frase che ti è piaciuta di più

"Sono solo parole" disse Adam, ma la sua voce era svuotata di ogni convinzione. "parlare non è mai solo parole" replicò Art.

La musica che metteresti come colonna sonora

castle went dark - the XX

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

la copertina mi ha affascinato fin da subito, l'utilizzo della figura di uno scimpanzè/orango composto da milioni di fili rappresentanti la tecnologia mostra come un percorso di evoluzione, come quello narrato nel libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

.


Il libro è estremamente interessante, con concetti non sempre semplici e a cui se presti particolare attenzione capisci la fortuna che possiede il genere umano.
Lo consiglio vivamente a chiunque, scorrevole e pieno di sorprese.

Inventa un nuovo titolo

Un cuore di metallo

La frase che ti è piaciuta di più

La coscienza non è altro che lo sviluppo di un concetto in un determinato contesto

La musica che metteresti come colonna sonora

Gemini- Rude

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Azzeccata, rende bene l'idea dei sentimenti del coprotaognista Art

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Il libro che ti farà sentire vivo

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

It's a very interesting book, compliments for the great work!


Questo libro è davvero fenomenale. A differenza degli altri libri letti faccio davvero fatica a trovare dei difetti in un libro del genere. L' unica avvertenza che mi sento di dare è fate attenzione a tutto. Non sarà di certo un problema dato che il libro è molto avvincente e non si riesce mai a smettere di leggerlo! Il linguaggio utilizzato è molto alto data la situazione in cui la storia è narrata. Ho trovato davvero interessante che ad un certo punto il narratore che è anche la protagonista del libro diventi essa stessa una spettatrice. Questo libro non racconta semplicemente una storia, fa riflettere attraverso i personaggi e gli avvenimenti in che società viviamo e su quali siano i limiti dell'uomo. Un'altra cosa che mi ha fatto impazzire è il plottwist finale. Sconvolgente. Ovviamente non vi dirò di cosa si tratta, ma fa davvero capire le grandi capacità dell'autore del libro che riesce a mettere in dubbio ogni nostra certezza ribaltando completamente le carte in tavola. Nel complesso posso dire che il libro l' ho apprezzato davvero molto, lo rileggere molto volentieri e lo consiglio vivamente a tutti!

Inventa un nuovo titolo

Oltre l' umano

La frase che ti è piaciuta di più

Ho visto l' ambizione a una vita migliore, la volontà di rischiare tutto. Ho visto lo strano senso che aveva, partire solo verso un oceano ignoto, le bugie che deve aver detto a se stessa per arrivare a tanto.

La musica che metteresti come colonna sonora

Christina Perri - Human

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Ho apprezzato molto la copertina credo che rispecchi esattamente il senso del libro

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro in grado di sconvolgere ogni tua idea e di far riflettere più che mai


Genesis è un romanzo di fantascienza ambientato nel futuro. La storia mi è piaciuta molto, soprattutto il rapporto tra Adam e Art che cambia nel corso del romanzo. All'inizio la storia non mi entusiasmava molto, però andando avanti mi sono incuriosita sempre di più e la voglia di sapere cosa sarebbe accaduto alla fine non faceva che aumentare. Il finale mi ha lasciato a bocca aperta per lo shock; non mi sarei mai aspettata di certo un capovolgimento di tutte le sicurezze che Anaximander aveva su se stessa e sulla realtà che la circondava; sicurezze che, durante il suo esame aveva trasmesso al lettore.
Il linguaggio l'ho trovato un po' complicato, tanto che ho dovuto rileggere alcuni passi per capirli a fondo, ma nel complesso il libro è abbastanza scorrevole. Personalmente lo consiglierei agli appassionati del genere fantasy, perchè secondo me non è un libro che potrebbe piacere a tutti.

