2017 - 2018

Xanadu

2017 - 2018

Fratelli nella notte

Cristiano Cavina

Feltrinelli, 2017


"È andata a chiamare vostro fratello,” disse il partigiano ferito. Tarzan smise di respirare, sbattendo le palpebre sporche di terra. Nonostante il freddo stava sudando, e gli bruciavano gli occhi. In verità, non sapeva se suo fratello sarebbe venuto.

Quando si studia la guerra a scuola si è abituati ad un elenco di eroiche battaglie, a portare a memoria date e nomi, a ricordare chi in prima linea ha combattuto. Ma ci sono anche uomini e donne che la prima linea l'avevano in casa, che hanno subito perdite enormi e che col passato non hanno mai veramente chiuso. Questa storia racconta di uomini, grandi e piccoli, di fatiche indicibili e di piccoli gesti che possono cambiare il destino per sempre.

Due fratelli, divisi dall'età, da scelte differenti, da modi di pensare non comuni, si ritrovano di nuovo insieme in un momento tragico della nostra storia. È il 1944, e l'Italia sta combattendo una guerra interna, i soldati da una parte e i partigiani dall'altra. Mario è giovane e inesperto e si ritrova ferito grevemente. Immobilizzato e in compagnia di uno sconosciuto, sepolto dal fango, spera di essere salvato da Gianì, suo fratello maggiore, ma sono anni che non si vedono e non si parlano.

Un romanzo capace di dare voce ai vinti, ai poveri, a chi la guerra non la voleva fare.

Questa storia è presente in altre edizioni di Xanadu: 2018 - 2019

Questo libro mi è piaciuto, in primo luogo per il coinvolgimento della trama e, soprattutto per la scorrevolezza del racconto. Il lessico non mi è sembrato complicato e la lettura era abbastanza facile.
Inoltre, mi è piaciuto perché riesce a farti immedesimare nei personaggi, in eventi realmente avvenuti come la Seconda Guerra Mondiale. Consiglio questo libro a tutti soprattutto alle persone che leggono meno, visto che il libro non è molto lungo o impegnativo

Inventa un nuovo titolo

Fratelli oltre la guerra

La frase che ti è piaciuta di più

"Uno sconosciuto che aveva combattuto una guerra soltanto sua, quella per restare vivo"

La musica che metteresti come colonna sonora

io metterei una musica con suoni abbastanza cupi, in modo da risaltare di più i momenti tristi del testo

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

secondo me la copertina non è molto adatta perché guardandola non riesco a ricollegarla molto al testo

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

La guerra divide, non unisce


Un bel libro che tratta un argomento profondo come la guerra. Breve ma intenso.

Inventa un nuovo titolo

Sopravvivere in guerra

La frase che ti è piaciuta di più

Per tanto tempo ho vissuto in mezzo a persone la cui natura mi sfuggiva.

La musica che metteresti come colonna sonora

Three little birds (Bob Marley)

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Semplice, ma assalta agli occhi

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Non sai mai il valore di ciò che perdi fino a quando non la perdi


"I fratelli nella notte" un libricino che custodisce la memoria di un nipote, l'autore, che riguarda il suo prozio e suo nonno durante la seconda Guerra Mondiale.
La storia è semplice e segue le vite di Tarzan e del nonno di Cavina, Gianì entrambi nomi battaglia in una Romagna contadina e povera. Due fratelli che non sj sono mai parlati, non solo per il lavoro nei campi che lasciava stremati con il vuoto nella testa, ma anche a causa della differenza di età.
Cavina descrive i protagonisti nel passato e nel futuro, due uomini uniti dalla notte in cui Tarzan venne colpito da una granata e una giovane ragazza per salvarlo chiamò Gianì, il fratello più grande, per metterlo in salvo rischiando ogni cosa nel caso fossero stati visti e riconosciuti o presi.
Cavina ci racconta l'atmosfera che si respirava, come vivevano la ribellione partigiana e gli attacchi tedeschi, la paura, i campi di grano secchi. Un viaggio in salita verso due vite parallele che cambierà per sempre i due fratelli che scoprono di non poter fare a meno l'uno dell'altro solo in età adulta.

