Il volo delle rondini

Giunti, 2023
Traduzione di Elisabetta Gnecchi Ruscone
288 pagine
Ti è piaciuto?
Un'estate, quando aveva dieci anni, Erik diventò famoso perché comprava mosche morte. “Ma dai!” disse Hans, un suo compagno di classe che si era appena trasferito nell'appartamento del piano di sotto. “Ti fai sempre notare per cose imbarazzanti!”. Lo so ammise Erik, perché in effetti sembrava proprio così. Era caduto dal ponte durante la gita scolastica e si era sparsa la voce che avesse un ospedale per le bambole: ne aveva aggiustata una per una bambina e adesso si trovava la camera piena di teste di porcellana.
Hans ed Erik vivono a Berlino, sono vicini di casa e iniziano a diventare amici quando Erik sparge la voce di essere interessato ad acquistare mosche morte, e proprio Hans sarà uno dei suoi fornitori. All'inizio il loro rapporto è focalizzato sulla caccia alle mosche, cibo che Hans sta procurando per tre rondini cadute dal nido e che custodisce sulla mensola della finestra in un cappello di lana. Scoprono, poi, di avere anche una grande passione per gli animali dello zoo, ma di non avere il denaro per entrarvi, e allora i due si presentano ai cancelli con una scopa fingendo di essere gli addetti alle pulizie del parco, ma vengono scoperti e se non fosse per l'intervento del loro insegnante le cose si metterebbero male. 
Un'altra però è l'amicizia che in questo libro diventa importante, ed è quella tra Kate e Ruby, che dall'altro lato dell'oceano, assistono come Hans ed Erik, alla follia dell'avvento nazista. Kate è timida e introversa, di salute cagionevole e molto protetta dalla famiglia, e Ruby ha un carattere molto deciso, un difetto fisico che la fa sentire inadeguata e una lingua rapida e tagliente.
Sarà proprio il loro sguardo, sugli eventi storici che stanno precipitando, a mostrarci che gli anticorpi alla barbarie sono già presenti e saranno la salvezza dal disastro. 

