Ti è piaciuto?

Certi giorni nella mia testa ho solo il fuoco. Quasi tutte le notti dormo dentro una corolla di vampe lucenti. La smania mi ha assalito nei posti più disparati: le vecchie terme vicino al nostro appartamento in Grafton Road, L'Embassy Hotel disabitato in South Grand, il boschetto di larici e frassini dietro il giardino di Ernst […] Le dita mi prudono di continuo al pensiero di strofinare e accendere un fiammifero.
Iris ha 16 anni e vive, da che ne ha memoria, con la madre Hannah e il patrigno Lowell. Una convivenza che non gradisce moltissimo, per la bassissima stima che ha di entrambi e per un conflitto aperto che non riesce a sanare. Infatti i genitori sono esasperati dalla sua pericolosa e insana passione per i fuochi, che Iris ama appiccare nei posti più disparati. Sembra ormai che non ci sia nessuna cura in grado di guarire la “malattia” di Iris, quando arriva una lettera di Ernst, il padre naturale. Nella lettera Ernst fa sapere che sta morendo gradualmente di una malattia incurabile, e che vorrebbe passare il poco tempo che gli rimane con la figlia. Anche se Iris non ne vuole sapere di vedere il padre, la madre la costringe ad andare per ristabilire i rapporti e garantirsi più denaro possibile dall'eredità.Ma Ernst, che la madre le ha sempre descritto come un padre mostro, non coincide con la persona che Iris si trova di fronte: attento, disponibile e pronto a fare qualsiasi cosa per lei. E proprio per questo Iris non riesce a capire come mai il padre l'abbia abbandonata, senza cercarla mai, quando ancora lei era una bambina. Sarà proprio la residenza nella villa del padre che permetterà ad Iris di scoprire il segreto che si cela nella sua infanzia, e a mostrarle il volto crudele di chi l'ha veramente tradita.

Commenti

Ancora nessun commento