Il racconto è piacevole, non ha ambizione se non quella di raccontare al meglio una storia che è nella memoria di tante famiglie con nonni, padri e fratelli. Un pezzo di Storia che finalmente riesce a conquistare ogni lettore.

Inventa un nuovo titolo

due vite parallele

La frase che ti è piaciuta di più

“Lui la guardava con quei suoi occhi blu e poteva solo grugnire soddisfatto, perché a parlare di certe cose che sentiva dentro non glielo aveva mai insegnato nessuno. Ma Lucia lo capiva lo stesso, e a Mario bastava così”

La musica che metteresti come colonna sonora

jazz

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Penso che sia piuttosto enigmatica, perché guardandola non mi sarei mai aspettato che parlasse di guerra.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

"la storia in grado di trasportarti in un altra epoca"


Il romanzo breve di Cristiano Cavina ha suscitato in me una differente chiave di lettura emotiva e riflessiva. Ho avuto l’opportunità di affrontare una tematica prettamente storica attraverso la narrazione di un legame umano assai coinvolgente, ma allo stesso tempo incerto, ricco di distacchi e silenzi. Tuttavia la presenza di continui cambi di scena ha reso la lettura discontinua, creando a mio parere, una trama semplice ma intrinseca di significati nascosti. Inoltre ho trovato difficile muovermi nell’ambito connotativo presentato dall’autore. Ritengo però che il tema principale del romanzo e il messaggio umano trasmesso, siano chiari e trattati in maniera approfondita ed introspettiva. Colpisce il messaggio di fratellanza. Fratelli che senza la guerra non sarebbero mai stati così uniti. La guerra con il suo orrore può anche avvicinare persone molto diverse tra loro. D’altro canto la pace non è sempre garanzia di fratellanza.

Inventa un nuovo titolo

La guerra che unisce

La frase che ti è piaciuta di più

“Ha fallito per tutta la vita, e niente potrà mai cambiare questo. Ma per tutta la vita è stato anche l’uomo che si è caricato le spalle un fratello ferito, e per venti chilometri, attraverso la notte, lo ha portato al sicuro a casa.”

La musica che metteresti come colonna sonora

Malinconica

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Non è mai troppo tardi per afferrare la mano


Questo libro mi è piaciuto per la sua scorrevolezza e la facilità con cui si riesce a leggere, dati da un uso semplice del lessico.
Inoltre, mi è piaciuto come questo romanzo narri di fatti passati, nello specifico quelli della Seconda Guerra Mondiale, riuscendo a far capire la durezza e la difficoltà di vivere in quel periodo.
Consiglio la lettura di questo libro perché dopo poche pagine cattura già l'attenzione e spinge a proseguirlo; inoltre, essendo pure un libro abbastanza corto, incentiva la lettura dei lettori meno assidui.

Inventa un nuovo titolo

Fratelli per la vita

La frase che ti è piaciuta di più

Ha fallito per tutta la vita, e niente potrà mai cambiare questo. Ma per tutta la vita è stato anche l'uomo che si è caricato in spalla un fratello ferito, e per venti chilometri, attraverso la notte, lo ha portato al sicuro a casa.

La musica che metteresti come colonna sonora

/

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Secondo me la copertina è adatta al contenuto del libro anche sarebbe stato meglio aggiungere i due fratelli in primo piano.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Un libro con un legame fortissimo

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Volevo dirle che ha scritto un libro davvero magnifico, capace di rievocare le storie delle persone che nel passato si sono sacrificate per un bene comune.


