2017 - 2018

Xanadu

2017 - 2018

L'occhio del male

Stephen King

Sperling & Kupfer, 2014


Billy Halleck non si è mai prodigato più di tanto per il prossimo nonostante la sua professione da avvocato molto influente. È un uomo grasso, di circa 115 chili, ha una moglie e una figlia, e la sua vita scorre senza tanti intoppi. Fino a quando investe e uccide una giovane zingara. Assolto dal tribunale per un cavillo, e per le sue innumerevoli conoscenze, Billy torna alla sua vita. Ma non ha fatto i conti con la maledizione scagliatagli dal padre della vittima:

“DIMAGRA”, sussurra il vecchio zingaro dal naso marcio [...] e gli carezza una guancia con l’indice nodoso. Le sue labbra si aprono come una ferita, mettendo in mostra rade lapidi piantate alle gengive. Color verde scuro. La lingua scivola saettando a umettare le labbra tese in un ghigno amaro.

E l’incubo ha inizio: un chilo perso per ogni giorno di vita... uno spietato conto alla rovescia porta Billy a confrontarsi per la prima volta con le sue azioni, perché tutti pagano, uomo di città- anche per quello che non hanno fatto.

Ne "l'occhio del male", come in altri romanzi di King, il protagonista deve affrontare un dilemma morale, ma la storia vive soprattutto sull'angoscia di un uomo che vede ogni giorno consumarsi il suo corpo verso quella che sembra un’'ineluttabile fine. E' Una storia maledetta, intrigante, dove non ci sono buoni, ma solo una volontà feroce di sopravvivenza che mette in evidenza i lati più meschini e oscuri dell'animo umano, una storia macabra in cui non esiste chiaramente un buono né un cattivo. Si tratta di un bel romanzo, breve e senza troppe pretese. La narrazione procede ad un ritmo rapido ed incalzante ed a volte proprio questo voler dire tutto in poco tempo diventa il problema del libro che, tuttavia, è piacevole, facilmente leggibile e che, a differenza di molti altri libri dello stesso autore, non presenta tratti estremamente inquietanti (fatta eccezione per l'incipit). Sicuramente non è il miglior libro di Stephen King.
Trovo anche discutibile il titolo italiano, a mio parere sarebbe stata più efficace la traduzione del titolo originale "thinner", ovvero "più magro".

Inventa un nuovo titolo

Thinner

La frase che ti è piaciuta di più

"Per un attimo. Billy contemplò l'orribile cavità in mezzo al volto di Lemke, poi i suoi occhi furono irresistibilmente attratti da quelli dello zingaro. Gli occhi del tempo, aveva pensato? In essi vide il vuoto; il vuoto era la verità fondamentale che vi si poteva leggere, poco importava se in superficie brillavano d'una consapevolezza lucente come la luna in uno stagno. Il vuoto era la loro potenza. Un vuoto profondo e completo come quello dello spazio fra due galassie".

La musica che metteresti come colonna sonora

Another brick in the wall

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Non colgo un particolare significato nella copertina. Sicuramnete avrebbero potuto renderla più "accattivante".

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

non esiste nulla di più brutto della consapevolezza che la morte ti sta letteralmente divorando


Il romanzo si concentra sulla differenza tra povertà e ricchezza. La giustizia è infatti iniqua; favorisce il ricco colpevole invece di punirlo. Ma il risvolto negativo dell’avere tanti soldi a disposizione è proprio quello di non sapere più dove spenderli. Tutti i personaggi benestanti del racconto sono infatti dipendenti da qualcosa, che sia fumo o droga. L’intero romanzo gioca sui vizi dei ricchi e sui pregiudizi che si hanno sui poveri, portando all’estremo la caricatura della società odierna.
La trama del libro è avvincente, ma non quanto la sua stesura. Il romanzo è troppo dettagliato, tendendo così ad essere prolisso e noioso. I colpi di scena sono sì presenti, ma vengono assorbiti e minimizzati da descrizioni superflue e riflessioni dei personaggi. Nel complesso è un libro che non consiglierei, in quanto l’interesse che la trama aveva suscitato in me è stato spento dal modo di scrivere dell’autore.

