2019 - 2020

Xanadu

2019 - 2020

American Dust

Richard Brautigan

Minimum fax, 2017


Per qualche ragione credo che solo una conoscenza assoluta degli hamburger potrà salvarmi l’anima. Se quel pomeriggio di febbraio avessi preso un hamburger invece dei proiettili, tutto sarebbe diverso, per cui devo assolutamente scoprire tutto quello che posso sugli hamburger.

Stati Uniti, fine della Seconda guerra mondiale. Una città polverosa e povera in canna, un ragazzino di dodici anni un po’ strambo che da bambino guardava funerali dalle finestre e ora se ne va in giro a raccogliere tappi di bottiglia per guadagnare qualche centesimo; due anziani grossissimi che pescano in un laghetto portandosi dietro tutti i mobili per stare comodi in riva al lago; un ubriacone che fa da custode a una segheria, un vecchio barbuto in una casetta da fiaba accanto al lago e David, il più sportivo, bello e figo della scuola. Ecco gli ingredienti di questa storia, sembra semplice e divertente… poi basta comprare dei proiettili per un fucile calibro 22, andare a giocare in un campo di mele sotto la pioggia e le cose possono cambiare davvero in fretta.


Ascolta una breve presentazione del libro.

Crediti
The Holiday by So I’m An Islander | https://soimanislander.bandcamp.com
Music promoted by https://www.free-stock-music.com
Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported
https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/deed.en_US

Silence Sky by Naoya Sakamata | https://www.youtube.com/c/NaoyaSakamataPIANOmusicChannel
Music promoted by https://www.free-stock-music.com
Creative Commons Attribution 3.0 Unported License
https://creativecommons.org/licenses/by/3.0/deed.en_US

American Dust è un romanzo che ho trovato appassionante e interessante. Come il titolo lascia intendere ci troviamo in America, e più precisamente nello stato dell’Oregon, nell’immediato dopoguerra. La storia è narrata in prima persona dal protagonista, ormai adulto, e parla di quando era più giovane attraverso aneddoti e flashback vari, ma tutta la narrazione gira attorno a un fatto che cambiò profondamente la sua vita e il suo modo di vedere le cose. In questi aneddoti si parla di persone e fatti che caratterizzarono la gioventù del personaggio: due soggetti che ogni giorno si portano il divano a pescare; un vecchio alcolizzato che dovrebbe stare di guardia a una segheria e una famiglia che vive in un’agenzia di pompe funebri. Vive la sua vita senza troppi problemi finché un giorno compierà una scelta che gli cambierà la vita e di cui si pentirà per sempre. Come già detto la storia è raccontata in prima persona e il protagonista non si fa problemi ad esprimere opinioni personali anche ironiche e a rivolgersi direttamente al lettore. Il linguaggio è senza dubbio molto colloquiale. Ho notato anche una leggera malinconia, che resta costante per tutto il romanzo, senza però diventare mai troppo pesante.

Inventa un nuovo titolo

Un titolo che potrei dare al romanzo è “Sei sicuro che sia la scelta giusta?”

La frase che ti è piaciuta di più

“Tutto il periodo nel quale ho abitato accanto all’agenzia di pompe funebri e ho assistito a tutti quei funerali come se fossero festicciole all’aperto a cui non ero stato invitato mi sembra quasi un sogno, oggi.”
Questa frase è secondo me interessante perché lascia intendere la stranezza dei fatti narrati e la leggera ironia della narrazione. Il protagonista si rende conto di quanto fosse strano ciò che faceva da piccolo.