Questo "racconto lungo" mi è in parte piaciuto e in parte no. Mi è piaciuta la visione che ci da l'autore della guerra, e cioè da parte di un semplice contadino costretto a diventare soldato. Ho anche apprezzato l'amore che mette lo scrittore nella descrizione dei luoghi. Ma questo aspetto della narrazione l'ho anche trovato in alcuni punti esagerato: secondo me non serve descrivere così minuziosamente i paesaggi e inserire nomi tanto numerosi. Un altro aspetto che non mi è piaciuto è la quasi assoluta mancanza di emozioni da parte dei due protagonisti: ci viene raccontato l'aspetto e le caratteristiche di personaggi secondari ma non dei due fratelli.

Inventa un nuovo titolo

Il titolo che ho scelto è "Tarzan e Gianì" perche incuriosisce e identifica i protagonisti, invece "Fratelli nella notte" mi fa pensare a contenuti emotivi che invece non ci sono.

La frase che ti è piaciuta di più

La frase che mi è piaciuta di più è la seguente: "Alè, che ci tocca andare a morire". Questa frase è pronunciata dai soldati più esperti quando arrivano le casse di vino prima della battaglia. So che l'ubriacarsi è tipico di tutte le guerre e ho dunque trovato questa frase molto vera.

La musica che metteresti come colonna sonora

La musica che metterei come colonna sonora è quella folkloristica emiliana o anche dei canti partigiani, questo perché l'Emilia-Romagna è la regione dove si svolge il racconto, e per creare un contrasto tra la tristezza della guerra e il folklore del popolo.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Trovo che la copertina attiri a leggere anche grazie allo sguardo che ci rivolge il viso in copertina, ma forse sono presenti un po' troppi colori che riportano alle emozioni che sono scarse in questo libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

"Non solo resistenza", questo perché il il


Ho trovato questo libro molto piacevole, intenso e scorrevole grazie al registro medio/basso utilizzato dallo scrittore. Un aspetto del libro che mi ha colpito particolarmente é l’affetto che, nelle difficoltà, emerge tra Gianì e Mario(Tarzan), i due fratelli che danno il titolo al romanzo e che, per la grande differenza di età, sono pressoché estranei. Lo consiglio perché è un libro che coinvolge sin dalle prime righe.

Inventa un nuovo titolo

Niente è più forte della fratellanza.

La frase che ti è piaciuta di più

“Ha fallito per tutta la vita, e niente potrà mai cambiare questo. Ma per tutta la vita è stato anche l’uomo che si è caricato in spalla un fratello ferito, e per venti chilometri, attraverso la notte, lo ha portato al sicuro a casa”. Che dimostra che anche una persona non realizzata e piena di difetti può compiere un atto eroico.

La musica che metteresti come colonna sonora

Metterei una colonna sonora con suoni cupi e tristi come ad esempio il Concerto in B minore per piano e violino di Oscar Rieding.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Secondo me la copertina non è adatta, non mi sembra che attragga il futuro lettore; io avrei messo in primo piano Tarzan sepolto da fango e foglie e in lontananza il fratello Gianì.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

La fratellanza vince su tutto!

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Avrei preferito un libro un po’ più sviluppato nel tempo e con i capitoli maggiormente legati tra di loro, per poter continuare a seguire le avventure dei due fratelli.


Questo libro nel complesso mi è piaciuto molto, nonostante abbia trovato alcuni aspetti al suo interno che personalmente non ho apprezzato. Gli aspetti che mi sono piaciuti maggiormente in questo romanzo sono stati innanzitutto la lettura di facile comprensione, resa possibile dal registro medio/basso utilizzato dall’autore, e gli argomenti carichi di significati trattati all’interno del romanzo. Questi vengono analizzati e raccontati con un punto di vista diverso dal solito, per esempio, la guerra ci viene raccontata da uomini che la stanno vivendo personalmente e in questo modo veniamo a conoscenza delle loro emozioni e pensieri. Poi ho apprezzato l’evoluzione del rapporto fra i due protagonisti che accompagna il lettore durante tutta la narrazione. Per concludere, l’aspetto che non mi è piaciuto di questo libro è la quantità di sequenze descrittive molto dettagliate e minuziose che dal mio punto di vista sono superflue e rallentano la narrazione.