Commenti

Avatar Sofixx
13/05/2024 11:42
2A SAS - IIS Capirola, Ghedi (BS)
Camilla Bonomi: Questo libro ha una storia molto bella soprattutto per chi è amante della storia, più precisamente della seconda Guerra Mondiale, o a persone a cui piacciono questo tipo di romanzo. A parer mio è molto interessante saper come si viveva durante e post guerra e questo libro lo esprime alla perfezione anche dal punto di vista di giovani ragazzi. È una lettura scorrevole e non troppo complessa. Mi è piaciuto e lo consiglio soprattutto a chi cerca una lettura emozionante.
Avatar Fulvio
16/04/2024 15:32
1E - Liceo Tassoni, Modena
Il volo delle rondini di Hilary Mckay è un racconto che potremo dire storico perchè viene ambientato nella Seconda Guerra Mondiale e la narrazione comincia raccontando le situazioni di Erik ed Hans in Germania parallemente a quelle delle amiche Katie e Ruby in Inghilterra. Erik, appassionato delle rondini e dello zoo in particolare, diventa presto amico di Hans e insieme pilotano gli aerei della Lutwaffe nei cieli d'Europa, passione tramandata ad entrambi dallo zio Karl . Hanno molte cose in comune, per esempio la Grande Guerra ha cambiato la vita dei loro padri (il padre di Erik è morto mentre il padre di Hans è rimasto gravemente ferito) e entrambi sono bravi a scuola, ma per due ragioni diverse: Erik è appassionato ed Hans è in competizione con l'amico. Parallelamente vengono raccontate la vita di Ruby e Kate in Inghilterra. Entrambe si sentono di avere un difetto: Ruby ha le voglie sulla faccia e a Kate basta andare fuori da casa per essere malata. La guerra coinvolge tutti e quattro e una cosa inaspettata succederà alla fine del libro. Il tema centrale è quello del conflitto e mi è molto piaciuto questo racconto perchè cerca di narrare le vite parallele di due amiche in un paese che è democratico e di due amici in un paese governato da un dittatore di nome Hitler. Quindi è come se vedessimo le vite parallele di quattro amici in paesi dove la libertà assume un significato diverso. Il libro è scorrevole, caratterizzato da alcune pagine ricche di sequenze dialogate. Molto abbondanti sono le sequenze narrative alternate a quelle descrittive. Mi piace anche come la scrittrice paragoni il titolo con le tre rondini che ha custodito Erik e la parola volo sottolinea il fatto che la Seconda Guerra Mondiale è stata combattuta gran parte in cielo. Lo consiglio alle persone che amano la storia e a coloro che hanno adorato leggere il libro "La guerra delle farfalle" perchè è il suo sequel.
Avatar giu_ggia
03/04/2024 16:33
1BS - Liceo Torricelli Ballardini, Faenza
“Il volo delle rondini” di Hilary Mckay è il sequel di "La guerra delle farfalle" (uno dei libri partecipanti alla precedente edizione). La narrazione comincia raccontando di due ragazzi, Hans e Erik, che vivono a Berlino prima dell'inizio del secondo conflitto mondiale. Con la crescita dei due giovani assistiamo anche all'ascesa del regime nazista e dei cambiamenti che esso porta in città. Le vicende dei due ragazzini tedeschi vengono narrate parallelamente a quelle delle due bambine inglesi Kate e Ruby. In un primo momento i quattro protagonisti non hanno nulla da condividere ma le loro strade si incroceranno per via dello scoppio della guerra. Ogni capitolo è preceduto da una data, un luogo e il nome di un personaggio. Questo ci permette di individuare facilmente di chi si parlerà nelle pagine successive. Questo elemento potrebbe essere d'aiuto dal momento che gli eventi narrati riguardano più personaggi e sono raccontati contemporaneamente anche se si svolgono in luoghi diversi. Ciò rende meno caotica la narrazione, che risulta comunque fluida e scorrevole. Ho trovato molto piacevole la lettura. Questo libro mi è balzato subito all'occhio per via della colorata copertina. Potremmo definirlo un genere storico dove si individuano anche alcuni elementi di un romanzo d'avventura e d'azione. Mi è piaciuta la scelta dell'autrice di collegare le esperienze dei singoli protagonisti attraverso un “filo conduttore" che accompagna tutta il racconto, ovvero il tema del conflitto. Proprio per questo lo consiglio a tutti coloro che sono interessati a leggere storie ambientate in periodi di guerra.
Avatar virginiaf
24/03/2024 18:11
2B LSA - IIS Capirola, Ghedi (BS)