Inventa un nuovo titolo

Dimagra

La frase che ti è piaciuta di più

“La mia definizione di idiota è precisamente questa: ‘un tizio che non crede a quel che vede”

La musica che metteresti come colonna sonora

Una musica lenta

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Uno scontro tra ricchezza e magia


"L'occhio del male" di Stephen King è un ennesimo caposaldo del genere horror moderno; in esso King non lascia mai andare la "corda" su cui tiene il lettore, il quale è in balia dell' inquietudine in cui viene immerso fin dall'inizio del romanzo. All'avanzare della trama, in modo simile al protagonista, si perde ogni raziocinio e si finisce con l'aggrapparsi alla più remota possibilità di risoluzione del problema. I personaggi sono estremamente umani, non si percepisce alcun artificio letterario , infatti si può godere di un ampio spettro emozionale per ogni personaggio. Lo sviluppo della trama procede a "saltelli" costanti che coincidono con speculazioni e realizzazioni del protagonista riguardo l'antefatto e la sua attuale condizione.

Inventa un nuovo titolo

il tocco della giustizia

La frase che ti è piaciuta di più

"Dimagra, coca-coca-coca, din-din, dimagra, din-din era sua moglie, Billy, din-din-coca-dimagra, sua moglie din-din, sei nei guai, sei in grossi guai!"

La musica che metteresti come colonna sonora

Jocelyn Flores

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

"Stephen King di nuovo alle prese con un'incredibile tragedia, vi mancherà l'aria"


questo libro inizia con un ritmo alquanto lento che subito vi farà pensare di abbandonarlo ma superato questo ostacolo vi farà rimanere attaccati ad esso fino al finale alquanto inaspettato.il genere horror penso sia il mio genere letterario preferito e, personalmente, penso che questo libro rispecchi tutte le caratteristiche che un opera di quel genere deve avere misto anche a caratteristiche thriller.

Inventa un nuovo titolo

Dimagra

La frase che ti è piaciuta di più

Non c'è né la ragione assoluta né il torto assoluto; c'è del grigio, in gradazioni differenti che sfumano l'una all'altra.

La musica che metteresti come colonna sonora

.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

la copertina penso non sia del tutto azzeccata poiché descrive poco del racconto e con il titolo c' entra poco e niente

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

sensi di colpa una maledizione... inizia la tua fine


Complessivamente bel libro, molto intrigante, con la solita fluidità di Stephen King, la storia incuriosisce molto il lettore, ma lascia l’amaro in bocca sul finale.

Inventa un nuovo titolo

La Maledizione

La frase che ti è piaciuta di più

“La mia definizione di idiota è precisamente questa: un tizio che non crede a quel che vede"

La musica che metteresti come colonna sonora

Inferno de Mater Tenebrarum

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Non fa intuire per niente ciò che è il libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Ci credevi solo da piccolo, alle maledizioni, forse hai ragione, è solo un’invenziome, oppure...

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Complimenti, una storia che poteva sembrare banale ma che si è dimostrata molto intrigante!


"L'occhio del male" è un racconto horror scritto dal famoso autore Stephen KIng con lo pseudonimo di Richard Bachman. Il libro in qualche modo presenta un aspetto intrinseco della personalità dello scrittore, del suo modo di pensare e di vedere il mondo. Nonostante Stephen King sia un celebre scrittore talentoso, creativo e pieno di inventiva, credo che questo libro non sia all'altezza delle aspettative e che il finale lasci un po' a desiderare . Infatti, le numerose descrizioni e inserzioni, che non hanno niente a che fare con l'intera vicenda, rallentano il ritmo della narrazione e annoiano il lettore. Tuttavia, penso che la trama sia molto interessante e intrigante, seppur sia stata elaborata in modo poco originale

Inventa un nuovo titolo

La vendetta dello Zingaro

La frase che ti è piaciuta di più

Le vene sul suo volto tracciavano una fitta maglia di rete da pesca.

La musica che metteresti come colonna sonora

Sei Capricci per violino solo, Salvatore Sciarrino

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Personalmente, credo che la copertina sia un po' insulsa in quanto non cattura l'attenzione del lettore. Inoltre, dal punto di vista estetico non amo il titolo scritto a caratteri cubitali.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

E tu ci credi nelle maledizioni?


