2019 - 2020

Xanadu

2019 - 2020

La frontiera

Alessandro Leogrande

Feltrinelli, Italia, 2015


Le regole del viaggio 1) Non mettersi mai in viaggio con fratelli, mogli, fidanzate, genitori. 2) Condividere solo con gli amici più stretti, una o due persone, l'intenzione di partire. 3) Il giorno della partenza non salutare le persone care. 28) Non guardarsi indietro

Alessandro è ai primi anni di università quando inizia ad insegnare italiano come volontario in una scuola per immigrati. Diventa amico di Shorsh, e sul suo passato sa solo che è curdo, e che è scappato da una situazione difficile. Una sera lo invita a cena nell'appartamento che divide con altri studenti, e Shorsh gli fa vedere un video amatoriale che conserva come un tesoro. Per Alessandro è uno shock, e l'inizio di un percorso che diventerà per sempre ossessione e impegno quotidiano, senza tregua: sullo schermo compare una cittadina senza vita, con cadaveri ovunque. Donne, uomini, bambini, mucche, cavalli. Scoprirà di cosa si tratta, e quando l'amico curdo sparirà nel nulla, così come era arrivato, inizierà la sua ricerca.

Da quel giorno, e per tutti i giorni della sua vita, Alessandro Leogrande mette al centro le vite degli altri, dei profughi di ogni sud ed est, intervista, studia, viaggia per capire, e racconta su giornali, riviste, libri, perché tutti abbiano la possibilità di non sfuggire di fronte alle tragedie della nostra epoca.

In questo libro inchiesta passa, attraverso le esperienze di giovani profughi, dal Darfur alla Libia a Lampedusa, dall'Eritrea ai tremendi viaggi sul Mar Mediterraneo di cui anche noi siamo silenziosi e distratti testimoni.

In questo libro ci appare tutta la realtà a cui sono sottoposti i poveri immigranti che per scappare da paesi poveri e distrutti anche dalle guerre, sono disposti a qualsiasi sacrificio pur di realizzare una vita migliore.
Molto interessante, libro da far conoscere a tanti.

Inventa un nuovo titolo

La speranza

La frase che ti è piaciuta di più

“Poi mi dice che quando stava in Africa immaginava che, appena entrato in Italia, in Europa, avrebbe avuto subito un lavoro, la macchina, la casa… Pensavo così – sorride – ma non è successo. Molti italiani non ce l’hanno neanche loro, un lavoro. Quando stavo in Africa, non pensavo che fosse possibile.”

La musica che metteresti come colonna sonora

musica africana

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Mi piace ed è molto significativa

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Quello che la gente non sà, la vera vita dei migranti


Mi ha lasciato qualcosa dentro. Non dimenticherò facilmente questo libro. Ho pianto alla fine, ho pianto per tutte le volte in cui mi sono sentita indifferente a certi avvenimenti. Lo consiglio tantissimo.

Inventa un nuovo titolo

Il percorso

La frase che ti è piaciuta di più

“La frontiera corre sempre nel mezzo.
Di qua c’è il mondo di prima. Di la c’è quello che deve ancora venire, e che forse non arriverà mai.”

La musica che metteresti come colonna sonora

Everything I wanted - Billie Eilish

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

è bellissima

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

non saprei

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Grazie per avermi aperto gli occhi.


In questo romanzo Leogrande, scrittore e giornalista italiano, racconta in maniera toccante e profonda delle storie vissute personalmente, ma anche raccontategli da amici, conoscenti ed estranei. Il tema protagonista di queste vicende è l’immigrazione. Attraverso questo libro Leogrande riesce a informare il lettore sulla grande e importante realtà dell’”attraversamento dei mari” e anche sulle verità ad essa collegate, come le organizzazioni criminali che gestiscono il flusso migratorio e le moltissime morti provocate da questo. Il giovane scrittore tratta di episodi che hanno come protagonisti degli esseri umani, punto su cui si sofferma e su cui vuol far riflettere molto. Bisogna ricordarsi che anche se un problema non ci tocca in prima persona può essere invece di estrema importanza per la vita di qualcun altro. Non è giusto pensare che, se non conoscessimo un individuo, questo per noi non debba essere importante e non debba meritare una vita felice e libera. 