‘Il volo delle rondini' è un libro che racconta le storie di 4 personaggi parallelamente e dei legami nati tra queste persone a causa della II Guerra mondiale. Mi è piaciuto molto il fatto che venisse rappresentata la guerra da punti di vista diversi, in particolare quelli di bambini e ragazzi. L'ho trovato interessante e facile da leggere, lo consiglio
Avatar Pugno-spumeggiante
24/03/2024 15:50
1I - Liceo Galvani, Bologna
Siamo nelLA Berlino del 1931. La storia di questo libro è ambientata durante la Seconda guerra mondiale. La trama è commovente e parla di famiglia e amicizia, di quattro vite collegate tra di loro da circostanze e su fronti opposti di un conflitto, storia che segue i nostri personaggi dalla loro infanzia fino all'età adulta. Da una parte i due ragazzi tedeschi Hans e Erik che ammirano le rondini e stringono amicizia per salvare la vita a tre piccoli rondinini caduti dal nido, e dall'altra Ruby e Kate, diverse tra loro ma grandi amiche e che rappresentano la generazione nata tra i due conflitti mondiali. La nota positiva è che l'autrice non fa degli adulti i protagonisti del suo libro, ma al centro sono i ragazzi, che portano dei valori positivi al contrario del delirio in cui si trova l'Europa centrale. Ogni personaggio si racconta, si fa conoscere. I personaggi non sono mai in ombra, ognuno ha il suo posto come anche il cane Pax. Un'altra nota positiva è la capacità dell'autrice di creare i dialoghi e l'umorismo che ci mette. Se devo trovare una nota negativa forse posso dire che i riferimenti specifici , riguardanti il periodo storico, si possono apprezzare solo dal lettore che conosce la storia. Mi piace molto il personaggio di Hans. E' pragmatico e ilare, ama gli animali, ha il senso della giustizia, pensa con la sua testa, ama volare, desiderio che negli anni realizza. Con Erik crea un rapporto fraterno e il loro rapporto si basa su un linguaggio pieno di affetto che solo loro condividono e capiscono. Cresce in un Germania dove non c'è posto per un pensiero libero. Un' altro personaggio è quello di Erik. E' diverso da Hans perché è un grande sognatore e idealista, ma come lui ama gli animali, pensa con la sua testa, ha il senso della giustizia, ha la passione per il volo. Entrambi migliori amici e anche molto simili, sono intelligenti, hanno dei buoni voti a scuola, sono sognatori, infatti fanno già piani per il futuro, ed infine sono molto protettivi verso la loro famiglia. Tra i personaggi principali troviamo anche Ruby Amaryllis, una ragazza inglese, che è negativa e non riesce a vedere la bellezza in sé, dicendo di essere brutta per via delle macchie che ha sulla faccia, ma dall'altra parte è altruista perché riesce a consolare la madre quando ne ha bisogno, è gentile e ama gli animali; l' amica Kate Penrose, una bambina molto debole, infatti si ammala spesso: è negativa quando immagina che le cose andranno male, è introversa, spesso molti si scordano che lei è lì, inoltre scrive tutti i suoi pensieri sul suo diario. Poi ci vengono presentati molti personaggi secondari, ad esempio il nonno di Kate, ma anche Frida e Will. Will, in particolare, è un ragazzo molto egoista, abile ed intelligente, è fratello di Ruby; è proprio il suo egoismo a farlo litigare con Ruby; ma la sua astuzia si vedrà più tardi nella storia, durante la guerra. Leggendo il libro mi ha colpito la frase: “Come fanno ad ascoltarlo? E' più matto dell'uomo di latta. Più matto dello spaventapasseri. Più matto della strega cattiva, di quel tornado. Se si comportasse così da queste parti, lo porterebbero in tribunale per farlo calmare un po'” L'autrice tramite queste parole ci fa capire come questa ragazza da lingua pungente avesse capito la pura follia di Adolf Hitler. La storia si sviluppa facendo conoscere i nostri personaggi che devono maturare una forma di resistenza. Kate custodisce il ricordo in mezzo ai suoi quaderni, Ruby accetta un suo difetto fisico, Hans e Erik continuano ad alimentare la speranza per un futuro diverso. La riflessione che uno può fare è il trionfo della vita su ogni forma di distruzione. Ho scelto questa immagine perché dà la sensazione di libertà ed anche perché è una metafora per Hans ed Erik, che pilotano aerei, e quindi, come delle rondini, stanno volando. Mentre ho scelto questa canzone perché parla dei tempi di guerra e di come fosse crudele.