Inventa un nuovo titolo

Evoluzione nascosta

La frase che ti è piaciuta di più

"Non posso ignorare il fatto che la vita per me ha senso solo quando vedo un sorriso, o sento un'altra mano nella mia"

La musica che metteresti come colonna sonora

believer -Imagine Dragons

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina è attinente alla storia però personalmente non mi piace molto

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un futuro mai immaginato


Quando iniziai a leggere il libro non mi sentivo presa dal racconto, anzi mi sembrava poco interessante e appassionante, però non mollai la lettura. Continuando, infatti, ho spesso ragionato a fondo su cosa c'era scritto in quelle pagine e ho messo le parole a confronto con il presente della nostra attuale società. Ho trovato varie somiglianze e mi sono ricreduta sul libro. Mi ha saputo prendere e il finale soprattutto mi ha lasciato con una specie di amaro in bocca. Non mi aspettavo una fine di questo tipo, ho tratto molti ragionamenti dai discorsi di Anax e i suoi esaminatori. Tutto sommato è stata una lettura piacevole ed apprezzata.

Inventa un nuovo titolo

Come ti vuole la società

La frase che ti è piaciuta di più

Stai dicendo che una società devastata dalla peste è preferibile a una società devastata dall'indifferenza?

La musica che metteresti come colonna sonora

Ogni istante di Elisa

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Dalla copertina sono rimasta un po' perplessa dato che non mi lasciava intendere molto cosa avrei letto, più che altro mi è sembrata un mix di colori e figure. Dopo aver letto il libro, invece, l'ho apprezzata maggiormente e ho pensato fosse adeguata per la storia raccontata.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Cosa succede se si prova a sfidare la società di un futuro non molto lontano? Quali saranno i rischi e le conseguenze? Ci sarà un pensiero che terrà uniti tutti?


La prima volta che ho sfogliato il catalogo di Xanadu ho fatto una cernita; Genesis di Bernard Beckett era tra i libri che non avrei mai pensato di leggere. Poi un mio amico lo ha letto e mi ha raccontato una buona parte della trama e il romanzo ha iniziato a incuriosirmi e così ho deciso di leggerlo. Durante questo isolamento sociale è mia abitudine fare una videochiamata con un mio compagno di classe dopo cena, spesso l’orario coincide con quello in cui leggo. Per non rinunciare né all'incontro virtuale né alla lettura ho preso la decisione di leggerlo ad alta voce durante la “video”. Malgrado gli spoiler ricevuti, è stato comunque un duro colpo scontrarsi con le inaspettate scelte dell’autore che, proprio perché tali, reputo siano un pregio di questo romanzo.
Un altro merito di questo libro è la sua essenza filosofica. Più volte mi ha fatto riflettere sulla situazione in cui ci troviamo ora. Infatti, per casualità della sorte, il libro racconta come viene affrontata la pandemia nel 2050. L’autore focalizza la narrazione su un ristretto numero di persone che decidono di andare su un'isola per salvarsi e approfondisce le conseguenze della pandemia.
Lo scenario del libro è verosimile alla situazione che sta affrontando il mondo adesso. Durante la lettura mi sono posta molte domande, mi sono sentita un po’ come una filosofa al tempo del coronavirus. Come ne usciremo? Cosa cambierà? Cosa rimarrà uguale? Le prossime generazioni quanto ne saranno influenzate? Si parlerà di XXI secolo pre e post pandemia?
Ma la malattia non è l’unica fonte di meditazione.
Di seguito alcune delle frasi che mi hanno maggiormente colpita e mi hanno fatto riflettere .

“...Che cosa è nato prima, la mente, o l’Idea della mente? Non ci hai mai pensato? Sono nati insieme. La mente è un Idea…”
Questa frase mi ha fatto riflettere sul significato del concetto di “sapere”.
Infatti, appena ho letto la frase pensavo di aver capito tutto: la mente e l'idea della mente sono due facce della stessa medaglia. Ma più ci ripenso, più la ripeto nella mia testa, più la rileggo più mi accorgo di non sapere né cosa sia “la mente” né cosa sia “l’Idea della mente”(forse non l’ho mai saputo). Allora mi chiedo come è possibile affermare di sapere cosa è nato prima e cosa dopo se non si sa di cosa si parla. In conclusione non posso neanche affermare che siano nati insieme.

[...]

“Tu ti prendi gioco di me perché il mio tempo di vita è breve, ma è proprio questa paura di morire che soffia la vita in me.”
Questa affermazione mi ricorda che la vita e la morte sono temi molto vivi nell'animo umano, soprattutto in questo periodo. Infatti a causa del virus ci stiamo confrontando con la vita e la morte in una maniera a cui non eravamo preparati.