La musica che metteresti come colonna sonora

Come colonna sonora metterei senza alcun dubbio della musica country, magari con ritmo un po’ lento.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina mi piace. Rappresenta un bambino con un fucile in mano, seduto su un piano dai colori della bandiera americana, che guarda l’orizzonte. Sopra di lui un albero dai fiori rosa. Mi da un senso di solitudine, che rappresenta la solitudine e la desolazione del protagonista del racconto, ma anche in qualche modo un leggero senso di calma e tranquillità.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Dopo la lettura di questo libro, capirete che ci sono scelte che non verranno mai dimenticate.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Ho apprezzato molto il suo libro, che ho trovato unico nel suo genere. Sapendo che è l’ultimo libro che lei abbia scritto, non posso aspettarmi novità ma leggerò molto volentieri gli altri libri da lei scritti.


Il libro “American Dust” non mi è particolarmente piaciuto, si tratta di una biografia con narrazione in prima persona.
Ho trovato difficoltà nella comprensione del testo dato l’alternarsi dei pensieri del ragazzo nel passato e la sua narrazione negli anni successivi. L’inizio della storia mi è risultata per lo più confuso a causa del continuo cambio di sequenze narrative.
La storia è ambientata nel dopoguerra e rappresenta il periodo malinconico e la condizione sociale degli emarginati e i dimenticati in America.
Nel romanzo vengono rappresentate delle piccole vite come granelli di polvere d’America che, piano piano, vengono spazzati via dal vento.
Il protagonista vive in una condizione di povertà assoluta, con crisi economiche e una madre assente.
Inizialmente, appena letta la trama del libro, mi è sembrato subito intrigante e coinvolgente; leggendolo però ho cambiato idea, l’ho trovato pesante e non riuscivo ad andare avanti. Nonostante ciò ho proseguito, con la lettura poi ogni singolo particolare e dettaglio viene spiegato.

Inventa un nuovo titolo

Polvere D'America

La frase che ti è piaciuta di più

"Io aspetto e questo è un buon modo di aspettare come qualsiasi altro modo di aspettare perché aspettare è sempre aspettare sotto ogni aspetto."

La musica che metteresti come colonna sonora

Sam Smith - Fire on Fire

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

La vita a volte ti coglie di sorpresa e ti concede solo un'opportunità.


American Dust è un romanzo particolare e molto affascinante, che va analizzato e capito: il protagonista, ormai adulto, narra di eventi cronologici della sua infanzia alternati a un evento che gli cambia la vita. Più si va avanti con la narrazione più questo misterioso evento diventa sempre più chiaro. Per tutto il libro il protagonista si concentra su frasi o concetti specifici su cui ritorna sempre: un concetto su cui si basa il libro è l’importanza delle nostre scelte. Per tutto il romanzo, l’autore si sofferma su come una minuscola scelta diversa gli avrebbe impedito di commettere l’errore più grande di tutta la sua vita. Un’altra cosa particolare di questo libro è il fatto che ogni dieci pagine l’autore abbia inserito sempre la stessa frase: “prima che il vento si porti via tutto...polvere…d’America…polvere”. Il vero significato di questa frase, al contrario del concetto di prima, non viene mai spiegato, lasciando al lettore libero arbitrio di interpretarla come più ritiene giusto. Con un finale atteso, American Dust rimane un libro che, con la sua unicità, può piacere o no. A me è piaciuto: ho apprezzato lo stile e la narrazione che si distinguono dalla massa. E’ un libro che scorre, non ci sono parti particolarmente noiose ed è piacevole da leggere.

Inventa un nuovo titolo

Quel maledetto giorno

La frase che ti è piaciuta di più

“Mentre sono seduto qui, in questo primo agosto del 1979, accosto l’orecchio al passato come ai muri di una casa che non c’è più”
Trovo questa frase una bellissima interpretazione di uno dei temi principali del libro, ovvero il rapporto con il passato. L’autore rappresenta il passato come una casa (un luogo accogliente e in cui si sta bene) che però non c’è più: non importa quanto accosti l’orecchio, non si sente più niente, se non lontani sussurri.