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar iliass08
14/03/2024 15:46
2J - IS Pietro Gobetti, Scandiano, RE
Il volo delle rondini di Hilary McKay è un libro che mi ha catturato fin dalle prime pagine. La sua trama delicata e coinvolgente mi ha trasportato per tutto il racconto della storia. L'ambientazione durante la Seconda guerra mondiale ha suscitato molta tensione e drammaticità alla narrazione(un po' meno verso l'inizio). Durante il racconto la scrittrice è riuscita a farmi provare empatia rispetto a tutti i personaggi; e come se fossi stato davanti ai protagonisti durante tutta la vicenda.In poche parole ho vissuto insieme ai personaggi, sentendomi parte della loro lotta per la sopravvivenza. Inoltre, l'autrice ha saputo toccare temi universali come l'amore, quindi nel caso delle relazioni familiari ed extrafamiliari, oppure la speranza. La scrittrice ha usato anche un modo per dare i titoli ai capitoli; ogni capitolo aveva il nome dei protagonisti in questione nel capitolo e andando avanti (visto che i personaggi sono diversi) nei capitoli cominciano a riunirsi tutti i protagonisti della storia.Inizialmente io non avevo capito molto bene il filo narratologico della storia infatti mi è sembrato di vedere un telefilm in cui ci sono due storie diverse e piano piano entrano in relazione entrambi. In conclusione, Il volo delle rondini è un libro che mi ha coinvolto profondamente, lasciandomi con una sensazione empatica delle persone che hanno vissuto la Seconda guerra mondiale. Lo consiglio a chiunque cerchi una lettura emozionante e anche a chi volesse immedesimarsi durante questa guerra.
Avatar Miky_Pak
18/02/2024 20:10
1E - Liceo Tassoni, Modena
Il libro racconta la storia di 3 ragazzi prima, durante e dopo la seconda guerra mondiale. Le 3 vicende vengono raccontate in parallelo e vanno pian piano ad intersecarsi quando alla fine diventerà un racconto unico. La storia in sé è coinvolgente, le ambientazioni son realistiche e con questo libro l'autrice ci fa capire come veniva vista la guerra dai giovanissimi e di come la vita si svolgeva piuttosto normalmente durante la guerra.
Avatar arix
16/02/2024 09:57
1ET - IPC Manfredi - ITC Tanari, Bologna
Avatar Keoma
21/01/2024 20:59
2A - IS Pietro Gobetti, Scandiano, RE
Non riuscendo a trovare un libro interessante da leggere, iniziai a cercare un libro con la copertina più vivace, accattivante e che potesse suscitare in me una sorta di curiosità, finché non mi imbattei in questo libro, che per una ragione dopo l'altra decisi di prenderlo, mai fu scelta più azzeccata. Non starò qui a raccontarvi in modo dettagliato la trama di questo libro per non darvi nessun tipo di spoiler, lasciandovi vivere appieno l'avventura scritta di questo libro proprio come ho fatto io. Il libro è composto da una dozzina di capitoli, dove ognuno di questi, è suddiviso in 3 parti che io ho molto apprezzato: 1 (luogo in cui è ambientato il capitolo), 2 (data di riferimento) ed infine 3 (il nome del personaggio di cui si narrerà); infatti all'interno del libro sono presenti vari personaggi principali dove ognuno di questi, avrà un suo capitolo approfondito. Inizialmente ognuno dei personaggi sembrerà non avere niente a che vedere con gli altri, ma con l'avanzare della storia si vedrà l'intrecciarsi delle varie ambientazioni e circostanze, che porterà all'unione ed all'aiuto reciproco dei protagonisti, non più distaccati come prima. Ogni personaggio è caratterizzato alla perfezione, con una storyline di ciascuno di loro ben arricchita e senza buchi di trama. Ogni protagonista ha un modo di pensare diverso dall'altro rendendoli ognuno diversi dall'altro. A causa della lunga lista dei personaggi riuscì a confondermi con alcuni personaggi, ma dopo aver finito il libro mi accorsi dei diversi alberi familiari delle famiglie, che mi aiutò non poco a ricordare il ruolo dei personaggi (scelta molto utile a parer mio per chi ha difficoltà come ho avuto io per la loro figura all'interno della storia). Nonostante la presenza di oltre 200 pagine la lettura di questo libro è stata molto veloce e soprattutto divertente non risultando pesante e difficile da cogliere, grazie allo stampo linguisitico utilizzato (di fascia medio-bassa). L'intera storia all'interno del libro è stata molto originale anche se non ricchissima di colpi di scena, (che a parer mio non fanno altro che migliorare il prodotto che si sta leggendo) con una lista di personaggi abbastanza studiata e ben arricchita di particolari che raccontano le loro storie. Se proprio devo dare una critica quest'opera è senza dubbio il finale in cui si conclude in un solito e noioso lieto fine (senza macchia e senza paura), che per chi come me, vuole avere un finale spezza lacrime o inaspettato e come un mare senza pesci. Questo libro è sicuramente tra i più belli che ho mai letto, ma a causa del finale (che secondo me è l'elemento chiave della trama) sono costretto a dargli un 8 su 10. Consiglio questo libro a chi è appassionato su qualsiasi cosa che si trovi in contatto con la seconda guerra mondiale e con l'idea nazi-fascista. Auguro quindi a tutti coloro che non hanno ancora letto questo piccolo capolavoro di recuperarlo per un intensa ma breve lettura, buona fortuna a tutti.