Per concludere, il romanzo mi ha frastornata, e, dunque, per ora non so dire se mi è piaciuto o meno, forse solo il tempo mi aiuterà a chiarirmi le idee. La mia unica certezza è che ha cambiato il mio modo di vivere la lettura: prima era un mezzo attraverso il quale trovavo risposte, ora è anche fonte di domande e riflessioni. Potremmo dire che Genesis di Bernard Beckett è la genesi di un mio nuovo percorso di lettura.

Inventa un nuovo titolo

Secondo me un titolo alternativo potrebbe essere “After Humanity”. Infatti, il libro è ambientato in un scenario distopico, nel quale un gruppo di sopravvissuti alla peste fonda una nuova comunità. Queste persone sono accecate dalla paura e perdono ogni sentimento umano. Questa mancanza è molto chiara nel seguente brano: “Avevano l’ordine di segnalare la posizione della barca avvistata, e poi una di loro scendeva dalla torre di guardia e percorreva il sentiero fino alla postazione di sparo. Lì un laser di piccole dimensioni, da armare con un codice casuale memorizzato ogni mattina dalla sentinella, sarebbe stato utilizzato per spazzare via l’imbarcazione. La seconda sentinella doveva restare nella torre di guardia e aveva l’ordine di tenere il fucile puntato alla nuca della sentinella incaricata di sparare. Le istruzioni erano chiarissime. Se la prima sentinella avesse mostrato segni di esitazione nel compiere i suoi doveri, doveva essere abbattuta immediatamente, senza appello o indagini.”

La frase che ti è piaciuta di più

“Sei spaventosamente brutto. Lo sai, vero?” Adam si chinò in avanti mentre parlava, come un pugile che assesta dei pugni per valutare la distanza dall’avversario. Art replicò con un sorriso tutto denti. La saliva si accumulò sul labbro di sotto della creatura, a riprova di un progetto di perversa accuratezza.“Sono programmato per trovarmi attraente.”
“Credevo avessi detto che ti auto programmi.”
“Una scelta saggia, non credi’”
“Un brutto è un brutto, comunque tu la metta.”
“Una dichiarazione interessante. Motivala.”
“Porta qui dentro venti persone” gli disse Adam,”e diranno tutti la stessa cosa, che sei brutto”.
“Portane venti come me” disse art, “e diremo tutti che hai il culo più bello della faccia”.
“Non siete in venti.”
“No, hai ragione. Sono un modello unico. Quindi posso tranquillamente dire che tutti gli androidi ti trovano brutto. Non tutti gli umani mi trovano brutto. Quindi, tecnicamente, io ho un aspetto migliore del tuo, usando criteri oggettivi.”

La conclusione di questo dialogo tra Adam e Art mi ha fatto sorridere, ed è proprio per questo che è la mia frase preferita. Mi piace soprattutto la sua natura statistica e matematica. È una sentenza assoluta.

La musica che metteresti come colonna sonora

Nella narrazione si alternano due circostanze: l’esame di Alex e la proiezione dell’ologramma che riproduce il dialogo tra Adam e Art. Durante la prova della giovane come colonna sonora metterei un silenzio quasi assordante nel quale i pensieri si accavallano l’uno sull'altro, un po’ come immagino avvenga nella testa della ragazza. Mentre durante la proiezione come sottofondo ritroviamo lo stesso silenzio che all'improvviso si appesantisce e ci isola dal resto dello spazio, come se fossimo sott'acqua. Dopo che ci si è abituati a questa bolla di silenzio si riesce ad udire un lieve rumore di ferraglia e di ingranaggi che si intensifica fino all'interruzione dell’ologramma. E di nuovo silenzio. P.s.: Di fatto, avendo io letto la maggior parte del libro ad alta voce, la mia colonna sonora è stata proprio la mia voce.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

I colori e lo stile del disegno che ci sono in copertina mi piacciono molto. Li trovo dinamici e attirano l’attenzione. Inoltre, la trovo molto fedele alla narrazione, sebbene abbia capito il suo significato solo leggendo il libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Contagioso: una cassetta degli attrezzi per sopravvivere all’oggi e per affrontare il domani.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Caro signor Beckett,
la ringrazio per aver scritto questo libro. Mi ha fatto molto riflettere.
Genesis è un punto e virgola nella mia vita da studentessa. Probabilmente la recensione che sto scrivendo del suo romanzo è l’ultima del mio bienno. Segna la fine di questi due anni, ma al contempo mi accompagna dolcemente verso il triennio, nel quale studierò filosofia, la stessa che pulsa viva nel suo romanzo.


