Vuoto d'amore

Einaudi, 2022
130 pagine
Ti è piaciuto?

Avatar Shirley
Consigliato da
alda-merini-silvia-rocchi-768x432.png 630.56 KB

illustrazione tratta da Alda Merini: ci sono notti che non accadono mai di Silvia Rocchi (BeccoGiallo 2019)

Spazio spazio io voglio, tanto spazio
       per dolcissima muovermi ferita:
voglio spazio per cantare crescere
      errare e saltare il fosso
     della divina sapienza.
Spazio datemi spazio
ch'io lanci un urlo inumano,
quell'urlo di silenzio negli anni
     che ho toccato con mano.
Le poesie di Alda Merini arrivano allo stomaco, feriscono, dando spazio al suo dolore e alla sua follia ma anche alle vite, agli amici e agli amori che hanno lasciato traccia in lei. I versi, le parole, i racconti si sedimentano in noi che leggiamo lasciandoci “senza difesa”.
Un consiglio: leggi le poesie un po' alla volta, lascia loro il tempo di depositarsi e se ti va leggile ad alta voce, in solitudine.

Podcast su Alda Merini

Commenti

Avatar galva
04/04/2024 11:48
3BSA - Liceo Rosmini, Rovereto
"Vuoto di Amore" di Alda Merini parla della tristezza e della solitudine quando l'amore non è ricambiato. La sua poesia tocca profondamente le emozioni legate alla mancanza di amore.
Avatar _elena_
24/03/2024 20:46
1M - Liceo Attilio Bertolucci, Parma
“Vuoto d'Amore”, raccolta delle poesie di Alda Merini, raggruppate in quattro sezioni curate da Maria Corti. Esse parlano della vita, le amicizie, gli amori, le follie della poetessa a tratti incompresa, le poesie infatti sono alquanto malinconiche, cupe, che fanno riferimento al suo modo di pensare e di vedere la vita. Alda Merini era una donna probabilmente insicura, che ha dato tanto alle persone che per lei hanno dato zero e questo la tormentava. Credo che nonostante tutto sia una donna forte, che è riuscita a dare voce ai suoi pensieri rendendoli piccoli versi di poesie, magari ciò la aiutava a liberare la mente facendola sentire più libera. Alcune delle poesie che mi hanno colpita maggiormente sono: - “Io sono certa che nulla più soffocherà la mia rima, il silenzio l'ho tenuto chiuso per anni nella gola come una trappola da sacrificio, è quindi venuto il momento di cantare una esequie al passato” qui la poetessa dichiara finalmente addio al passato, cercando di riuscire a vivere il suo presente e il suo futuro per il meglio; - “Non abbiamo tempo di sognare l'amore e pensiamo solo alla fuga e come bufali stanchi, fra le orme del nostro deserto, a volte ci buttiamo per terra e il nemico ci uccide.” Alda Merini descrive il suo modo di vivere l'amore con un'emozione: il tormento; - “Quando sono entrata tre occhi mi hanno raccolto dentro le loro sfere, tre occhi duri impazziti di malate dementi: allora io ho perso i sensi ho capito che quel lago azzurro era uno stagno melmoso di triti rifiuti in cui sarei affogata.” Ricorda il manicomio nella quale è stata ricoverata per i suoi presunti problemi mentali. La raccolta di queste poesie mi ha colpita particolarmente, inizialmente pensavo fossero noiose e pesanti, ma leggendole ho percepito il significato profondo che si cela dietro. La prima lettura, a mio parere, è sempre leggermente complicata, sia per lo stile dell'autrice che per le poesie in sé. Esse sono ricche di similitudini e metafore, che, dal mio punto di vista, alleggeriscono la lettura rendendola forse più comprensibile. Per quanto non sia una lettrice appassionata di poesie, queste le ho davvero apprezzate, per questo ho dato 8 stelle. Consiglio questo libro sia alle persone che amano il tipo di poesia, o racconti delicati e complessi, sia alle scuole, così da poter discutere insieme, fra alunni e insegnanti.
Avatar gaiamaggi1209
21/03/2024 15:53
1B - IIS "Vittorio Bachelet", Oggiono
Questo libro è una raccolta di poesie che l'autrice Alda Merini scrive, relative alla sua vita, spiegando il vuoto che sopraggiunge dopo un abbandono e trovando conforto nello scriverle. Le poesie coinvolgono il lettore facendogli provare quasi gli stessi sentimenti. A me sono piaciute molto perché sono brevi, interessanti e mi hanno riempito di emozioni. Lo consiglio vivamente a chi si affaccia per la prima volta alla lettura di poesie.