Questo libro, targato Stephen King, è insolitamente diverso da altri titoli che conosco dell’autore. Sebbene la storia sia interessante e molto avvincente, non sono state, secondo me, sfruttate a pieno le sue potenzialità. Sono presenti, infatti, tutti gli elementi per una trama originale, ma l’autore non è riuscito a renderla “credibile”. Mentre proseguivo nella lettura, ho incontrato numerosi elementi distrattivi e pleonastici che non avevano niente a che fare con con la storia e con i personaggi. Inoltre, non ho del tutto apprezzato l’inserzione dei pensieri del protagonista all’interno delle pagine perché li ho trovati alquanto fuorvianti e talvolta noiosi. Nonostante queste caratteristiche che hanno influenzato negativamente sulla mia valutazione di questo libro, come ho precedentemente detto, ho, però, apprezzato la storia in generale e l’idea peculiare che ha avuto l’autore. Il tema della maledizione e del conseguente sentimento di paura e ansia che pervadono il protagonista sono stati ben inseriti all’interno del racconto. Il finale è un finale che si discosta da quelli solitamente caratteristici delle storie horror, poiché presenta un velo di comicità ed allo stesso tempo anche di drammaticità; è un finale che può essere aperto o chiuso, che può piacere o deludere.

Inventa un nuovo titolo

'Dimagra'

La frase che ti è piaciuta di più

"Per tutta la vita non ha fatto altro che muoversi da un posto all'altro, cacciato via da una città appena la brava gente del posto ha avuto la marijuana o l'hashish che voleva, appena ha perso tutte le monetine che voleva perdere alla riffa. Per tutta la sua vita ha sentito parlare degli zingari come di feccia. La brava gente ha le sue radici, lui no. Questo tipo, Halleck, ha visto gente che appiccava il fuoco a tende di canapa per farsi quattro risate [...]. Magari ha visto i suoi figli, o quelli dei suoi amici, bastonati finché non erano mezzi morti [....]. E a coronamento di tutto questo, Halleck, arriva la frustata finale. Un avvocato dal triplo mento e dalla faccia da bulldog ti stende la moglie per la strada. [...]. E tu speri che stavolta, solo per stavolta, ci sarà un po' di giustizia [...], no, ti meriti tutto." (pagg. 118-119)

La musica che metteresti come colonna sonora

Bloodhail- Have a Nice Life

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina, raffigurante una mano, rispecchia in modo migliore l'intera trama. Essendo un elemento caratteristico della storia, l'autore non riesce subito a comprenderne il significato, ma poi quando si addentra nella lettura riesce a cogliere il riferimento. Pertanto reputo che sia una copertina più che ottima.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

'La vita del protagonista, Billy Halleck, finirà per essere totalmente sconvolta da un avvenimento imprevedibile'


In questo romanzo sono molti i temi che vengono trattati: alcuni di centrale importanza, altri più nascosti; in entrambi i casi ci descrivono la società moderna e i suoi più grandi difetti.
La prima tematica che viene a galla è quella delle dipendenze dei personaggi. Il primo capitolo inizia infatti con Billy sulla bilancia che segna 111 chili: il cibo è il grande vizio del protagonista, per la moglie, invece, è il fumo e per il medico la droga.
Un altro tema di fodamentale importanza è sicuramente il senso della giustizia. Attraverso il caso di Billy in tribunale, assisitiamo ad una legge che non è uguale per tutti, perchè ovviamente il giovane e benestante avvocato ha avuto la meglio sul vecchio e povero zingaro.
Il protagonista, accompagnato da quasi tutta la gente della città, ha paura di loro. Il loro campo nomadi, le loro acrobazie circensi vicino alla strada speventano le pesone. Ciò rispecchia la nostra società, dove tutti hanno paura di ciò che è nuovo e diverso.
La trama è molto originale e avvincente ma non sono dello stesso parere riguardo all’intero racconto. Le descrizioni sono troppo dettagliate, l’autore si sofferma su scene di poca importanza. Sono consapevole che ciò è stato fatto intenzionalmente per rallentare il ritmo del racconto e aumentare di conseguenza la suspance nel lettore, ma ho trovato la lettura troppo lenta e noiosa.

Inventa un nuovo titolo

La maledizione

La frase che ti è piaciuta di più

Dio mio, rieccomi a te, in accordo con la tua eterna legge. Mantieni, ti prego, questo avvocato in ascesa esente dall’infarto o dall’ictus che secondo qualsiasi tabella statistica al mondo può ben aspettarsi entro l’età dei quarantasette anni. In nome del colesterolo, dei trigliceridi e dei grassi saturi, amen.