Inventa un nuovo titolo

Il titolo che ho inventato per questo romanzo è “Fratelli di guerra” oppure “Uniti per necessità”.

La frase che ti è piaciuta di più

"Uno sconosciuto, che aveva combattuto una guerra soltanto sua, quella per restare vivo.” Ho scelto questa citazione dal libro perché il protagonista, Mario, non ha mai voluto realmente andare in guerra e combattere per paura di morire. La sua guerra infatti era quella di nascondersi per evitare la battaglia e le armi. Mario ha da sempre avuto paura delle armi e della guerra, ma personalmente penso che l’autore voglia farci riflettere sull’inutilità della guerra, che gli uomini combattevano perché la consideravano un “dovere”.

La musica che metteresti come colonna sonora

La musica che metterei come colonna sonora del romanzo è “G come Giungla” di L. Ligabue. Ho scelto questa canzone perché nella seconda strofa l’autore parla della guerra, e di come i soldati, e non solo, per sopravvivere devono necessariamente cambiare e non basta nascondersi all’infinito. Ho trovato molte affinità tra il romanzo di Cavina e la canzone di Ligabue.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Io penso che la copertina di questo romanzo sia stata scelta abbastanza bene. Forse non rende l'idea del tema centrale del romanzo, per questo a primo impatto non le si darebbe significato, ma dopo la lettura la si può comprendere pienamente.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

“Fratelli nella notte, un romanzo realistico che ti catapulta nell’atmosfera della Seconda Guerra Mondiale, dove anche il rapporto tra due fratelli può essere stravolto”.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Complimenti! Questo libro mi ha fatto appassionare e l’ho trovato interessante e coinvolgente, ma vorrei sapere com’è riuscito ad ottenere un così tante informazioni dettagliate relative alle vicende narrate. La storia è avvincente e i contenuti mi hanno fatto riflettere molto su ciò che noi nella nostra società diamo per scontato senza sapere quanto si ha lottato per ottenerlo.


Mi è piaciuto molto questo romanzo perché mi ha fatto ripensare ai racconti che, fin da bambino, ho sentito dai miei nonni sul terribile periodo della seconda guerra mondiale. L’avanzata dei tedeschi , la resistenza partigiana hanno sconvolto anche i piccoli paesi di campagna e la vita già dura dei loro abitanti. Il romanzo è infatti ambientato nelle campagne romagnole e descrive con grande realismo il mondo contadino di allora, la vita dura nei campi, le poche parole pronunciate in dialetto. Il racconto è privo di giudizi e mette a nudo la fragilità, le paure e i sentimenti di due giovani fratelli, Gianì e Mario che, a modo loro e senza troppe parole, hanno saputo essere uno il sostegno dell’altro in vari momenti difficili della vita. Consiglio questo romanzo che pur nella sua brevità ti rimane nel cuore.

Inventa un nuovo titolo

“Le parole del silenzio “ Ho scelto questo titolo perché il romanzo mi è sembrato il modo migliore per dare voce ai sentimenti del “nonno Gianì” e di suo fratello Mario. Il nipote ha saputo guardare oltre l’apparenza, ai comportamenti incomprensibili e ai silenzi e ha dato voce al ricordo.

La frase che ti è piaciuta di più

- “ Con le bestie a quattro anni aveva cominciato a lavorare nei campi e come le bestie aveva imparato ad esprimersi. Ululati di gioia e grugniti, nient’altro. Ogni tanto una lacrima , una sola, grossa come un chicco di sambuco, gli veniva giù da un’occhio. Credo non avesse le parole per dire quello che sentiva”
- “Sentivo di dover scrivere questa storia, perché a me a scuola mi ci hanno mandato, e ho imparato qualche parola in più … appartenevano a un mondo e a un tempo troppo difficili per noi. Come fai a giudicare quella razza di uomini?”
Ho scelto queste due frasi perché danno il senso di questo romanzo che è soprattutto quello di ricordare e dare voce alle vicende di tanti uomini che si sono trovati a vivere, ognuno a loro modo, il dramma della guerra. Tutte queste storie di uomini comuni, con i loro limiti e paure , non dovrebbero essere dimenticate perché costruiscono la nostra storia. Credo inoltre che queste frasi esprimano il profondo legame dell’autore con suo nonno, di cui probabilmente ha fatto sempre fatica a capire il comportamento, ma che non ha mai giudicato.