Inventa un nuovo titolo

Un titolo alternativo potrebbe essere “Siamo tutti esseri umani, ricordatevelo”.

La frase che ti è piaciuta di più

La frase che ho preferito è “Proteggere le persone non i confini”. A mio parere questa citazione descrive perfettamente il succo di questo libro. Credo che spesso non si rifletta abbastanza su quanto anche solo una vita sia importante e non si tenga conto del perché una persona abbia la necessità, perché è necessità e non piacere, di lasciare il suo paese rischiando la vita, spendendo tutti i suoi soldi e non sapendo se otterrà mai la libertà. Bisogna essere meno egoisti, aprire gli occhi e comportarsi da umani.

La musica che metteresti come colonna sonora

La musica che utilizzerei come colonna sonora è “Combattente” di Fiorella Mannoia. Il testo di questa canzone evidenzia l’importanza di lottare per ciò che è giusto e per chi ha bisogno del nostro aiuto, anche se questo comporta avere paura e a volte non avere nessuna certezza e gratificazione.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina di questo libro mi piace molto, anche se avrei preferito vedere il volto del signore che vi compare per poter capire meglio le sue emozioni.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

“In fondo dipende tutto da dove nasci, c’è chi è più fortunato e chi meno. Non trovi però che tutti meritino la possibilità di essere felici?”

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Salve, signor Leogrande,

        Volevo farle sapere che “La frontiera” mi ha permesso di approfondire un tema       molto importante su cui desideravo informarmi meglio e che, grazie a questo libro, ho approcciato in maniera più consapevole e più umana. Le faccio i miei complimenti, oltre che per i contenuti, anche per la forma. Infatti il romanzo è scritto in maniera scorrevole e toccante.

Grazie.

nota della redazione: cara Viola grazie per il tuo appassionato commento, ci tenevamo soltanto a farti sapere che non potremo inviarlo all'autore, che è morto giovanissimo, appena quarantenne, qualche anno fa. Crediamo che avrebbe apprezzato moltissimo la tua analisi del libro e per questo ti ringraziamo a suo nome. La redazione di Xanadu


La parola che meglio rappresenta questo libro è attualità.
Le tematiche trattate sono piuttosto complesse ma molto attuali, inoltre l'autore usa spesso riferimenti molto concreti.
Potrei definire questo libro un romanzo e al tempo stesso un testo informativo, infatti mi ha aiutato a chiarire alcuni temi sull'immigrazione che ignoravo e che non mi erano limpidi.
Concludo quindi dicendo che consiglio questo libro, in particolare alle persone che hanno voglia di leggere qualcosa di informativo ma che non sia troppo pesante, che quindi tratti gli argomenti indirettamente e in modo trasversale per mezzo di molti esempi.

Inventa un nuovo titolo

Un titolo alternativo che sceglierei è "Dietro le quinte del nostro mare"

La frase che ti è piaciuta di più

la frase che considero più significativa e che mi ha colpito maggiormente è la seguente: "C'è una linea immaginaria eppure realissima, una ferita non chiusa, un luogo di tutti e di nessuno di cui ognuno, invisibilmente, è parte: è la frontiera che separa e insieme unisce il Nord del mondo, democratico e civilizzato, e il Sud, morso dalla guerra, arretrato e antidemocratico". Questa frase mi piace tanto perché porta a galla una questione che oggigiorno è molto attuale e che però viene mascherata al fine di nascondere ideologie, linee di pensiero e luoghi comuni pregiudizievoli, che mostrano la faccia arretrata della nostra società.