La storia è molto interessante e stimola il pensiero. La cosa che forse ho apprezzato di più è come è tessuta la trama: infatti è raccontata in una prova d’esame che Anaximander (detta Anax) deve affrontare. Lei è una storica e nella sua prova d’esame per l’ingresso all’Accademia parla della storia di Adam Forde e del suo rapporto con l’androide Art, il rapporto tra in due è forse tra le parti più interessanti della storia e soprattutto quella che fa riflettere di più su cose come il senso della vita, la Coscienza, il Pensiero e l’Idea. La fine è sconvolgente.

Inventa un nuovo titolo

Un nuovo titolo che darei alla narrazione è: “Il Peccato Originale”. Si parla di questo "Peccato Originale" solo alla fine della storia, proprio nelle ultime pagine; descrive l’atto, che potremmo definire malvagio, che compie Art (il robot dotato di intelligenza artificiale) prima di diffondere il suo programma a tutte le fabbriche di intelligenze artificiali. Penso che questo potrebbe essere un buon titolo alternativo perché, anche se questo concetto viene espresso solo alla fine, è come se fosse la causa scatenante di tutta la storia.

La frase che ti è piaciuta di più

“La vita è creare l’ordine dal disordine. È l'abilità di trarre energia dal mondo esterno, di creare la forma. Di crescere. Di riprodursi. Tu non puoi capire.”. Ho trovato questa frase particolarmente bella perché mi è piaciuta molto questa descrizione della vita, diciamo che mi ha fatta sentire viva ed è stato bello.

La musica che metteresti come colonna sonora

Non c’è una canzone che possa fare da sottofondo a questo libro. Forse in alcuni punti ci potrebbe essere un crescendo di note musicali che accompagna i discorsi più fomentati che fanno Adam e Art.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Penso che la copertina sia molto bella. Io ho pensato potesse rappresentare Art in uno degli ologrammi che Anax ha dovuto preparare per l’esame. Grazie a questa illustrazione sono riuscita ad immaginare come fosse il robot mentre leggevo il libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

“Cos’è la vita? La coscienza? L’Idea? Il Pensiero? Questo libro prova a spiegarlo in un dibattito avvincente tra uomo e macchina”

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Sig. Bernard Beckett il suo libro mi è piaciuto molto e soprattutto mi ha fatto ragionare su tante cose importanti, quindi la ringrazio perché apprezzo sempre uno stimolo al pensiero come è stato il suo libro.


Il libro mi è piaciuto moltissimo, non tanto per la trama in sé per sé, quanto per gli argomenti trattati e per la profondità dei dialoghi tra i personaggi. “Genesis” è un romanzo che chiede di pensare, pensare alla nostra vita e alla nostra esistenza, e mi ha profondamente colpito. Il tema dell’intelligenza artificiale, centrale nel libro, è trattato in un modo completamente nuovo ed estremamente originale. Mi ha posto di fronte a numerose domande sulla mente, sulla coscienza, sulla libertà e sul rapporto uomo-uomo e uomo-macchina. Il finale è inoltre assolutamente sorprendente anche se lascia un po’ storditi. Consiglio sicuramente la lettura a chiunque abbia voglia di riflettere e di porsi domande; non vi deluderà.

Inventa un nuovo titolo

“L’idea”. Trovo questo titolo alternativo appropriato in quanto rispecchia la centralità del concetto di idea all'interno del racconto. Una delle domande che nascono dal romanzo è se sia nata prima la mente o addirittura l’idea della mente.

La frase che ti è piaciuta di più

“Il Pensiero, come qualunque parassita, non può esistere senza un ospite compiacente. Ma quanto pensavi che ci sarebbe voluto prima che il Pensiero trovasse il modo di progettare un nuovo ospite, più affine ai suoi gusti? Chi mi ha costruito, secondo te? Chi ha costruito la macchina pensante? Una macchina capace di diffondere Pensiero con un'efficienza davvero sbalorditiva? Io non sono stato costruito dagli umani. Sono stato costruito dalle Idee.” La frase viene pronunciata da Art, una macchina, durante un dialogo con Adam, un giovane uomo. Il concetto di Idea come parassita della mente è strepitoso, e il punto di vista da cui è raccontata la storia è davvero originale. In un mondo come quello di oggi in cui si parla tanto di intelligenza artificiale, è molto interessante ragionare su questi temi da prospettive forse un po’ filosofiche e irreali ma sicuramente molto stimolanti e interessanti.