La musica che metteresti come colonna sonora

La musica che metterei come colonna sonora è Hey Brother di Avicii, perché parla di due fratelli che sono disposti a fare tutto per aiutarsi.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina mi piace perché ben rappresenta lo stato d’animo di Mario che vorrebbe nascondersi e sfuggire dalla realtà della guerra in cui si trova coinvolto. E’ una persona mite, semplice, non capisce la politica e vuole solo riuscire a sopravvivere.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

“L’amore tra due fratelli non ha bisogno di parole .. la storia di Gianì e Mario vi resterà nel cuore “

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Leggendo il tuo racconto ho pensato a mio nonno che al tempo della guerra era un bambino e viveva proprio in un paese di campagna vicino a Bologna. Ho la fortuna di averlo ancora con me e di parlare spesso con lui. Negli anni la sua durezza contadina si è addolcita e anche se non è uno scrittore, ha iniziato a scrivere racconti che mi piace ascoltare.


Questa storia ci insegna l’amore tra due fratelli, che pur avendo vissuto uno indipendentemente dall’altro, nel momento di difficoltà sono spinti a cercarsi. Il loro legame è più forte delle incomprensioni, l’amore fraterno li porta ad aiutarsi a vicenda nel momento del bisogno.Il libro mi è piaciuto perché la storia che racconta è avvincente e spinge sempre di più il lettore ad immedesimarsi nei personaggi. È di facile comprensione e scorrevole.Oltre al legame dei due fratelli, l’autore crea la storia sulla base di fatti realmente accaduti e tutto ciò da ancora piu importanza al valore della famiglia che l’autore vuole trasmettere

Inventa un nuovo titolo

Fratelli sconosciuti

La frase che ti è piaciuta di più

Grugniva, si ricaricava addosso il fratello ferito, e ripartiva. A volte non riusciva ad aggrapparsi ai rami e scivolava indietro per parecchi metri , e doveva ricominciare da capo. La spalla frita tre anni prima in Grecia prese a pulsargli. Non ci fece caso. Grugniva e tirava dritto

La musica che metteresti come colonna sonora

La colonna sonora che racconti della guerra

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Secondo me la copertina rappresenta perfettamente come ci si sente quando un soldato combatte in guerra e ci si deve nascondersi dai nemici

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

L’aiuto da parte del proprio fratello


Questo libro mi è piaciuto perché i due protagonisti sono uomini di poche parole, ma con tanto coraggio. Appartenevano ad un mondo e ad un tempo troppo difficili per noi.
Lo consiglio perché, nonostante sia scritto con un italiano un po’ antico e sia un racconto breve, è ricco di contenuti forti.

Inventa un nuovo titolo

"Amore fraterno...più forte della guerra"

La frase che ti è piaciuta di più

"E Gian^^ì?
Fino all'ultimo giorno gli errori e le delusioni hanno pesato addosso a lui e a quelli che gli vivevano a fianco.
Ha fallito per tutta la vita, e niente potrà mai cambiare questo.
Ma per tutta la vita è stato anche l'uomo che si è caricato in spalla un fratello ferito, e per venti chilometri, attraverso la notte, lo ha portato al sicuro a casa."