La musica che metteresti come colonna sonora

La canzone che metterei come sottofondo è “essere umani” di Marco Mengoni.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina mi pare calzante all'argomento trattato dal libro, ripropone in modo indiretto il tema immigrazione via mare.
Quindi penso che la copertina sia azzeccata e che in questa non ci sia niente da modificare.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un viaggio per addentrarsi nei misteri nascosti degli spostamenti in mare.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Salve, ho trovato il suo libro ricco di informazioni interessanti e riferimenti concreti che aiutano il lettore a immedesimarsi.
A mio parere il suo libro è molto ben riuscito, infatti sarò contento di leggere altri suoi libri.


Il libro è molto pesante all’’inizio, però, alla fine restano nella mente le storie dei sopravvissuti dai naufraghi.

Inventa un nuovo titolo

I sopravvissuti

La frase che ti è piaciuta di più

In quell' istante ho sentito finire la mia vita.

La musica che metteresti come colonna sonora

Ghost

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Sta molto bene con il significato del libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Se sei un sopravvissuto di un naufragio, credo proprio che tu debba leggere questo libro.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Mi dispiace che tu sia morto, volevo leggere altri suoi libri.


"La Frontiera" tratta di storie di emigrazione da un punto di vista di persone che le hanno vissute in prima persona. L'autore, Alessandro Leogrande, riesce a parlare di questo argomento molto attuale e delicato con molta leggerezza, la quale rende questo libro molto interessante e appassionante e mai noioso.
Riesce a trasmettere un messaggio molto profondo attraverso la narrazione di migrazioni. Questo permette di darsi numerose risposte alle quali altrimenti non sapremmo rispondere. "La frontiera " riesce a far immedesimare molto il lettore nei migranti, permettendo di leggere il libro dal loro punto di vista.

Inventa un nuovo titolo

La ricerca della libertà

La frase che ti è piaciuta di più

Proteggiamo le persone, non i confini.

La musica che metteresti come colonna sonora

I Shall be released di Bob dylan

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Penso che magari la copertina non trasmette l'idea di cosa significhi realmente compiere i viaggi di cui tratta.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Viaggi alla ricerca di una libertà negata


La scrittura di Leogrande riesce a raccontare ciò che sta accadendo con una straordinaria leggerezza infatti troviamo la capacità di narrare attraverso l’immedesimazione. L’autore fa comprendere qui il significato della parola frontiera (termine che ha avuto un enorme valore nella storia della cultura occidentale - adesso divenuto di stringente attualità).
Il libro ha una scrittura immediatamente percepibile e mai noiosa che riesce a tenere pienamente desta l’attenzione del lettore. Un libro che commuoverà il lettore e che lo farà innamorare del libro. Assolutamente consigliato

Inventa un nuovo titolo

Un Uomo. Una Frontiera.

La frase che ti è piaciuta di più

“Proteggere le Persone, non i confini”

La musica che metteresti come colonna sonora

Quinta Armonia del gruppo Persimfans

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Eccezionale. Rende l’idea e perciò non la cambierei

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Inserirei la frase dal libro prima citata

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Complimenti.
Una lezione di vita e non solo.


"La frontiera" tratta delle storie nascoste dietro alle notizie di cronaca note a tutti. Leogrande fornisce i dati per interpretare tali notizie e ce le mostra da un punto di vista diverso, quello di chi le ha vissute in prima persona, senza risparmiare al lettore anche le vicende più crude.

Inventa un nuovo titolo

Indifferenza

La frase che ti è piaciuta di più

E' la frontiera. Per molti è sinonimo di impazienza, per altri di terrore. Per altri ancora coincide con gli argini di un fortino che si vuole difendere. Tutti la mettono in cima alle altre parole, come se queste esistessero unicamente per sorreggere frasi che delineano le sue fattezze. La frontiera corre sempre nel mezzo. Di qua c'è il mondo di prima. Di là c'è quello che deve ancora venire, e che forse non arriverà mai.

La musica che metteresti come colonna sonora

musica che si sposa con il genere avventuroso/ giornalistico del libro

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

la foto in copertina è molto bella e calzante con il tema del libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Quanto coraggio, sacrifici e morte comporta attraversare la frontiera?