La musica che metteresti come colonna sonora

La canzone che ritengo perfetta come colonna sonora è “ Deamons in my orbit” di guardin . Questa canzone parla di come il passato rimanga sempre legato a noi, e di come i ricordi “orbitino” come satelliti intorno alla nostra testa.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Trovo che la copertina sia perfetta, e che rispecchi molto il carattere del protagonista ma anche il libro e la sua particolarità. Ho comunque apprezzato di più la versione più vecchia in bianco e nero di quella nuova a colori, la trovo più espressiva e originale.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

L’importanza delle proprie scelte

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Signor Brautigan,
ho apprezzato molto il suo stile, e devo farle i complimenti, poiché è al dir poco unico. Le descrizioni sono molto personali e particolari. Devo però dirle che al suo posto avrei preferito un finale un po' più sorprendente, con magari un colpo di scena.


la trama è complessa e a volte sconnessa tra i vari capitoli. Ho trovato molto interessante lo stile di scrittura utilizzato dall'autore che permette di identificare il disagio psicologico del protagonista essendo il racconto narrato in prima persona. L'utilizzo della ripetizione della stessa frase alla fine di ogni capitolo serve a evidenziare il disagio dell'autore verso la società americana in cui è cresciuto e ho trovato questa tecnica molto convincente. Gli eventi narrati in questo racconto non sono insoliti negli Stati Uniti e parlare di questi avvenimenti non deve essere stato semplice da parte dell'autore, soprattutto scrivere con molta semplicità il disagio interiore di un ragazzo.

Inventa un nuovo titolo

non c'è pace nel rimorso

La frase che ti è piaciuta di più

nella mia testa c'è un gigantesco studio cinematografico nel quale lavoro ininterrottamente a questo film dal 17 febbraio 1948. sono trentun anni, quindi.

La musica che metteresti come colonna sonora

"sabbie mobili" Marracash

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

ho apprezzato molto la copertina che in modo semplice ed efficace esprime il contenuto del libro. il ragazzo, il fucile, il lago, la bandiera americana e il vuoto che ha di fronte è il riassunto spiegato in un immagine che ti palesa il, suo significato solo a libro concluso

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

un romanzo che mostra il disagio di un ragazzo e i limiti della società americana


Definirei “American Dust” un libro autobiografico, poiché il narratore racconta vari fatti della sua vita, soprattutto le vicende che hanno segnato la sua infanzia. Il racconto ci illustra la violenza presente nell’infanzia del protagonista dodicenne, il libro ci mostra anche l’eterna colpa che prova il narratore per la scelta sbagliata che ha fatto, ma senza rendersi conto che all’epoca era solo un bambino. All’inizio della lettura il racconto è confusionario, ma entrando nella storia tutto sarà più chiaro e ogni particolare acquisirà un determinato significato.

Inventa un nuovo titolo

La Mia Particolare Infanzi

La frase che ti è piaciuta di più

Che cosa fare? Avevo dodici anni, e il dilemma era profondo come il Gran Canyon.

La musica che metteresti come colonna sonora

"Sogni Appesi" Ultimo

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Due ragazzi, un hamburger e dei proiettili


Il libro “American Dust” non mi ha appassionata molto poiché l’ho trovato disordinato e confuso. Ho fatto fatica a leggere soprattutto la parte iniziale, che ho trovato un po’ ripetitiva. La parte finale mi è sembrata più scorrevole, siccome tutte le incompletezze ed i problemi espressi nelle pagine precedenti ottengono finalmente una spiegazione e tutto ciò che ha prima creato dubbi acquista un senso. Nonostante ciò, il libro nel complesso mi è sembrato confuso, anche se la trama mi è sembrata originale e mi ha incuriosito.

Inventa un nuovo titolo

Trovo che il titolo già utilizzato sia adatto al libro

La frase che ti è piaciuta di più

Spesso, quando guardavo un calendario, mi capitava di pensare a lui, perso nella geografia del tempo senza che in fondo gliene importasse più di tanto.