La musica che metteresti come colonna sonora

Metterei una melodia antica e con suoni tristi e cupi.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Secondo me la copertina non incuriosisce abbastanza il lettore e non rappresenta al meglio il contenuto del libro.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

"La Guerra e una delle sue tante sfaccettature"

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Vorrei dire all'autore che mi sarebbe piaciuto di più se il racconto fosse stato più lungo, toccando ad esempio più approfonditamente la vita dei due fratelli anche precedentemente all'anno 1944.


il libro è molto bello, scritto bene in un italiano semplice ma non troppo da risultare infantile. tratta di un periodo storico che mi interessa molto. mi è piaciuto molto anche perchè è ambientato in zone non troppo lontane da dove abito io quindi è stato divertente provare a ricordarsi se sono mai stato in quei paesi o ho mai sentito parlare di quelle località.
unica precisazione da fare all'autore riguarda la descrizione di un azione di guerriglia tra partigiani e tedeschi dove viene scritto che il capitano dei partigiani fa fuoco di copertura utilizzando una sten da una parte all' altra della valle ma i colpi pistola mitragliatrice è camerata con cartucce 9x19 parabellum che sono troppo piccole per essere utilizzate per fare fuoco di copertura avendo un tiro utile di 50 massimo 100 m io al posto della sten avrei utilizzato un mg 42 oppure un mg 34

Inventa un nuovo titolo

/

La frase che ti è piaciuta di più

sinceramente non saprei

La musica che metteresti come colonna sonora

/

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

molto bella azzeccata

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

/


Di questo libro devo dire che mi è piaciuto davvero tanto perché lo stile dell' autore rende la lettura scorrelvole e piacevole. Il libro tratta principalmente di fatti accaduti realmente , anche se non attuali, la storia non è affatto banale, anche se il finale lascia molto a desiderare.

Inventa un nuovo titolo

Fratelli quasi sconosciuti

La frase che ti è piaciuta di più

Era nato e cresciuto in tempi difficili, venuto su come una bestia. Con le bestie a quattro anni aveva cominciato a lavorare nei campi e come le bestie aveva imparato ad esprimersi. Ululati di gioia o grugniti, nient’altro. Ogni tanto, una lacrima, una sola, grossa come un chicco di sambuco, gli veniva giù da un occhio. Credo non avesse parole per dire quello che sentiva. La fatica aveva riempito la sua vita, nessuno gli aveva mai insegnato altro.

La musica che metteresti come colonna sonora

Acqua (Malpensandoti) Tedua

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Secondo me rappresenta semplicemente il protagonista per quasi tutta la storia.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Una storia che affascinerebbe chiunque.


Questo romanzo l’ho trovato avvincente e scorrevole soltanto per metà, in quanto nella prima parte mi ha fatto andare un po’ a rilento per poi appassionarmi sempre di più man mano che giravo le pagine.
La lettura, ad eccetto di qualche salto temporale, è di facile comprensione, con un registro medio/basso accessibile a qualsiasi target di lettore.
Uno dei punti migliori di questo libro sta nella grandissima cura al dettaglio che l’autore riserva alla descrizione degli eventi, senza lasciare alcun interrogativo al lettore, ma soprattutto alla grande attenzione e dedizione con la quale Cavina ha saputo descrivere sotto il profilo psicologico e sentimentale i protagonisti delle vicende.
Inoltre mi ha notevolmente colpito l’evoluzione che subisce Gianì da quando suo fratello viene ferito, passando da essere cinico e sfacciato fino a diventare sempre più premuroso ed affettuoso nei riguardi di Mario.
L’unica cosa che cambierei è la parte iniziale, in quanto troppo lenta, noiosa e priva di azione, che diventa la principale protagonista nella parte conclusiva del racconto.

Inventa un nuovo titolo

.

La frase che ti è piaciuta di più

.

La musica che metteresti come colonna sonora

.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

.

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

.


Questo libro mi è piaciuto per alcuni versi e non piaciuto per altri.
Mi è piaciuto perché è una storia interessante e tratta fatti accaduti realmente, citando anche degli squadroni esistiti, ad esempio, e anche la vicenda trai i due fratelli non è banale e non è scontata.
Però la narrazione è abbastanza lenta e molto descrittiva, alcune volte risultava noiosa e i fatti effettivamente avvenuti sono pochi.