Il libro mi è piaciuto, mi ha soprattutto fatto riflettere e pensare a come dietro a delle semplici notizie, che quasi ogni giorno sentiamo distrattamente al telegiornale ci siano delle storie di persone che rischiano la vita e perdono tutto pur di superare un semplice confine. La lettura è scorrevole e le storie delle varie persone sono descritte accuratamente. Consiglio questo libro soprattutto perché apre una finestra su un mondo che tante volte ci sembra distante, ma che in realtà ci riguarda.

Inventa un nuovo titolo

Il Grande viaggio

La frase che ti è piaciuta di più

I naufraghi sono dei punti fermi, delle voragini, da cui provare a risalire passo dopo passo, per ricostruire quelle mutazioni.

La musica che metteresti come colonna sonora

Transatlanticism di Death Cab for Cutie

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina non descrive pienamente il libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Ecco cosa si nasconde dietro a una linea immaginaria


Narrando di una storia il libro risulta molto forte, inoltre l'autore fa veramente intendere ciò che vivono i personaggi in maniera diretta e senza giri di parole. Ho trovato però complesso stare al passo con l'autore in quanto egli cambiava spesso focalizzazione e intrecciavano le storie delle varie persone, per questo l'ho trovato a tratti un po' dispersivo.

Inventa un nuovo titolo

Il viaggio verso una nuova vita

La frase che ti è piaciuta di più

"Per tre giorni non sono uscito, mi sembrava di impazzire, rivedevo le persone in acqua che mi chiedevano aiuto. Le vedevo morire davanti ai miei occhi, mi imploravano di aiutarle, salvarle. Ho sentito a lungo le loro voci."

La musica che metteresti come colonna sonora

Esseri umani, Marco Mengoni

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina, nonostante renda l'idea generale dell'argomento del libro, non é totalmente adatta al modo in cui la storia è raccontata. Per un libro del genere una copertina così "tranquilla" non si addice al contenuto.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un viaggio tra la vecchia e la nuova vita


In questo libro, a mio avviso, il tema dell'immigrazione è trattato molto bene, infatti riesce ad essere esaustivo e per quanto possibile, coinvolgente. Il libro risulta, per la maggioranza dei tratti, piacevole da leggere, solo in alcune parti ti porta ad avere quasi ansia per ciò che sta per accadere. Detto ciò, un complimento personale e sentito allo scrittore per come è riuscito a collegare la sua vita all'immigrazione, senza mai però sprofondare nel personale.

Inventa un nuovo titolo

MIGRANTI E TRAFFICANTI, LA LOTTA PER LA SOPRAVVIVENZA

La frase che ti è piaciuta di più

28:Non guardarsi indietro

La musica che metteresti come colonna sonora

Falling

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Io personalmente non capisco chi rappresenti la copertina, quindi metterei la faccia di un individuo di cui poi viene narrata la storia, dal quale si può intuire la sofferenza provata

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

La speranza si può perdere, ma non si può perdere la voglia di pensare e vivere


In questo libro Alessandro Leogrande descrive in modo molto crudo la realtà che ci circonda, senza giri di parole. L'autore riesce a raccontare senza filtri le emozioni, le paure e i sentimenti che prova ogni singola persona. "La frontiera" è un libro che mi ha emozionato moltissimo e che oggi tutti dovrebbero leggere per capire cosa accade realmente intorno a noi.

Inventa un nuovo titolo

Il Viaggio

La frase che ti è piaciuta di più

"Proteggere le persone, non i confini"

La musica che metteresti come colonna sonora

"Esseri umani" di Marco Mengoni

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro ricco di emozioni, con le testimonianze delle persone sopravvissute.


Il libro è molto interessante: contiene storie vere che fanno capire punti di vista diversi e cosa devono affrontare molte persone. È una lettura un po’ difficile per i continui cambi di prospettiva, per il resto è un libro davvero appassionante.

