Ti è piaciuto?

Mentre correva, Fred si domandò se fosse morto. La morte, però, sarebbe di sicuro più silenziosa, pensò. Sentiva vibrare nelle mani e nei piedi il ruggito delle fiamme e del suo stesso sangue. Era una notte scura. Cercò di prendere fiato per chiedere aiuto senza smettere di correre, ma aveva la gola troppo secca e impastata di cenere per poter urlare.
Quattro ragazzini sono in volo sulla foresta amazzonica. Tolto Lila e il fratellino Max, tra loro non si conoscono, e c'è uno strano silenzio. Proprio quando sta calando il buio, il pilota ha un malore, e l'aereo inizia a precipitare. Dopo lo schianto, i quattro ragazzi sono ancora vivi, seppur terrorizzati e feriti. Fred, che sembra il più grande e rassicurante, Con, vestita con un completo vittoriano, Max, che non fa altro che piangere, e Lila cercano di capire cosa fare, quando si trovano di fronte un enorme serpente. Scappano a tutta velocità, e quando si fermano si rendono conto di essersi allontanati troppo dal relitto, e di non essere in grado di ritrovarlo. Che fare? Muoversi a caso nella foresta, sperando di raggiungere prima o poi un luogo che permetta loro di orientarsi, o fermarsi, creare un campo base e aspettare? Si muovono, e capiscono presto che da quelle parti deve già essere passato qualcuno. Le tracce aumentano, fino a quando si trovano di fronte quello che chiamano “l'esploratore”, un uomo che sembra aver abbandonato tutto e scelto la foresta. E che sarà per loro l'inizio di una nuova avventura.

Commenti

Ancora nessun commento