Inventa un nuovo titolo

Fratelli ritrovati

La frase che ti è piaciuta di più

"Adesso sono pari?" chiese la mamma, con un filo di voce.
"No," disse Lucia.
"Maledetti somari," disse con quel suo accento indomabile, "siete sempre stati pari."

La musica che metteresti come colonna sonora

"Perfect"-Ed Sheeran

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Penso che la copertina sia abbastanza azzeccata ma penso che dovevano essere presenti tutti e due i fratelli nel bosco oppure solo Tarzan ma nel fango.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

"Fratelli nella notte" vera storia di guerra.


Questo libro mi è piaciuto molto, in particolare per la caratterizzazione dei personaggi estremamente dettagliata ed estremamente realistica. Il ritratto dei due fratelli è tracciato con una precisione incredibile, sembra davvero di aver conosciuto personalmente Gianì e Zio Tarzan.
Mario è un omino di un metro e mezzo, in una società dove la forza fisica è tutto si sente spaesato e inadatto, ha paura. Non conscio di quello che fa si allea con i partigiani e per assurdo, da disertore che era, dona “un metro di budella per la patria”. [...] Gianì è un omone che al tempo stesso sintetizza in sé il significato di “virilità” e “bestialità”. È un uomo spavaldo e fiero di sé stesso, ha un carattere molto difficile, talmente difficile da allontanare piano piano tutti i suoi figli, ad eccezione di Nicoletta, che gli promette di non abbandonarlo purché accetti suo figlio. Sembra che quest’uomo viva solo ed esclusivamente per il lavoro, per la fatica. Fa quasi pietà, un uomo talmente intestardito nel voler dimostrare la sua bravura da rovinarsi la vita e rovinarla alla sua famiglia. Prova rabbia e tanto tanto dolore ma non lo esprime perché “Nessuno glielo aveva mai insegnato". [...]

Inventa un nuovo titolo

Una vita per una notte - siete sempre stati pari

La frase che ti è piaciuta di più

I figli delle stirpi di braccianti campavano come le bestie. Si svegliavano con i buoi, con i buoi andavano a tribolare nei campi.

La musica che metteresti come colonna sonora

.

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Mi sembra perfetta, al primo sguardo ho pensato che se la notte è ben rappresentata, la fratellanza risulta un po' tralasciata poichè il viso in copertina è uno solo, ma guardando attentamente ho notato che quel viso sta guardando verso di me, e che forse è proprio il lettore che deve immedesimarsi in ognuno dei due fratelli

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

due sconosciuti nati dagli stessi genitori


Personalmente non ho apprezzato molto questo libro per vari motivi:
-La storia era abbastanza noiosa perché non erano presenti scene d’azione che normalmente ci si sarebbe aspettati da un libro che parla di guerra;
-Il testo era scritto molto dettagliatamente tanto da risultare pesante e poco scorrevole. Erano presenti troppe ripetizioni e informazioni superflue poco interessanti ai fini della narrazione;
-I personaggi sono poco eroici, tristi e riservati e questo non fa affezionare il lettore.
Capisco che lo scrittore abbia fatto questo libro per raccontare di una storia di guerra diversa dal normale in cui il protagonista non vuole combattere e ha paura delle armi quindi per questo motivo credo che ad alcuni possa piacere ma non è il mio genere di lettura.

Inventa un nuovo titolo

Scappando nel bosco

La frase che ti è piaciuta di più

Fino all'ultimo giorno gli errori e le delusioni hanno pesato addosso a lui e a quelli che gli vivevano a fianco. Ha fallito per tutta la vita, e niente potrà mai cambiare questo. Ma per tutta la vita è stato anche l’'omo che si è caricato in spalla un fratello ferito, e per venti chilometri, attraverso la notte, lo ha portato al sicuro a casa.