La musica che metteresti come colonna sonora

“Natural” degli Imagine Dragons. Mi piace questa canzone perché parla di chi combatte e lotta per sopravvivere senza piegarsi, come aveva fatto Adam nella sua breve vita.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Trovo la copertina un po’ inquietante, devo ammettere che l'ho capita solo dopo aver letto il libro. In effetti riguardandola successivamente mi sembra appropriata. Mi piace pensare che le gocce che escono dal viso e dal corpo meccanico rappresentino l'umanità e le emozioni che nel passaggio da uomo a robot inevitabilmente si perdono.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

“…Io sono la cosa che nessuna macchina potrà mai fabbricare…”

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Le faccio i complimenti per questo libro così originale e profondo. Mi ha fatto riflettere tantissimo, in particolare mi hanno colpito alcune argomentazioni. L'idea che il mondo indugi nel corpo dell'uomo è incredibilmente profonda tanto quanto quella dell'androide che afferma che l'anima è solo una creazione dell'uomo spaventato dalla decadenza del corpo.


questo libro è una calamita. O piace o non piace.
Genesis ci riassume un nostro possibile futuro, fino ad arrivare a soffermarci, grazie al racconto di Animaxander, sulla vita di Adam Forde, le cui azioni hanno cambiato la storia.
Questo libro offre moltissimi spunti di riflessione, originati dal confronto di Adam con Art, un robot con intelligenza artificiale.
Nonostante i concetti espressi siano molto astratti e teorici, è impossibile non prendere posizione sugli argomenti espressi nel libro, una posizione che è diversa da lettore a lettore, che dipende dalle sue esperienze di vita e dai pensieri maturati singolarmente. Cosa è vivo? Cosa non lo è? Quando l' intelligenza artificiale diventa coscienza? Che cosa sono le idee? Le numerose domande in questo libro trovano risposte opposte, espresse da due individui che cercano di sostenere il proprio punto di vista. E la mente, cercando di trovare anch' essa una ropria rispostamentre legge, rimane vibrante e accesa e spenta allo stesso tempo.

Inventa un nuovo titolo

il prossimo ospite

La frase che ti è piaciuta di più

Tu vai fiero delle tue idee, come fossero prodotti, ma sono parassiti. Perché immaginare che l' evoluzione possa essere applicata solo alle cose fisiche? L'evoluzione non ha rispetto per il mezzo. Cosa è nato prima, la mente, o l' Idea della mente? Non ci hai mai pensato? sono nate insieme.

La musica che metteresti come colonna sonora

Non una in particolare. Questo libro secondo me non ha musica, è silenzio interrotto da qualche sfrigolio di elettricità poco funzionante.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Molto pertinente, non riesco a capire il senso del fiore.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

L' idea è un parassita che si costruisce il suo ospite.


A me questo libro non è piaciuto molto. All'inizio mi sembrava bello e coinvolgente, ma con il passare del tempo ha cominciato ad annoiarmi sempre di più e non mi stimolava a continuarlo a leggerlo. Il testo parla di Anaximander che deve superare un esame molto difficile della durata di 5 ore davanti ad una commissione. Inoltre, in alcune parti, l'ho trovato abbastanza difficile da capire e ciò mi ha portato a rileggere quella parte più volte. Questo libro lo consiglio alle persone che hanno un'età un po' avanzata perchè, a mio parere il linguaggio non è adatto ad un adolescente.

Inventa un nuovo titolo

Un esame impossibile

La frase che ti è piaciuta di più

La libertà è il virus per cui non esiste cura

La musica che metteresti come colonna sonora

needy

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina l'ho trovata adatta perchè dà subito nell'occhio

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

un esame di 5 ore ce la farà Anaximander a superarlo?


