Ti è piaciuto?

Ho fatto di tutto, senza emozioni e senza rimorsi, bruciato case, sfregiato facce, svaligiato banche, azzoppato cavalli, pisciato sul cadavere dei vigliacchi che avevano provato a colpirmi alle spalle. Posso cavalcare giorni e notti senza mangiare né dormire, posso bere come una spugna e centrare una moneta a trenta passi, barare a ogni tipo di gioco con i dadi o con le carte, ballare il Malambo dei gauchos più a lungo di tutti, ma la cosa che mi riesce meglio è vibrare la coltellata giusta, quella definitiva, dal basso verso l'alto.

Alla fine dell'800 erano molti gli europei che salpavano in cerca di fortuna, e la nuova Eldorado pare fosse l'Argentina. Una terra promessa, da prendere e colonizzare, una terra di speranza.
Ed è proprio in questo viaggio che Morgan Jones nasce, e nello stesso tempo resta orfano: la madre muore per le conseguenze del parto e il padre di polmonite. Adottato da un prete presbiteriano, all'età di quindici anni decide di andarsene dopo una molestia subita dal patrigno.
Il ragazzo vaga per tre anni nella Pampa, nomade, in totale solitudine e arrangiandosi alla meglio per sopravvivere. Finché un giorno viene colto di sorpresa e sequestrato dalla banda di Butch Cassidy, il cosiddetto Mucchio Selvaggio. Morgan può scegliere: morire o unirsi a loro. La scelta è obbligata, e dopo pochi mesi viene ribattezzato amorevolmente Barbaroja.
Un essere spietato che rapina banche, uccide e sfregia a sangue freddo, ecco quello che nel giro di pochi mesi diventa Morgan Jones, un bastardo, ed è felice di esserlo, gli piace la nuova vita. E quando in un bordello di un piccolo villaggio incontra Maria Leibowitz, capisce di avere incontrato la sua anima gemella. Ma un bastardo si può innamorare?

Commenti

Ancora nessun commento