La musica che metteresti come colonna sonora

Una colonna sonora di un film di guerra

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

Secondo me sarebbe meglio una foto per copertina e non un disegno però il soggetto va bene.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Libro di un ragazzo che ha paura della guerra ma ci finisce dentro


Secondo me questo libro è bello poichè è scritto con un linguaggio semplice e comprensibile da tutti. Esso non è il solito racconto degli eroi che salvano la vita alle persone,ma racconta in maniera severa il rapporto tra i due fratelli,praticamente privo di nostalgia e di qualsiasi affetto. Nonostante ciò,però, il fratello maggiore accorre in aiuto a quello minore e gli salva la vita riportandolo a casa. Inoltre, questo romanzo racconta in modo dettagliato alcune situazioni della Seconda guerra mondiale in Italia,dunque ha anche un valore informativo e io ritengo che possono leggerlo tutte persone interessate alla storia e ad una "nuova" tpologia di romanzo.

Inventa un nuovo titolo

Un aiuto inaspettato

La frase che ti è piaciuta di più

“Era nato e cresciuto in tempi difficili, venuto su come una bestia.
Con le bestie a quattro anni aveva cominciato a lavorare nei campi e come le bestie aveva imparato ad esprimersi.
Ululati di gioia o grugniti, nient’altro.
Ogni tanto, una lacrima, una sola, grossa come un chicco di sambuco, gli veniva giù da un occhio.
Credo non avesse parole per dire quello che sentiva.
La fatica aveva riempito la sua vita, nessuno gli aveva mai insegnato altro”.

La musica che metteresti come colonna sonora

"Mad World" di Gary Jules

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

La copertina è inerente al contenuto del libro tuttavia si potevano aggiungere due personaggi per rappresentare i due fratelli,oppure qualcosa che riguarda la guerra.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

Guerra, paura,coraggio e due fratelli sconosciuti


Questo romanzo offre nuove prospettive con cui guardare la seconda guerra mondiale, non è una banale descrizione dei fatti accaduti e ciò ha reso la lettura più scorrevole ed intrigante. Lessico semplice, con solamente alcuni termini di guerra poco comuni, che ha aiutato il lettore a focalizzare l'attenzione sui fatti narrati piuttosto che sul modo di esporli. Unico punto debole sono i continui salti temporali che necessitano di grande attenzione per poter essere seguiti. Nel complesso lo consiglio a chiunque per due motivi, sensibilizzare l'opinione comune su temi delicati come la resistenza e comprendere appieno il rapporto amore-odio-indifferenza tra fratelli.

Inventa un nuovo titolo

senza mostri nè eroi

La frase che ti è piaciuta di più

Uno sconosciuto, che aveva combattuto una guerra soltanto sua, quella per restare vivo

La musica che metteresti come colonna sonora

Sono sempre i sogni a dare forma al mondo -Ligabue

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

la copertina è assolutamente perfetta, l'idea di un uomo nascosto che subisce passivamente lo scorrere del tempo è resa molto bene da quel viso nascosto fra gli alberi

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

vivi sempre come se fosse l'ultimo giorno a tua disposizione

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

Immedesimarsi in un'epoca distante è un'opera ardua, ma lei è riuscito a rendere tutto più semplice attraverso la sua scrittura.
La ringrazio per aver scritto questo libro, facendo ciò è come se lei avesse speso parte del suo tempo per me e tutti gli altri lettori.
Le auguro buona fortuna per i suoi futuri progetti.


questo libro non mi è piaciuto molto, la narrazione era troppo lenta e in se la storia era poco interessante. nulla di nuovo, nulla di non già letto.

Inventa un nuovo titolo

fratellanza

La frase che ti è piaciuta di più

aveva vissuto nel mondo come un ospite inatteso a casa d' altri, accettato per pura cortesia.

La musica che metteresti come colonna sonora

run boy run

Cosa pensi della copertina? Vuoi mandare un messaggio all’editore che l’ha scelta?

azzeccata, in armonia con la storia.

Inventa una riga come “fascetta pubblicitaria” del libro

un libro che ti farà vedere sotto un altro punto di vista il legame fraterno

Se ti va scrivi un messaggio all'autore. Chissà, magari riusciamo a mandarglielo

...