Questa storia ti ha fatto venire in mente un luogo?

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar agata_pedrabissi
15/03/2024 23:56
2B - Liceo Morandi, Finale Emilia (MO)
"E se torno dal chiuso dell'inferno torno perché tu sei la primavera: perché dunque rifiuti me germoglio, casto germoglio della vita tua?" Credo che il miglior modo per immergersi nelle poesie di Alda Merini sia quello di leggerne una piccola parte, proprio perciò ho deciso di riportare alcuni versi di "O mia poesia, salvami". Questa è stata una delle prime poesie che ho avuto modo di leggere, ed al contempo è stata tra quelle che mi ha maggiormente colpito. Non sarei probabilmente capace di esplicitarne minuziosamente il motivo, ma in questi versi è a parer mio delineabile la figura della Merini. Spesso oltrepasso la lettura dell'introduzione di un libro, ma in questo caso non l'ho fatto. Non avevo infatti idea di cosa aspettarmi da una raccolta di poesie, è la prima che leggo; sono perciò contenta di aver dedicato un qualche minuto alla lettura di queste prime pagine. Danno effettivamente modo al lettore di strutturarsi un'idea della figura di Alda Merini. I cambiamenti nella vita della scrittrice sono proporzionali ai cambiamenti nei suoi scritti, e questi sono definibili soltanto grazie ad una minima conoscenza della biografia dell'autrice. La lettura di una raccolta di poesie necessita di tempo, spazio di riflessione. Un qualche minuto ogni giorno dedito alla lettura di alcuni versi. Non sono forse ora ancora in grado di sviluppare un pensiero completo per l'intera raccolta, ma sono convinta di poterne consigliare la lettura e condividerne gli spunti di riflessione che Alda Merini offre al lettore.
Avatar fillippomozzi
02/03/2024 07:46
3BSA - Liceo Rosmini, Rovereto
"Porsie d'amore" di Alda Merini è un'opera poetica intensa e struggente che esplora i labirinti dell'amore e della sofferenza con una profondità emotiva unica.
Avatar ilariasanto
15/02/2024 21:07
4F - Liceo Minghetti, Bologna
Spesso fatico nel comprendere le emozioni degli altri ,non riesco a entrare completamente in sintonia con il pensiero di nessuno. In queste poesie Alda Merini non fa altro che esternare i suoi più personali pensieri e tutto ciò che le passa per la testa ,mettendo a nudo il suo stato di persona. Certe volte esprime la sua stanchezza ,la stanchezza di vivere in un mondo che non riesce a soddisfarla; altre invece fa spazio ai suoi più puri sentimenti ,quelli che solo in certe circostanze riesce a far venire fuori. Ci sono cose che ci provocano reazioni forti: odori, paesaggi, canzoni, storie e la maggior parte delle volte proprio le persone. Secondo me se noi siamo ciò che siamo è anche e soprattutto grazie alle persone che conosciamo ,a quello che altri ci hanno saputo dare o togliere. Lei in queste sue considerazioni fa spazio a tantissime figure ,tanti volti entrati nella sua vita. A mio parere però lei rimane la persona a cui vuole dare più spazio di tutte ,le sue poesie sono la sua chiave per liberarsi dai pensieri che la affliggono continuamente ,che la tormentano fino a non avere altro oltre che a loro. Tutti siamo stati almeno una volta Alda e tutti ci siamo sentiti persi qualche volta ,lei però l'ha fatto per tutta la sua vita. Le sue poesie non erano una medicina ,erano ciò che le serviva per trovare il suo equilibrio. A me personalmente questa raccolta di poesie è piaciuta molto perché portano a una riflessione e spesso sono riuscita a ritrovarmi in alcune delle sue considerazioni ,anche se a volte un po' difficili da capire a colpo d'occhio.
Avatar Lume
31/01/2024 21:14
2BS - Liceo Torricelli Ballardini, Faenza
Personalmente, ho trovato questa raccolta di poesie molto emozionante. Infatti, nonostante siano semplici o brevi all'apparenza, in realtà sono molto significative e fanno capire molto a chi legge della storia e dei sentimenti provati dalla scrittrice Alda Merini. A chi lo volesse leggere anche solo per piacere, lo consiglio vivamente, anche se il lessico utilizzato può essere leggermente difficile da comprendere.
Avatar miruna
30/01/2024 14:52
2B - Liceo Artistico Selvatico, Padova