Ho trovato il libro molto interessante nella sua particolarità. L’aspetto che mi ha colpito di più è il dialogo tra Adam e Art, che fornisce una grande quantità di spunti di riflessione, tra l’altro su argomenti a cui fino ad ora avevo prestato poca attenzione, in particolare la differenza tra uomo e macchina. Il modo in cui l’autore delinea la personalità di Art è alquanto intrigante, ma lo è ancor di più il modo in cui essa muta e si evolve nei mesi, tanto da riuscire a far cambiare idea ad Adam sul confronto tra mente umana e intelligenza artificiale, cosa che, visti i primi incontri fra i due, sembrava impossibile. Ho trovato molto coinvolgente il fatto che la protagonista scopra nuove verità sulla sua società e sulle proprie origini man mano che il colloquio prosegue; percorso che si conclude con un finale inaspettato e ricco di colpi di scena, per via di personaggi che si rivelano totalmente diversi rispetto a come erano stati descritti nel corso della narrazione (ad esempio Pericles). Consiglio questo libro a chi cerca una lettura focalizzata nell'innescare una serie di riflessioni e, in parte, anche a coloro che amano i romanzi di avventura, che apprezzerebbero soprattutto la parte finale del racconto.

Inventa un nuovo titolo

.

La frase che ti è piaciuta di più

.

La musica che metteresti come colonna sonora

.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

.


Un romanzo di fantascienza che si svolge in un lontano futuro, la protagonista, Anaximander o meglio conosciuta come Anax desidera entrare nell'istruzione più prestigiosa della sua repubblica: l'Accademia. Dopo un lungo percorso di studio prepara una ricerca su Adam Ford, l'eroe nazionale che osó opporsi al regime e che per punizione fu rinchiuso per mesi in una stanza con Artfink, l'androide piú evoluto che la tecnologia avesse mai creato, che poi scomparve nel 2077. Inseguito Anax sosterrá un esame, davanti una commissione, della durata di cinque ore e nell'esporre la sua tesi si scoprirà pian piano che le cose non andranno esattamente come sono raccontate. Il romanzo é breve (183 pagine) ma é ricco di spunti di riflessione. Alcuni passaggi li ho dovuti rileggere molte volte per comprenderli davvero. Un esempio é quando l'autore presenta l'esperimento mentale della "Stanza Cinese". Si può definire Genesis un romanzo che richiede al lettore di pensare, pensare approposito della nostra vita della nostra esistenza. Nel commentare questo romanzo trovo enormi difficoltà, il solo consiglio che vi posso dare é di provare a leggerlo, tuttavia se davvero siete interessati a questo romanzo, un altro consiglio che vi posso dare é di non leggere niente che in qualche modo posso rovinare la lettura. Trovate una copia e iniziate a leggerla: l'esperienza che si prova dalla lettura di "Genesis" é ancora migliore se non si sa cosa ci si aspetta.

Inventa un nuovo titolo

Una tecnologia evoluta

La frase che ti è piaciuta di più

L'anima é la nostra idea più antica.

La musica che metteresti come colonna sonora

Beautiful People- Ed Sheeran

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Penso che la copertina sia molto appariscente in un certo sento, invoglia il lettore a leggere il libro ma nel momento in cui leggi il libro ti puoi rendere conto che la copertina non centra molto con il romanzo che so va a leggere.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Leggere con gusto


Il libro contiene una storia molto avvincente, che fa riflettere ai lettori, anche alcuni capitoli posso essere difficili da capire, infatti bisogna prestare la massima attenzione, grazie ad una serie di intrecci durante la vicenda, il lettore sarà sempre più incuriosito. Il finale stroncherà tutti i pensieri del lettore, poiché avverrà un colpo di scena che ribalterà tutta la storia. Il libro mi è piaciuto, perché è molto intrigante, inoltre si può leggere molto velocemente grazie alla quantità di dialoghi, infatti è un libro che presenta veramente pochissime descrizioni, io personalmente lo consiglio per le persone a cui piace il genere fantasy

Inventa un nuovo titolo

Il nuovo mondo

La frase che ti è piaciuta di più

Anaximander: Cerco di non essere sorpresa. La sorpresa è il volto pubblico di una mente che si è chiusa.