Inventa un nuovo titolo

In viaggio

La frase che ti è piaciuta di più

***

La musica che metteresti come colonna sonora

***

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

**

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

**


Un libro forte, emozionante, che arriva diretto al cuore del lettore, facendo provare emozioni nuove e contrastanti. Poche storie che raccontano la vita di migliaia di persone, persone che giorno dopo giorno cercano di sfuggire all'inferno. Ed è questo quello che colpisce, la quantità inumana di storie, la quantità umana di anime perdute che non sono state salvate, la quantità inumana di bestialità commesse da uomini nei confronti di uomini tali e quali a loro...

Inventa un nuovo titolo

La linea sottile

La frase che ti è piaciuta di più

“Le frontiere cambiano, non rimangono mai fisse.”

La musica che metteresti come colonna sonora

"mar dei migranti" sine frontera

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Essenziale e diretta, non trasmette però le giuste emozioni: la visione di una figura da sola di fronte ad un mare calmo e un cielo sereno trasmette una pace interiore che non rispecchia l'angoscia e la tristezza che si provano leggendo il libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

L'umanità ha creato di tutto, le automobili, i telefoni, i computer, le frontiere


Un titolo che racchiude l’essenza di un intero libro. La frontiera, la terra di tutti e di nessuno, la linea che attraversa spazio e tempo, raccontata da chi la ha vista da talmente tanto vicino da averla oltrepassata.

Inventa un nuovo titolo

Attraversando realtà: storie dalla Frontiera

La frase che ti è piaciuta di più

Le frontiere cambiano, non rimangono mai fisse.

La musica che metteresti come colonna sonora

“Awaken, My Love!”-Childish Gambino

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Copertina semplice che, insieme al titolo, fa capire da subito al lettore di cosa si parlerà nel titolo.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

“Rischiare andando avanti o farlo rimanendo indietro?”


Trovo questo libro molto forte. Ti racconta quello che è un tema estremamente attuale e complicato ovvero l’ immigrazione. Senza dubbio apre gli occhi su un mondo che seppur a pochi chilometri da noi è molto diverso, la storia del perchè è diverso e cosa succede una volta che arrivano in Europa.

Inventa un nuovo titolo

Gita in barca

La frase che ti è piaciuta di più

Nella tradizione latino-americana c’ è una strettissima relazione tra la povertà e la morte. I poveri non sono solo quelli che vivono in uno stato di indigenza. I poveri sono quelli che muoiono prima del tempo

La musica che metteresti come colonna sonora

I follow rivers

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Penso che la copertina sia azzeccata. Mostra il mare che i barconi attraversano per arrivare in un posto migliore

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Cosa succede in Africa? Perchè gli immigrati vengono qua? Sono tutte domande che La frontiera ti aiuterà a capire


La frontiera; cos'è davvero? Crediamo davvero di conoscere tutto quello che serve per oltrepassarla? Alessandro Leogrande descrive tutto questo, con estrema cautela e attenzione ai dettagli delle storie che racconta.

Inventa un nuovo titolo

Quello che corre nel mezzo

La frase che ti è piaciuta di più

Una linea fatta di infiniti punti, infiniti nodi, infiniti attraversamenti. Ogni punto una storia, ogni nodo un pugno di esistenze. Ogni attraversamento una crepa che si apre. Non è un luogo preciso, piuttosto la moltiplicazione di una serie di luoghi in perenne mutamento, che coincidono con la possibilità di finire da una parte o rimanere dall'altra.

La musica che metteresti come colonna sonora

Oceans (where feet may fail)

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La ritengo troppo essenziale, in quanto non consente di cogliere, sin da subito, il contenuto del romanzo, se non fosse per la presenza del titolo.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Quando ti sei detto: basta, non ne posso più? Le leggi del viaggio


In questo magnifico libro Alessandro Leogrande cerca di far capire alle persone quanto sia importante il concetto d' immigrazione.
Si tratta di un argomento al quale, purtroppo ,oggi giorno non si dà molta importanza , mentre dovrebbe essere sentito vivo ed urgente da tutti.
Nel libro troverete varie storie di persone che sono state fortunate , compresi bambini, che sono riuscite a superare una frontiera molto difficile, pur vedendo morire diverse persone davanti ai loro occhi.
Secondo me , Leogrande è stato davvero bravo nella narrazione, tanto è vero che già dal primo capitolo ci si immedesima subito nel racconto .
Vi consiglio di leggere quest'opera , perché è scritta molto bene ,ma soprattutto è un libro che non vi annoierà mai e che vi può essere molto utile nella riflessione personale .
" RICORDATE , AIUTATE SEMPRE QUALUNQUE PERSONA SIA , DI QUALUNQUE CULTURA SIA , DI QUALUNQUE COLORE SIA LA SUA PELLE E DI QUALUNQUE RELIGIONE SIA”.