La musica che metteresti come colonna sonora

Musica degli anni 40 (periodo in cui si svolge la storia)

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina contiene dei colori pastello molto belli ed il disegno è intrigante, quindi nel complesso la copertina invoglia a leggere il libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Quando la scelta sbagliata può costare una vita.


Il libro mi è piaciuto abbastanza e anche se faticavo a seguire il modo di scrivere dell'autore ho apprezzato la trama e i personaggi molto caratteristici e particolari.

Inventa un nuovo titolo

il bambino povero

La frase che ti è piaciuta di più

...polvere polvere americana...

La musica che metteresti come colonna sonora

Didn't I - onerepublic

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

penso che rispecchi il contenuto del libro, molto carina

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Bel libro che si legge velocemente


La storia di questo libro non mi è piaciuto molto, non perché non fosse interessante, ma per la quantità dell’autore che inserisce molte descrizioni quindi lo fa diventare un po’ noioso. La storia comincia da un ragazzino di dodici anni solo e cresciuto in America nel secondo dopoguerra.

Inventa un nuovo titolo

Una scelta particolare

La frase che ti è piaciuta di più

“Avrei avuto voglia di qualche hamburger al posto di colpi”

La musica che metteresti come colonna sonora

Rap God

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina mi sembra giusto poiché è raffigurata una scena importante nella storia.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Libro di un romanzo coinvolgente e attenzione

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Caro Brautigan, il libro che ho letto aveva alcune parti interessanti che però, a causa di troppe descrizioni sono state noiose


Il libro mi è piaciuto molto poiché parla di argomenti profondi e tristi che mi piacciono particolarmente. Il libro ti prende subito e non mi ha mai annoiato anzi mi ha coinvolto sempre di più pagina dopo pagina.

Inventa un nuovo titolo

Sogno americano

La frase che ti è piaciuta di più

Io ci sono sempre nei miei sogni

La musica che metteresti come colonna sonora

Chariots of fire

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

non ve ne pentirete


mi è piaciuto un sacco, è stato semplice da leggere e capire(per me), è stato particolarmente coinvolgente e mi ha fatto vedere la dura realtà nella seconda guerra mondiale

Inventa un nuovo titolo

Il giovane Holden

La frase che ti è piaciuta di più

io ci sono sempre nei miei sogni

La musica che metteresti come colonna sonora

bella ciao

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

le montagne sono surreali

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Compratelo e non ve ne pertirete


Il libro mi è piaciuto molto, perchè è scritto in modo molto semplice creando una lettura scorrevole e molto avvincente.
Fin dall'inizio della storia il protagonista fa dei riferimenti e delle anticipazioni sull'evento tragico che gli rovinerà la vita.

Inventa un nuovo titolo

Quella pallottola

La frase che ti è piaciuta di più

Vorrei tanto che la pallottola fosse nella sua scatola insieme ai suoi quarantanove fratelli e sorelle.

La musica che metteresti come colonna sonora

The National - Sorrow

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina è perfettamente in linea con la storia del libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro in parte autobiografico che parla di un adolescente nel secondo dopoguerra

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Nel libro non viene detto, ma Whitey avrebbe voluto essere al posto dell'amico?


American Dust racconta la storia di uno sciagurato ragazzino dell' Oregon, costretto a vivere le condizioni che la seconda guerra mondiale si è lasciata alle spalle. La vicenda è narrata in prima persona dal protagonista stesso molti anni più tardi, quando è ormai adulto. Attraverso un lungo percorso di flashback e aneddoti vari, ricorda il giorno che gli cambiò la vita e che lo scosse profondamente.
Non l' ho trovato un libro particolarmente coinvolgente od interessante, piuttosto, prevedibile e monotono nella narrazione degli eventi. Tuttavia, mi ha aperto gli occhi su una realtà dura da accettare, quale la sottomissione e la rassegnazione della società alle ripercussioni che la guerra ha avuto su di essa.