La musica che metteresti come colonna sonora

What’ s my age again

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Avrebbe dovuto scegliere una copertina migliore più avvincente.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Il mondo del futuro


Il libro "Genesis" mi è piaciuto perché anche se la fantascienza non è il mio genere, è riuscito a coinvolgermi, soprattutto grazie alla sua parte filosofica, che mi ha dato molti spunti di riflessione. Il linguaggio è piuttosto complicato e il ritmo è lento, ma nonostante ciò il libro è abbastanza scorrevole. Lo consiglierei ad appassionati del genere o agli adulti, perché, almeno secondo me, non è un libro per tutti

Inventa un nuovo titolo

Uomo contro Androide

La frase che ti è piaciuta di più

Tu ti prendi gioco di me perché il mio tempo di vita è breve, ma è proprio questa apura di morire che soffia in me la vita.

La musica che metteresti come colonna sonora

Non ne ho la più pallida idea

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Pessima scelta, non mi ha attirato affatto. Fortunatamente, non si giudica un libro dalla copertina.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro breve, ma intenso

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Bel libro, mi ha dato molti spunti di riflessione. Con un linguaggio un po' più semplice e una narrazione più rapida sarebbe perfetto per i ragazzi della mia età


La storia mi è piaciuta molto. È ambientata nel futuro e racconta lo svolgimento dell'esame di ammissione all'accademia di una ragazza, Anax, che come tema ha portato la storia di Adam, uomo vissuto anni prima. Ho trovato i dialoghi e le riflessioni all'interno del racconto abbastanza complicate e profonde, infatti spesso mi sono dovuto fermare a pensare o rileggere, per capire bene il significato di ciò che leggevo. Inoltre ho trovato il finale decisamente inaspettato e doloroso, ma che comunque era stato precedentemente anticipato attraverso alcuni indizi nascosti. In conclusione, ho trovato la storia molto interessante e profonda, tuttavia posso comprendere che potrebbe risultare noioso ad alcuni. Lo consiglierei a persone a cui piace particolarmente la fantascienza.

Inventa un nuovo titolo

Un nuovo titolo per il romanzo potrebbe essere "Il pensiero della macchina"

La frase che ti è piaciuta di più

Nonostante la grande presenza di frasi particolarmente belle all'interno della storia, quella che mi è piaciuta di più è: "Tu ti prendi gioco di me perchè il mio tempo di vita è breve, ma è proprio questa paura di morire che soffia in me la vita. Io sono il pensatore che pensa il pensiero. Io sono curiosità, io sono ragione, io sono amore e sono odio. Io sono indifferenza. Io sono figlio di un padre, che a sua volta è figlio di un padre. Io sono la ragione per cui mia madre ha riso e la ragione per cui mia madre ha pianto. Io sono lo stupore e io sono stupefacente. Si, il mondo può premere i tuoi pulsanti nel passare attraverso i tuoi circuiti. Ma il mondo non passa attraverso di me. Vi indugia. Io sono in esso ed esso è in me. Io sono il mezzo attraverso il quale l'universo è arrivato a conoscere se stesso. Io sono la cosa che nessuna macchina potrà mai fabbricare." Questa parte di testo; che rappresenta uno dei tanti tentativi di Adam di spiegare per cui lui, un uomo, è superiore a una intelligenza artificiale. Mi piace perchè rappresenta una possibile definizione di vita.

La musica che metteresti come colonna sonora

Non saprei che musica mettere come colonna sonora.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina rappresenta il modello dei robot presenti nella storia, formati dal corpo da robot e da una testa da orango. Nella copertina il robot versa delle lacrime. Personalmente, la copertina non mi piace molto, la trovo leggermente inquietante, tuttavia mi piace il fatto che sia attinente con ciò che è raccontato all'interno del racconto.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

"Scopri Adam e l'intelligenza artificiale"

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Caro signor Beckett
Ho trovato il suo libro molto profondo e riflessivo. Immagino che per parlare così filosoficamente della vita, della mente, delle idee e del pensiero, ci sia voluto molto tempo di riflessione dietro. Il suo libro mi è piaciuto e leggerei volentieri altri suoi romanzi.


Genesis é un libro che prima di leggerlo a me inspirava fiducia, ma dopo averlo letto non mi é piaciuto, perché secondo me un pó noioso. Questo libro parla di una ragazzina chiamata Anaximander che deve svolgere un'esame per entrare in una Accademia. Parlerá della vita e delle opere di Adam Forde, morto nel 2077, dopo aver sfidato l'intelligenza artificiale e aiutato l'umanitá. C'é una scena che mi ha toccato piú delle altre, ed é il finale.
Il personaggio che a me é piaciuto ed é quello della commissione.