La musica che metteresti come colonna sonora

musica horror

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Libro perfetto per chi ama il mistero e i finali imprevedibili.


Come tutti i libri di King, anche questo racchiude della suspance che ti accompagna fino alla fine della lettura. Spesso l'autore mette in luce la vita agevolata delle persone ricche che, la maggior parte delle volte, "hanno il coltello dalla parte del manico" e non pagano mai per le loro azioni. In questo caso subentra però un diverso tipo di giustizia, quasi primitivo, al quale non ci si può sottrarre indipendentemente dalla propria ricchezza materiale. Ho trovato, per molti versi, questo libro particolarmente inquietante, specialmente se si fa riferimento alla caduta del protagonista, lenta e dolorosa, in modo tale che si rendesse pian piano conto di ciò che aveva fatto e che lo ha gettato in un persistente stato di angoscia. Ritengo infatti che questo non sia un classico thriller, dato che sappiamo sin dall'inizio i ruoli di tutti i personaggi.
Per quanto riguarda la modalità di scrittura, ho trovato alcune analogie con il libro "Venere privata" di G. Scerbanenco. Entrambe le letture infatti partono con un ritmo indubbiamente lento, per poi aumentare a maoi a mano che si prosegue, creando così un climax di suspance crescente.
Ho trovato però che le ripetute riflessioni del protagonista, per quanto fondamentali, abbiano rallentato leggermente il ritmo del racconto, il che potrebbe avere, in base a diversi punti di vista, aspetti negativi o positivi, in quanto potrebbe appunto far perdere la frenesia caratteristica oppure darci dei momenti di pausa da tutta quella suspance. Io credo che ciò non disturbi particolarmente il ritmo della lettura, soprattutto perchè l'autore lo compensa con colpi di scena dietro ad ogni pagina.
Un'altra cosa che mi è piaciuta particolarmente è il fatto che l'autore non ci rivela mai troppo del finale, facendo aumentare così la tensione e lasciando aperta la possibilità di costruirci un finale tutto nostro e sicuramente differente da quello originale, del tutto inaspettato.
In fin dei conti, come credo si sia potuto capire dalla recensione, ho apprezzato molto questo libro e sono sicura che potrebbe piacere a tutti coloro che, come me, sono in cerca di qualcosa che li possa tenere costantemente sulle spine e che li incentivi ad andare avanti con la lettura.

Inventa un nuovo titolo

Dimagra

La frase che ti è piaciuta di più

"Dimagra" gli aveva detto il vecchio zingaro, e nonostante la mano callosa, la sua carezza era delicata come quella di un'amante

La musica che metteresti come colonna sonora

Sweet dreams- Marilyn Manson

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina non mi dispiace. Credo che dovrebbe raffigurare la mano dello zingaro che accarezza la guancia del protagonista. Tuttavia la prima volta che l'ho vista, non riuscivo a trovare un nesso tra l'immagine ed il titolo, dato che parlano di due parti del corpo differenti.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro che riesce a farsi leggere


Questo libro, che mi fu descritto come un "thriller" intrigante, contorto ma affascinante, mi ha lasciato senza un minimo d'entusiasmo. In maniera più semplice da spiegare, questo libro l'ho trovato difficile da leggere, in alcuni punti troppo confusionale, dispersivo e la concentrazione che si riponeva in quel libro, per quanto si cercasse di ritrovarla, si perdeva dopo poche righe. Ho trovato alcuni romanzi di Stephen Curry più interessanti e intriganti.

Inventa un nuovo titolo

Dimagra

La frase che ti è piaciuta di più

“La mia definizione di idiota è precisamente questa: un tizio che non crede a quel che vede

La musica che metteresti come colonna sonora

Eminem- Lose Yourself

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Credo che la copertina sia ciò che induce il lettore a leggere il libro. Se dapprima non ti colpisce la copertina, difficilmente il libro riuscirà a catturare la tua attenzione. La copertina penso non sia in tema con la storia. Questo perché la mano rossa che troviamo nella parte sinistra della copertina dà l'idea di una storia che racconta di un omicidio, una storia contorta. Quindi, secondo il mio parere, la copertina è in parte fuori tema.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

non saprei


È un libro molto interessante, anche se non sono un amante degli horror, questo romanzo mi ha attirato

Inventa un nuovo titolo

L'anatema del zingaro

La frase che ti è piaciuta di più

Non saprei. Come ho già detto, non sono un'amante degli horro, quindi nessuna frase ha attirato, particolarmente, la mia attenzione

La musica che metteresti come colonna sonora

Musica horror

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

È una bella copertina, però non rispecchia la storia

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Sei alla ricerca di un bel romanzo, horror, e che ti tenga il fiato sospeso fino alla fine? Allora questo è il libro che fa per te!


questa lettura è stata molto interessante, la storia è intrigante e descritta bene , la trama abbastanza semplice è narrata in modo interessante.
king ci vuole non solo raccontare una nuova storia ma anche far vedere i vizi delle persone che circondano il protagonista, inoltre il valore della vendetta è enfatizzato.