Inventa un nuovo titolo

Il giorno che mi rese adulto

La frase che ti è piaciuta di più

"Nella vita capitano un sacco di cose brutte che non si vogliono ricordare ed è per questo che ci si trasferisce da qualche altra parte, dove si possono dimenticare certe cose spiacevoli e ricominciare daccapo, mettendo insieme dei bei ricordi."
In questa frase vedo due messaggi: uno esplicito e positivo, l' altro amaro e nascosto. Nel primo si trova la forza di andare avanti e di ricorrere a grandi cambiamenti nella propria vita per superare le difficoltà di un certo periodo. Guardando la frase da un punto di vista diverso, invece, mi sembra di leggere fra le righe che non importa quali drastici deviazioni ci impegniamo a portare nella nostra vita: se ciò che ci ha segnati ha arrecato una ferita profonda, essa non si richiuderà mai, nonostante venga sommersa da tante altre nuove esperienze.
La suddetta è per me uno spunto di riflessione che mi rimanda anche alle emozioni provate durante la lettura del libro.

La musica che metteresti come colonna sonora

"Bang Bang (my baby shot me down)" di Nancy Sinatra

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Trovo che la copertina sia ben riuscita: rappresenta molto bene la solitudine da cui il protagonista è avvolto la maggior parte del tempo e la desolazione del luogo in cui vive. Inoltre, il fucile che tiene in mano lascia intuire che il ragazzino avrà una certa responsabilità, prima o poi nel racconto.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

La vita concede una sola opportunità

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Purtroppo non ho gradito molto il libro, ma sicuramente mi ha colpita la sua sensibilità nel descrivere i luoghi e le riflessioni del protagonista. Ogni osservazione sembra sia passata attraverso i suoi occhi o i suoi pensieri. Ho anche apprezzato come ad ogni particolare abbia conferito importanza, come ad ogni dettaglio abbia attribuito un valore speciale che solo in circostanze come quelle del dopoguerra si può trovare.


Questo libro è abbastanza particolare, sia per ciò che racconta, sia per il modo. Il narratore (è scritto in prima persona) quando scrive la storia è adulto, si ha quindi per lo più una narrazione al passato, ma in certi punti sono inseriti pensieri e considerazioni al presente, come fosse raccontato a voce in un rapporto diretto narratore-lettore. Un'altra caratteristica particolare è l'ordine in cui vengono raccontati i fatti. Non esiste una sequenza cronologica precisa, ma sono principalmente avvenimenti e ricordi sia prima che dopo l' "avvenimento" a cui fa riferimento in continuazione, con salti temporali e collegamenti non sempre troppo coerenti. Personalmente questo è il tratto che lo delinea, positivamente. La trama è sicuramente avvincente, anche grazie alla suspense che è in grado di mantenere relativamente a quest' "avvenimento". Infine tratta di temi sicuramente non leggeri, anche se possono non saltare subito all'occhio. Una realtà poco conosciuta (l'altra faccia del Sogno Americano) mischiato alla situazione personale del ragazzo e a "banalità" per quell'epoca. Probabilmente per l'epoca, o forse per ciò che racconta, mi viene più naturale immaginarlo in bianco e nero, o con i colori molto sfumati, come fosse presene una costante giornata grigia.

Inventa un nuovo titolo

Solo un amico e un calibro .22

La frase che ti è piaciuta di più

Non c'era una sola ragione al mondo per cui dovessi superare il ristorante e fermarmi subito accanto, davanti alla vetrina dell'armeria. Ma lo feci, e a quel punto il dado era quasi tratto.

La musica che metteresti come colonna sonora

Satellite dei Rise Against

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Adeguata, racchiude all'interno di una sola immagine buona parte della trama.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

17 febbraio 1948 dice niente? Al protagonista forse sì...


