Nella città una rosa

Bompiani, 2020
Ti è piaciuto?

Le vennero in mente tutte le cose che si dicono ai bambini. “Fa quello che ti si dice.” “Non rispondere.” “Vieni qui.” “Sta' buona.” Lovejoy strinse i denti. Silenziosa. Docile. Riconoscente. Tutte le cose detestabili che i bambini erano costretti a essere, e tutte le cose meravigliose e libere, pensò Lovejoy, che non potevano essere […]. “Ave Maria,” disse fra i denti, “ti prego, fammi diventare impertinente e indipendente.
In Catford Street 203 si trova il ristorante della famiglia Combie, quello che per Lovejoy Mason è diventato casa da quando sua madre, soprano delle Blue Moon, ha smesso di portarla in tour con sé. Da quando Lovejoy ruba un pacchetto di semi di fiordaliso, la sua missione diventa quella di crearsi un giardino. C'è solo un piccolo problema: Londra è completamente invasa dal cemento, ma lei non è disposta a scendere a compromessi e piantare i suoi fiori in un vaso o in una cassetta, come fa il resto del vicinato.
Ma anche in mezzo ai mattoni le bande trovano i loro quartier generali, nascosti dallo sguardo degli adulti, tra i “buchi delle bombe”, le zone distrutte dalla guerra. Ed è proprio in mezzo alle macerie che Lovejoy, si intrufola in segreto per trovare il posto adatto per il suo giardino segreto. Ora le mancano solo degli attrezzi (da rubare), degli aiutanti (tra cui Tip Malone, uno dei ragazzi più temuti) e un modo per arrivare alla terra del prestigioso giardino di Miss Angela Chesney…

puoi leggere anche:
Frances Hodgson Burnett, Il giardino segreto

Commenti

Avatar May
May
18/01/2022 15:39
2B - Scuola secondaria di primo grado, Guido Novello, Ravenna
Mi è piaciuto tantissimo. Questa storia mi ha fatto pensare ad una cittadina quasi vuota, piccola..... Consiglio il libro a chi legge tutti i libri non solo quelli che all'apparenza sembrano belli.❤️
Avatar Ely08
19/01/2022 19:36
3X - scuola media "Marco d'Oggiono", Oggiono
Il libro “Nella città una rosa” di Rumer Godden mi è piaciuto molto. Il punto di forza di questo libro è senza dubbio la protagonista, Lovejoy, una ragazzina dodicenne coraggiosa e determinata, ma allo stesso tempo dolce e tenera. Il libro non mi ha appassionata fin da subito; inizialmente, a causa delle descrizioni fitte e molto dettagliate, la narrazione mi è sembrata lenta e poco fluida, ma dopo aver letto i primi capitoli introduttivi la lettura è diventata veramente coinvolgente e scorrevole. Ciò che mi ha colpito di più è stata l'ambientazione e la grande capacità dell'autrice di farti affezionare ai personaggi, proprio come se li conoscessi per davvero. La storia di Lovejoy è un inno alla speranza e insegna l'importanza di coltivare sempre i propri sogni, grandi o piccoli che siano. Consiglio questo libro a chi vuole vivere un'avventura per le vie di Londra insieme a Lovejoy e riscoprire l'Inghilterra degli anni '50.

Questa storia ti ha fatto venire in mente un luogo?

Avatar Marcobelle
16/01/2022 18:46
3E - Scuola media L. Trombini, Tirano
Questo libro mi è piaciuto molto perché mi ha fatto scoprire la vita dell'Inghilterra negli anni '50. Consiglio questo libro a chi vuole tornare un po' indietro nel tempo e a chi vuole creare un proprio giardino.