Questa storia ti ha fatto venire in mente un luogo?

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar stefano08--
21/01/2024 17:35
2C - IS Pietro Gobetti, Scandiano, RE
I protagonisti sono quattro, i primi due vivono in Germania, si chiamano Hans ed Erik, si conoscono perché Erik trovando delle rondini cadute dal nido decide di prendersi cura di loro, nutrendole con delle mosche, ed è disposto ad acquistarle, Hans un suo vicino di casa sarà uno dei principali fornitori, da questo incontro i due divennero amici, e scopriranno la passione per gli animali e per il volo. Le altre due protagoniste del libro sono Ruby e Kate, vivono a Londra, e sono due compagne di classe Ruby viene presa in giro per le macchie molto evidenti che ha sul viso, Kate ha una salute molto cagionevole, e per questo viene molto protetta dai suoi genitori. Il racconto si svolge nel periodo tra la prima e la seconda guerra mondiale. Hans ed Erik si troveranno a volare sopra l'Inghilterra per colpa di una guerra che loro non vogliono, e Ruby e Kate si ritrovano a correre contro un pericolo che è più grande di loro. Il testo è di facile comprensione, ha un età consigliata che va dagli undici anni in su, è stato scritto nel 2023 da Hilary Mckay e ha 232 pagine. Il libro è mi è piaciuto molto anche se l''ho trovato un pò lento all''inizio, consiglio la lettura a tutti coloro che amano storie ambientate nel periodo della seconda guerra mondiale
Avatar Klevvo
21/01/2024 15:07
2A - IS Pietro Gobetti, Scandiano, RE
"Il volo delle rondini" di Hilary McKay ci porta a Berlino nel 1931, raccontando la storia di due ragazzi, Hans ed Erik, che vivono vicino e diventano amici cercando di salvare tre piccoli rondinini. Il libro ci mostra la Germania prima della guerra, concentrandosi sulle differenze tra Hans, pratico e allegro, e Erik, sognatore e idealista. Nonostante le differenze, i due amici si basano sulla volontà di pensare in modo indipendente, sulla giustizia e sull'amore per gli animali. L'autrice introduce anche due ragazze, Kate e Ruby, in Inghilterra, collegando il romanzo al suo precedente, "La guerra delle farfalle". Entrambe le coppie rappresentano la generazione nata tra le due guerre mondiali, crescendo in un'Europa sempre più violenta. Il modo in cui McKay scrive è toccante e chiaro, catturando gli anni tumultuosi e le esperienze dei giovani protagonisti. La storia evidenzia le sfide interiori di Hans ed Erik, piloti per la Luftwaffe, che cercano di rimanere fedeli ai propri valori mentre la Germania cade sotto l'ossessione del regime hitleriano. Anche se la guerra è meno diretta rispetto al libro precedente, diventa un momento importante di scoperta per i personaggi. Ognuno deve trovare il proprio modo di resistere, e McKay esplora questo tema attraverso le esperienze di Ruby e Kate, mostrando il coraggio nel confrontare le proprie debolezze e agire per la giustizia. La storia è coinvolgente, con dialoghi ironici e riflessioni profonde che tengono il lettore impegnato. McKay cattura bene l'atmosfera dell'epoca mentre i personaggi affrontano le sfide della guerra cercando di costruire un futuro migliore. "Il volo delle rondini" è una lettura coinvolgente che affronta temi di amicizia e coraggio in un periodo storico cruciale. Hilary McKay dimostra ancora una volta la sua bravura nel creare storie che colpiscono il cuore, consegnando un romanzo che sarà apprezzato da lettori di tutte le età.

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →

Avatar Vittoria_2008
21/01/2024 11:44
2D LSU - IIS Capirola, Ghedi (BS)
Questo libro mi è piaciuto molto, è interessante sapere come si viveva ai tempi di guerra e come era vista dagli occhi dei ragazzi.
Avatar Mikael_Lubelli1
20/01/2024 14:27
2A - I.I.S. Cesare Battisti, Bolzano
È una storia molto bella soprattutto per chi è amante della storia del Novecento o a persone a cui piacciono romanzi di formazione. È divertente da leggere e non è scritto in modo troppo complesso. Il libro affronta tra l'altro un tema molto delicato ed interessante ovvero la Seconda guerra mondiale. Mi è piaciuto molto e lo consiglio

Secondo te c'è una colonna sonora perfetta?

Apri →