"American Dust" è un romanzo appassionante che, a mio parere, va letto con attenzione affinché non risulti un insieme di sequenze. Credo abbia molto a che fare con l’oblio e con la difficoltà che taluni incontrano nel dimenticare le cose, nel riporle in un cassetto per poi convincersi di poter scordare con altrettanta dimestichezza dove si era nascosta la chiave. Ho apprezzato la malinconia soprattutto perché viene raccontata nel corso di tutto il libro senza che questa risulti mai eccessivamente pesante.

Inventa un nuovo titolo

La scelta della mia vita

La frase che ti è piaciuta di più

"Dal rumore che faceva si sarebbe detto che l’eternità non poteva prenderlo in giro".

La musica che metteresti come colonna sonora

The man - Ed Sheeran

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina è molto bella; i colori e gli oggetti sono azzeccati e certi particolari acquisiscono un senso solo dopo aver letto il romanzo.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Con la lettura di questo libro potrete vivere un’estate del dopoguerra americano che non dimenticherete!


La storia è quella di un bambino di tredici anni, che vive nell’Oregon nel secondo dopoguerra. Il ritmo è lento, alterna dialoghi a fasi narrative. Nonostante siano carenti le fasi descrittive dei personaggi, sono ricche quelle dei luoghi, affinché il lettore possa entrare nella scena. I temi sono molteplici: la vita del dopoguerra in primo piano, ma anche lo studio della psicologia di un bambino che vive nel pieno dell’adolescenza e si scontra precocemente con il tema della morte. Lo stile è semplice, poiché l’autore vuole mantenere il punto di vista del bambino.

Inventa un nuovo titolo

Cloudy childhood

La frase che ti è piaciuta di più

Magari dovrei pensare a lei più spesso di quanto non faccia.

La musica che metteresti come colonna sonora

Tu me fascines - Romaine LaGrande

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina è in stile “minimal”, stilizzata, e la trovo molto coerente con lo stile del libro, poiché mantiene quella semplicità che lega tutto il libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Libro scorrevole, breve, ma ricco di tematiche non banali da affrontare utilizzando lo sguardo di un bambino.


Il libro in questione mi ha favorevolmente colpito in quanto riesce a trattare tematiche importanti e profonde, spaziando dall'analisi del famigerato sogno americano a quella dei vari problemi legati alla difficile fase adolescenziale. A fare da sfondo è la crisi americana, che fa scattare meccanismi di solidarietà basati sul racconto orale e lo scambio fra generazioni. Il tutto ci viene narrato tramite un linguaggio semplice, diretto e un registro colloquiale.

Inventa un nuovo titolo

HAMBURGER OR BULLETS?

La frase che ti è piaciuta di più

"Vorrei tanto aver avuto voglia di un Hamburger anziché di munizioni".

La musica che metteresti come colonna sonora

Ode To My Family - CRANBERRIES

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Analizzando la copertina mi sento di dire che essa riesce senza alcun dubbio a riassumere quelli che sono gli elementi principali del libro, risultando quindi completa ma allo stesso tempo minimale e accattivante.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

AMERICAN DUST, un romanzo coinvolgente capace di unire emozione, brivido e riflessione.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Penso che tu sia stato davvero abile nello scrivere un libro di facile lettura e comprensione, pur trattando di argomenti così importanti.


La storia mi è piaciuta molto, perché all'inizio del libro crea un grande punto interrogativo al quale viene data risposta sia a metà del libro, sia alla fine. Il libro però ha due aspetti negativi: il primo è che fino alla metà del libro si parla solo del passato del ragazzo, senza concentrarsi sull'evento principale; questo può portare il lettore ad annoiarsi ed a non leggere il libro fino in fondo; l'aspetto negativo da me notato viene però arginato dalla bravura di Richard Brautigan, l'autore, nel descrivere i paesaggi e nel relazionarsi con i lettori. L'altro difetto è il finale un po' scontato.
Richard Brautigan, inoltre, è un grande "storyteller": infatti anche alla fine del libro, dove parla dell'evento principale, svia parlando di un altro argomento, in questo modo lascia il lettore col fiato sospeso e lo invoglia a continuare a leggere.