Inventa un nuovo titolo

Il futuro visto nel passato

La frase che ti è piaciuta di più

Non c'é una sola frase ma un dialogo. Il dialogo che si crea a pag. 165. Manca a voi scoprirlo

La musica che metteresti come colonna sonora

Forza e coraggio di Alessandra Amoroso

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

No

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Ripensa al passato senza pensare al futuro


Un romanzo di fantascienza che si svolge in un lontano futuro, la protagonista, Anaximander o meglio conosciuta come Anax, desidera entrare nell'istruzione più prestigiosa della sua repubblica: l'Accademia. Dopo un lungo percorso di studio prepara una ricerca su Adam Forde, l'eroe nazionale che osó opporsi al regime e che per punizione fu rinchiuso per mesi in una stanza con Artfink, l'androide piú evoluto che la tecnologia avesse mai creato, che poi scomparve nel 2077. Inseguito Anax sosterrá un esame, davanti una commissione, della durata di cinque ore e nell'esporrea sua tesi si scoprirà pian piano che le cose non andranno esattamente come sono raccontate. Il romanzo é breve (183 pagine) ma é ricco di spunti di riflessioni. Alcuni passaggi li ho dovuti rileggere molte volte per comprendereli davvero. Un esempio é quando l'autore presenta l'esperimento mentale della "Stanza Cinese". Si può definire Genesis un romanzo che richiede al lettore si pensare, pensare approposito della nostra vita della nostra esistenza. Nel commentare questo romanzo trovo enormi difficoltà, il solo consiglio che vi posso dare é di provare a leggerlo, tuttavia se davvero siete interessati a questo romanzo, un altro consiglio che vi posso dare é di non leggere niente che in qualche modo posso rovinare la lettura.

Inventa un nuovo titolo

La fantascienza

La frase che ti è piaciuta di più

La stanza cinese

La musica che metteresti come colonna sonora

Giovanotti

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Penso che la copertina sia molte interessante travolgente che invoglia a leggerlo

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Leggere con gusto


Genesis per me è un libro molto bello ed interessante che secondo me rispecchia molto anche la società attuale dove non si può mai credere a nulla. "Quella persona mi sta dicendo la verità? La TV è attendibile? È tutto solo una farsa o dobbiamo crederci e basta?" Dobbiamo sempre stare all'erta. Il libro mi ha colpito molto, specialmente il finale in cui mi sono anche un po' commossa perché è triste ma con un significato molto profondo. È veramente un libro molto bello e profondo, mi è piaciuto moltissimo.

Inventa un nuovo titolo

Un'anima libera

La frase che ti è piaciuta di più

"Tu ti burli di me perché il mio tempo di vita è breve, ma è proprio questa paura di morire che soffia in me la vita"

La musica che metteresti come colonna sonora

Ogni Istante (Elisa)

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina è molto bella anche se all'inizio non mi colpiva molto. Dopo un po' dall'inizio della mia lettura credevo di averla interpretata correttamente, ma mi sbagliavo. Infatti ho capito pienamente il suo significato solo quando sono arrivata alla fine del libro. È veramente bella e molto significativa, mi è piaciuta

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Una ragazza pronta a tutto pur di superare un esame, sicura di se e sicura degli altri; ma la realtà non sempre è come sembra.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Io personalmente ammiro molto gli autori come lei che scrivono libri per ragazzi cogliendo i significati delle cose attuali nel profondo. Mi è piaciuto molto il libro e il suo significato, complimenti.


Questo libro non mi è piaciuto molto, forse perchè non è il mio genere.
Il libro parla soprattutto di fantascienza e filosofia e ha un linguaggio abbastanza complicato, certe volte non capivo il senso della frase, forse perchè la lettura era abbastanza complicata.
Questo libro, secondo me, non rispecchia il genere degli adolescenti.

Inventa un nuovo titolo

Anax

La frase che ti è piaciuta di più

"parlare non è mai solo parole"

La musica che metteresti come colonna sonora

Beautiful People-Ed Sheeran

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

la copertina, secondo me, non c'entra nulla con la storia.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

il libro è comunque interessante

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

.