Inventa un nuovo titolo

la vendetta

La frase che ti è piaciuta di più

"la prossima volta che ci vedremo, Krick io sarò disteso in una specie di scatola di legno con un cuscino di seta sotto la testa"

La musica che metteresti come colonna sonora

"THE END OF THE WORLD"

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

la copertina è carina

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

cosa potrebbe succedere a ognuno di noi


Dal titolo del libro mi aspettavo qualcosa di diverso; ma è comunque un buon romanzo.
Stephen King non ci delude mai.

Inventa un nuovo titolo

La vendetta dello zingaro

La frase che ti è piaciuta di più

Non c'è né la ragione assoluta né il torto assoluto; c'è del grigio, in gradazioni differenti che sfumano l'una all'altra.

La musica che metteresti come colonna sonora

in the end - Linkin Park

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

L'occhio del make capolavoro di Stephen King


Davvero un bel libro, un misto tra horror e thriller, consigliato a coloro che vogliono avvicinarsi al genere horror. Il libro è scritto in maniera scorrevole, ha una trama originale , e per questo non fa mai annoiare il lettore, inoltre crea molta suspense nel lettore, spingendolo a continuare fino alla fine. L' unica cosa che non mi è piaciuta del libro, è stato il titolo, che secondo me non rispecchia molto la trama.

Inventa un nuovo titolo

La maledizione dello zingaro

La frase che ti è piaciuta di più

Non guadagni niente a raccontare storie a te stesso.

La musica che metteresti come colonna sonora

"Let me entrain you"-Robbie Williams

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

la copertina rappresenta una mano rossa, che sembra macchiata di sangue. Io penso che la mano raffigurata in copertina, rappresenti la mano dello zingaro che ha trasmesso la maledizione al protagonista.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Dal re dell' horror Stephen King, il libro che vi terrà con il fiato sospeso per 299 pagine.


In molti lbri di King viene sottolineata la vita agevolata delle persone ricche, che hanno sempre il coltello dalla parte del manico e non rispondono mai delle loro azioni sbagliate. In questo caso subentra un tipo arcaico di giustizia, alla quale non è possibile sottrarsi dando fondo alle proprie ricchezze materiali.
La discesa è lenta ma costante, precipitando il protagonista in un’esistenza angosciosa.
Improvvisamente, grazie alla sua caparbia aggressività, appare all’orizzonte un’ occasione da cogliere al volo.
Egli deve però domandarsi se può accettare ciò che viene chiesto in cambio.
In definitiva, consiglio la lettura di questo libro dalla trama solida e ingegnosa.

Inventa un nuovo titolo

La maledizione

La frase che ti è piaciuta di più

“La mia definizione di idiota è precisamente questa: ‘un tizio che non crede a quel che vede”

La musica che metteresti come colonna sonora

Thinner di Daniel Licht

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

E' un po strana, quella che avevo io era meglio.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Intriso di male...vi terra' con il fiato sospeso fino alla fine.


il libro personalmente mi è piaciuto,soprattutto quando la storia comincia ad acquisire un ritmo più veloce di quello iniziale. Infatti le prime 10-15 pagine descrivono il protagonista, la sua vita e la premessa ai fatti che susseguono;ciò ostacola quindi una lettura fluida del libro. Inoltrandosi nella storia però il ritmo aumenta e si verificano catene di colpi di scena, rivelazioni imprevedibili e momenti di suspence che spingono il lettore a continuare a girare pagina incuriosendolo fino al finale a sorpresa,molto aperto,che permette di interpretare il libro in mille modi differenti. Ne consiglio la lettura agli amanti della suspence e dei colpi di scena.