Inventa un nuovo titolo

Quel maledetto 17 febbraio 1948

La frase che ti è piaciuta di più

Prima che il vento si porti via
Questa polvere... polvere americana

La musica che metteresti come colonna sonora

Take me Home

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Io penso che la copertina rappresenti il libro molto bene, senza però fare spoiler.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro per chi sceglierebbe dei proiettili al posto di un Hamburger


American Dust è la storia di un ragazzino dodicenne solo, strano e sfortunato. Il ragazzo racconta la sua infanzia difficile per arrivare ad un'adolescenza ancora più complessa, commettendo una scelta sbagliata. Nel complesso il libro non mi è piaciuto particolarmente perchè non è mai riuscito a convolgermi, nonostante la storia sia realistica e si adatta negli anni dopo la seconda guerra mondiale.

Inventa un nuovo titolo

la scelta sbagliata

La frase che ti è piaciuta di più

Nella vita capitano un sacco di brutte cose che non si vogliono ricordare ed è per questo che ci si trasferisce da qualche altra parte, dove si possono dimenticare certe cose spiacevoli, e ricominciare daccapo, mettendo insieme dei bei ricordi.

La musica che metteresti come colonna sonora

Ave maria di Schubert

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina mi fatto pensare alla storia di un sogno americano di un ragazzino che pensa a un futuro frlice, ma non è così.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Adolescenza e sbagli


Storia coinvolgente e appassionante raccontata da un ragazzino cresciuto in America nel secondo dopoguerra. Le vicende vissute dal protagonista forniscono al lettore immagini chiare e specifiche sulla vita in quel periodo. Le difficile situazioni economiche, l' indifferenza delle persone ma soprattutto le scelte prese, che possono rivelarsi sbagliate compongono la trama di questo libro.

Inventa un nuovo titolo

Il ricordo di una scelta sbagliata

La frase che ti è piaciuta di più

"Hai presente quella cosa nei miei sogni?". "Sì", risposi. "Ormai non la vedrò mai più", disse David.

La musica che metteresti come colonna sonora

For my help - Hayden Calnin

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina mi ha colpito immediatamente: i suoi colori richiamano quelli dell' America, paesaggio nel quale si svolge la storia. Il ragazzino seduto sulla sponda del lago rappresenta l' immagine ricorrente nel libro, senza dare anticipazioni.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

La scelta sbagliata di un ragazzo cresciuto nell'indifferenza del mondo.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Brautigan, pur avendo una scrittura articolata, che cambia spesso lo svolgere degli avvenimenti e i loro soggetti, è riuscito a rendere chiari i fatti.


La storia mi è piaciuta in parte perché in alcuni tratti un po’ lenta e noiosa, soprattutto all’inizio.
Racconta la storia di un ragazzino americano di tredici anni che cresce senza padre. Il protagonista a un certo punto decide di rifiutare di comprare un sano hamburger americano e di utilizzare i suoi soldi, messi insieme rivendendo i vuoti di bottiglia, per comprare dei proiettili per il suo fucile: calibro 22. Con questo si diverte sparando alle mele in un frutteto affinché uccide il suo compagno di avventure.

Inventa un nuovo titolo

Lo sbaglio che mi ha segnato la vita per sempre

La frase che ti è piaciuta di più

Prima che il vento si porti via questa polvere...polvere americana

La musica che metteresti come colonna sonora

See you again

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina mi piace molto perché fa capire immediatamente chi è il protagonista della storia ma senza andare troppo nei dettagli, lasciando un po’ di suspance. Trasmette solitudine e allo stesso modo tristezza.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Libro piacevole ma lento e con colpi di scena