Inventa un nuovo titolo

Le dure scelte della vita

La frase che ti è piaciuta di più

" HO IMPIEGATO MOLTO TEMPO PER COMPRENDERE IL POTERE DI QUELLE IMMAGINI ."
Grazie a questa frase , Leogrande cerca di far comprendere quanto hanno sofferto quelle povere persone.

La musica che metteresti come colonna sonora

We are the world di Micheal Jackson

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

le difficoltà della vita


Alessandro Leogrande in questo libro racconta la grande verità sull'immigrazione. Un libro da leggere soprattutto in questo momento storico, in cui se ne parla ma se ne parla male, lasciando vuoti, raccontando bugie, considerando, troppo spesso, chi raggiunge il nostro paese, anche solo di passaggio, un numero. Leogrande in "La frontiera" non parla di numeri ma rappresenta dei volti, racconta le storie di donne, uomini e bambini di ogni età che hanno affrontato un lungo viaggio per scappare dalla propria terra, lasciando o perdendo la propria famiglia lungo la strada. Strada che gli ha riservato dolore ed esperienze inenarrabili per quanto disumane. L'autore,inoltre, mette gli italiani davanti ai propri errori, davanti alle proprie responsabilità storiche ed attuali, davanti alla grande indifferenza e al silenzio che avvolge i morti.

Inventa un nuovo titolo

Ferite aperte

La frase che ti è piaciuta di più

“Più che la violenza, ricordo il terrore della violenza, il terrore che ogni notte potessero capitarti le cose peggiori che vedevi fare agli altri."

La musica che metteresti come colonna sonora

Ivano Fossati "Mio fratello che guardi il mondo"

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Credo rappresenti molto bene l'idea e le emozioni che scaturiscono dalla lettura.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un viaggio verso la vita


In questo libro l’ autore Alessandro Leogrande cerca di fare un po’ di chiarezza su un argomento molto delicato che negli ultimi anni e’ sempre sulla bocca di tutti: l’ arrivo in Europa di molti migranti, spesso irregolari che scappano da stati totalitari, da torture, da guerre sanguinose. Per farlo, pero’ devono riuscire ad oltrepassare il confine tra due mondi, la Frontiera che l’ autore definisce “Una lingua lunga chilometri e spessa anni, un solco che attraversa la materia e il tempo.”
La cosa che ci e’ più’ difficile capire secondo me e’ il fatto che la maggior parte dei migranti che sbarcano sulle costa italiane non hanno nessuna intenzione di fermarsi nel nostro Paese, ma l’ Italia risulta solo essere una delle numerose tappe che i migranti devono superare per arrivare nei paesi del Nord Europa, nel viaggio che li può condurre alla salvezza, come alla morte. In conclusione questa storia mi ha molto affascinato e mi ha inoltre fornito numerosi spunti di riflessione.

Inventa un nuovo titolo

Il grande Viaggio

La frase che ti è piaciuta di più

“Subito dopo un naufragio il dibattito europeo si sposta sulla necessita di “fermare i viaggi per fermare le stragi”. Non quindi rimuovere le cause per le quali centinaia di persone muoiono ogni anno, ne’’ tantomeno cercare di studiarle. Ma solamente a bloccare i viaggi.”

La musica che metteresti come colonna sonora

Non saprei

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Penso che la copertina sia azzeccata, poiché’ uno dei protagonisti di questo libro e’ il mare.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro interessantissimo che fa capire meglio le migrazioni di massa, che siano economiche o politiche.