Inventa un nuovo titolo

la maledizione dell'innocente

La frase che ti è piaciuta di più

Zingaro: Non c'è colpa, dici tu. Lo dici e lo ripeti. Ma tutti pagano, anche per quello che non hanno fatto.

La musica che metteresti come colonna sonora

Xo tour lif3- Lil Uzi Vert

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Credo che la copertina sia poco coerente rispetto al contenuto del libro in quanto non vi appaiono episodi rilevanti che hanno come simbolo una mano rossa.Io avrei optato su un' impronta di un bacio riferito a quando lo zingaro pronuncia la parola "Dimagra" all'orecchio di Billy.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

A volte non basta chiedere scusa...


"Dimagra". Basta questa parola a distruggere la vita perfetta di Billy Haleck, avvocato di successo, sposato con una donna che lo adora e padre di una'amorevole figlia.
Dopo aver accidentalmente investito la figlia di uno zingaro ed essere stato scagionato da un suo amico giudice, Billy è convinto che il suo continuo dimagrimento sia opera di un sortilegio del padre della vittima, per vendicarsi di quanto accaduto.
Senza nessuno che gli creda, Billy inizierà la sua battaglia per porre fine a questa maledizione prima che sia troppo tardi. Ma, come spesso si evince nel corso della storia, tutto accade perché le persone non sono capaci di guardare...
Ho trovato la trama di questo racconto molto avvincente dal punto di vista della storia e, anche se in certi punti l'autore si è soffermato un po' troppo, rendendo la narrazione leggermente "soporifera", il libro ha un' idea di base talmente interessante che si legge praticamente da solo. Il finale poi mi ha lasciato veramente a bocca aperta. Consiglio vivamente questo libro a tutti gli amanti dei thriller come si deve e agli appassionati di Stephen King.

Inventa un nuovo titolo

115 kili dalla morte

La frase che ti è piaciuta di più

tutto accade perché le persone non sono capaci di guardare.

La musica che metteresti come colonna sonora

interstellar-cornfield chase

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

secondo me non rende molto l'idea del libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Ogni giorno un giorno in meno per liberarsi di una terribile maledizione.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

GRANDE!


questa è una storia molto strana però intrigante, mi è piaciuta molto in quanto è un libro basato su una maledizione.

Inventa un nuovo titolo

Taduz e la sua maledizione

La frase che ti è piaciuta di più

“La mia definizione di idiota è precisamente questa: un tizio che non crede a quel che vede"

La musica che metteresti come colonna sonora

musica horror

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

la copertina è bella però non dice niente della storia.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

un romanzo horror molto intrigante


Questo racconto mi è piaciuto molto, la trama l'ho trovata molto scorrevole e scritta con parole semplici.

Inventa un nuovo titolo

La punizione

La frase che ti è piaciuta di più

"Dimagra" gli aveva detto il vecchio zingaro, e nonostante la mano callosa, la sua carezza era delicata come quella d'un amante.

La musica che metteresti come colonna sonora

Una musica carica di aspettative.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina mi è piaciuta.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

"tutti i nodi vengono al pettine"

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Libro molto avvincente e ricco di suspense.


Questo libro, nonostante non lo abbia letto tutto, mi è in parte piaciuto e in panon della rte no.
Iniziando il libro, c'erano circa sei o sette pagine in cui si parla dell'autore e non della storia, per cui già con quelle pagine il lettore si annoiava. Secondo il mio punto di vista sarebbe stato meglio se queste pagine fossero state messe alla fine, cosicchè il lettore entrasse subito nella storia. Un'altra cosa che non mi è piaciuta è che su alcune scene l'autore si è soffermato troppo rendendo, per me, la lettura pesante e non scorrevole.
Una cosa che invece ho apprezzato è l'idea della storia, ovvero che questa persona sia maledetta e pian piano debba fare i conti con la sua fine.
Consiglio queto libro a chiunque piacciano le storie in cui sono presenti maledizioni e cose simili.

Inventa un nuovo titolo

Una maledizione per Billy Halleck.

La frase che ti è piaciuta di più

Nessuna in particolare.

La musica che metteresti come colonna sonora

Non saprei. Una colonna che riesca ad esprimere in qualche modo i sentimenti e l' angoscia provati dal protagonista.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina non mi piace per niente anche se forse l'autore ha scelto una mano insaguinata proprio per focalizzare il tocco maledetto dello zingaro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro che trasporterà tutti gli appasionati dell'horror in una nuova e angoscinte storia.