Vuoto d'amore di Alda Merini è una racconta di poesie raggruppa in unico libro. Le poesie parlano di vari argomenti a partire da se stessa,la sua famiglia e anche d'amore. A me le poesie in generale sono piaciute e le ho trovate interessanti ,una delle mie preferite è “Canto alla luna”
Avatar Giampy
19/01/2024 15:49
2B - Liceo Morandi, Finale Emilia (MO)
È una raccolta di poesie divise in sezioni e raggruppate a seconda dei temi: da quelle dedicate a se stessa, ai familiari, alla sua editrice, fino a ritratti di poeti celebri. Alla fine del libro vi si trovano le poesie più toccanti, di una profondità e amarezza rare ma bellissime, esse sono quelle che raccontano la vita passata in manicomio. La scrittrice, questo libro lo compone in momenti di una sua speciale perspicacia, sebbene i fantasmi che recitano da protagonisti nel teatro della mente provengano spesso da luoghi frequentati durante la follia. Ricapitolando, vi è una prima dolorosa realtà vissuta in modo stupefatto, in cui ella è vinta; poi la stessa realtà viene interrotta nell'Universo della memoria, venendo riprodotta in una visione poetica in cui è ella con la penna in mano a vincere.
Avatar chiaaa
17/01/2024 22:06
2A SAS - IIS Capirola, Ghedi (BS)
Questa raccolta di poesie mi ha colpita. Ognuna di esse rappresenta dolori, follia della vita, ma anche amicizia e amore dell'autrice. Marina cara, la giovinezza ti lambisce le spalle ed è onerosa come la poesia: portare la giovinezza è portare un peso tremendo, sognare fughe e fardelli d'amore e amare uomini senza capirne il senso. Il divario di una musica il divario della tua fantasia non possono che prendere spettri, perciò ogni tanto te ne vai lontana in cerca di una perduta ragione di vita in cerca certamente della tua anima. Questa lettura, in particolare, è piena di parole confortevoli, ma allo stesso tempo piena di insicurezza. Parla della gioventù, un periodo della vita delicato, da prendere con le pinze poiché si cambia, si provano emozioni mai provate prima e si va alla ricerca della propria anima, proprio come scritto nel testo. Si parla di allontanarsi in cerca della ragione di vita e portare il peso della propria giovinezza addosso. La gioventù è un periodo di svago, si deve godere la vita e consumarla al meglio prima che essa ti consumi.
Avatar Masimo
17/01/2024 22:13
2A SAS - IIS Capirola, Ghedi (BS)
Non mi sono mai piaciute più di tanto le poesie e faccio anche fatica talvolta a comprenderle ma questa raccolta di poesie mi ha colpito. Mi ha compito maggiormente come Alda abbia scritto della sua follia, dell' amore e dell' esistenzialismo nel periodo di reclusione in manicomio per problemi mentali . La poesia che mi ha colpito di più è quella che si trova in copertina “ Sono nata il ventuno a primavera ma non sapevo che nascere folle, aprire le zolle potesse scatenar tempesta. Cosí Proserpina lieve vede piovere sulle erbe, sui grossi frumenti gentili e piange sempre la sera. Forse è la sua preghiera.“ La poetessa nelle prime righe afferma che entrare nelle parti più profonde e cube della nostra anima talvolta ci provoca disguidi e confusione, e io sono perfettamente d'accordo e condivido il suo pensiero perché non è facile riuscire a capirsi in fondo e quando ci riesci non sempre accettiamo chi siamo.
Avatar Lion09
16/01/2024 11:40
1I - Liceo Galvani, Bologna
" o poesia non venirmi addosso , sei come una montagna pesante, mi schiacci come un moscerino, poesia, non schiacciarmi , l'insetto è alace e insonne, scolpita dentro la rete, poesia, ho tanta paura, non saltarmi addosso, ti prego " Ecco una delle poesie che mi ha colpito di più. Questo libro è una bellissima raccolta di poesie di Alda merini di ogni genere tristi, felici, tragiche ..... Molte persone credono che la poesia sia uno spreco di tempo, un genere di scrittura " noioso", io invece penso che la poesia sia anche più coinvolgente di un libro che narra una storia....

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar Josh_Hutcherson
02/01/2024 13:22
1I - Liceo Galvani, Bologna
In generale la poesia non esaurisce il suo messaggio in una prima lettura. Quest' opera di A. Merini è particolarmente intensa, e per me complessa. Ma allo stesso tempo capace di arricchirmi con quello che sono riuscito a percepire.

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →